mercoledì, Giugno 19, 2024

Top 5 This Week

Related Posts

Il rimbalzo della palla e gli errori fatali alimentano le polemiche sulla tecnologia nel tennis soddisfazione

La seconda fase di maestri della roma 1000, Lo stand è riservato ai grandi nomi che non possono ricoprire il ruolo a causa di problemi di programmazione. Djokovic, Nadal, Swiatek e compagni saranno presenti sul campo più grande del torneo, mentre il resto delle stelle sarà lasciato sul secondo campo. Ma questo è giovedì, nel giro finale della tribuna, si sono affrontati i numeri 67 e 91 del ranking ATP. Ha la sua interpretazione e il gioco ha le sue polemiche.

La spiegazione è che l’attuale numero 91 del ranking è uno dei più grandi tennisti della storia italiana, Fabio Fognini. Il veterano, ex giocatore della top-10, ha concluso i suoi giorni nel circuito all’età di 36 anni e si è guadagnato una wild card per giocare nel torneo più importante del suo paese. E La polemica è stata dovuta ad un errore grave del direttore di gara in uno dei momenti più tesi.

Fognini stava vincendo 6-4, 3-6, 3-1 sul britannico Daniel Evans quando si è guadagnato un break point contro di lui. Ha mandato un dritto molto potente sulla linea che il suo avversario non è riuscito a raggiungere. Era così stretto che la palla rimbalzò fuori. Evans se ne è accorto immediatamente e ha chiesto all’arbitro veterano Mohamed El Hayani di venire a controllare.

Il guardalinee in fondo al campo aveva chiamato Malla, ma Lahyani, dopo essere entrato in campo, è rimasto fedele alla sua decisione. Evans ha cercato di convincere l’arbitro a cambiare idea ed è entrato in un’accesa discussione. Tanto che Al-Lahyani una volta gli disse: “Non urlare contro di me!” In un certo senso, la rabbia di Evans era giustificata. Se l’arbitro avesse detto male, Evans avrebbe preso il break e avrebbe servito più tardi per il 3-3 Sul tabellone. Nel terzo set Fognini ha vinto 6-2.

READ  Il vincitore della Coppa del Mondo 2022 riceverà 38 milioni di euro

Prima che il gioco riprendesse, Evans stava ancora discutendo con Lahyani, La trasmissione televisiva ha mostrato che la palla rimbalzava chiaramente. Ma non è servito a nulla perché Roma Masters 1000 non utilizza alcun tipo di tecnologia per le linee.: Viene utilizzato il metodo tradizionale, che è il punto di vista dei righelli della linea della sedia.

Dall’introduzione di Occhio di Falco a metà degli anni 2000, lI tornei su terra battuta sono sempre stati esclusi perché la palla rimbalzando su quella superficie lascia il segno. Ciò non accade su terreni duri o erba. Tuttavia, negli ultimi anni, sempre più tornei terrestri utilizzano qualche tipo di tecnologia.

I giudici di fine linea nel tennis

Infatti, l’ATP aveva annunciato un anno fa che a partire dalla prossima stagione non ci sarebbero stati più i giudici di linea in campo e che tutte le giocate controverse sarebbero state risolte con la tecnologia. Sarà un sistema automatico in cui né il giocatore né l’arbitro riceveranno una risposta. E non è nemmeno una soluzione magica: anche la tecnologia commette errori, come abbiamo visto quest’anno a Miami, e in questo caso l’arbitro di presidenza non può cambiare la decisione.

La tecnologia nota come Electronic Line Calling Live (ELC), che chiama automaticamente le palline, è stata utilizzata per la prima volta alle ATP Next Gen Finals 2017 e nel giro di pochi mesi diventerà la norma. “La tradizione è fondamentale nel tennis e i guardalinee hanno svolto un ruolo importante nel corso degli anni”, ha affermato il presidente dell’ATP Andrea Godinzi nell’aprile 2023. “Tuttavia, abbiamo la responsabilità di innovare utilizzando le nuove tecnologie e il nostro sport merita la forma di arbitraggio più precisa. ” Quando annunciò che non ci sarebbero state battute in futuro.

Graziana Spina
Graziana Spina
"Estremo appassionato di tv. Appassionato di cibo impenitente. Tipico esperto di birra. Amichevole esperto di internet."

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Popular Articles