Febbraio 1, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il potere dell’amore di Nelson Mandela (+ FOTO)

0512-nelson-mandela 3.jpg

Il dottor Felipe Delgado Bustillo, uno dei primi collaboratori cubani a raggiungere il Sudafrica, può raccontarci tutti i poteri di Nelson Mandela, ma soprattutto la sua capacità di amare il prossimo.

In un’intervista esclusiva con l’agenzia di stampa cubana, Delgado Bustillo ha citato i dettagli del suo incontro con l’allora leader dell’ANC e gli aneddoti relativi a una fotografia storica come suggello di quella cena privata che Mandela gli diede.

“Delle mie otto missioni internazionali, la maggior parte sono state in Africa, ma la prima ha avuto luogo nel territorio del Sud Africa nel 1992, come consulente del Dipartimento della Salute della Central News Agency.

0512-nelson-mandela 4.jpg

“In risposta alla richiesta di Mandela durante la sua visita a Cuba nel luglio 1991, fu inviata nell’isola la prima rappresentanza, composta dal dottor Carlos Mas Zabala, funzionario del Comitato Centrale del partito, e da me. Abbiamo girato il paese, il istituzioni, e conobbe i promotori di quella che è oggi la forte presenza medica cubana in quella nazione.

Potrebbe interessarti: Fidel e Mandela, fratelli che litigano (+ foto) Fidel e Mandela, fratelli che litigano (+ foto)

“Quei sei mesi di lavoro con CNA e varie ONG sono stati un’esperienza straordinaria.

Quando siamo arrivati, il 20 luglio 1992, c’era un grande trambusto politico lì; Scarcerato per due anni, Mandela è il leader dell’opposizione e la figura indiscussa del Congresso.

“Abbiamo visto la sua capacità di unione, e aveva la capacità di amare, perché era un uomo che, scrive padre Michael Lapsley in The Healing of Being, ha contribuito a guarire la società sudafricana. Ha coltivato l’amore per il paese, per la sua gente sia erano bianchi, neri o indiani.

READ  La Russia presenta le prove dei crimini di guerra in Ucraina alle Nazioni Unite

0512-nelson-mandela 2.jpg“Ahmed Kathrada, uno degli amici più cari di Mandela che ha condiviso una cella con lui, lo ha aiutato a ottenere i primi appunti dal carcere per la sua autobiografia A Long Walk to Freedom, una storia così umana, semplice e bella che ti innamori del personaggio. “

L’epidemiologo mostra anche una copia della prima edizione del titolo in Sudafrica, un’opera di oltre 600 pagine.

Kathrada ci ha parlato di quell’uomo, della gentilezza di quel Nelson, della sua umiltà, della sua forza e della sua resistenza, e del non lasciarsi cadere, perché volevano offrirgli la libertà in cambio della sua negazione della lotta per liberazione.

“Aveva il suo partito, che è un gruppo molto forte, forte, multietnico con persone molto importanti, inclusi professionisti, politici e uomini straordinari che erano membri dell’ANC.

“Il mio collega Carlos ed io abbiamo partecipato per la prima volta a una riunione del Congresso e della Confederazione dei sindacati, e ci siamo sentiti molto onorati di essere umili rappresentanti del popolo cubano incoraggiati da tutte queste persone, ma ovviamente, l’unico chi ha applaudito è stato Cuba, per Fidel, per tutto quello che le Antille hanno fatto liberando i popoli Angola, Namibia, Sud Africa, Zimbabwe e Mozambico.

Mandela ha voluto congratularsi con noi con una cena in un quartiere privilegiato. Era un pasto molto frugale e salutare, senza bevande alcoliche, e non c’era né fumo né caffè, ma prima abbiamo parlato delle relazioni amichevoli di Cuba con la Palestina e di Fidel con Yasser Arafat, perché aveva già visitato quel paese. Era anche interessato alle relazioni tra la Libia e il paese caraibico.

READ  Truss promette un piano audace contro il costo della vita e la crisi energetica

“Ci disse che alle Olimpiadi di Barcellona, ​​per protocollo, non poteva abbracciare il Comandante in Capo delle Forze Armate e questo gli diede molta emozione. Inoltre, chiese com’era il popolo cubano, il suo caratteristiche, ed era interessato alle conseguenze del periodo speciale, abbiamo parlato con lui della tradizione del combattimento e della storia dei cubani”.

Il dottor Delgado Bustillo venera la foto con Mandela dopo cena, in cui compaiono membri del Congresso, così come lui e il suo collega Mas Zabala.

“Nella foto ha le mani tese e aperte, perché lì comincio a spiegare che se prendiamo in considerazione la popolazione e le medaglie d’oro ottenute a Barcellona, ​​Cuba era al primo posto per Paese.

“Durante la suddetta serata, ci siamo sentiti a nostro agio perché era sempre molto accogliente e socievole. Si noti che in un’occasione il pugile Teofilo Stevenson ha dovuto aspettare due giorni a casa dell’ambasciatore, perché Mandela voleva incontrarlo; tuttavia, il suo fitto programma non gli lasciava tempo.

“E poi sono tornato in Sud Africa, dal 1995 al 1997, come consulente delle Nazioni Unite e dell’Organizzazione mondiale della sanità sull’applicazione dei principi di assistenza primaria in quel paese”.

Il 5 dicembre 2013 è morto il leader sudafricano, un uomo che i razzisti hanno tenuto dietro le sbarre per le sue idee libertarie per 27 anni, ma per il cui potere d’amore è rimasto imbattuto.

0512-Nelson Mandela.  jpg