martedì, Luglio 23, 2024

Top 5 This Week

Related Posts

Il Senato ha approvato un disegno di legge che introduce la segregazione familiare negli scambi di criptovalute in Brasile

La Commissione di Pubblica Sicurezza (CSP) del Senato Federale ha approvato martedì (3) il disegno di legge (PL) 3.706/2021, che stabilisce, tra l’altro, il carattere obbligatorio della separazione dei beni nelle aziende che operano con beni digitali, come fornitori di servizi di pagamento. e società di criptovaluta.

L’iniziativa, originariamente proposta dal senatore Eduardo Braga (MDB-AM), è stata approvata in una forma alternativa presentata dalla relatrice, la senatrice Soraya Thronecki (Vamos-MS). Il passo successivo è l’analisi da parte della Commissione Costituzione e Giustizia (CCJ) e procederà poi all’approvazione in seno al Senato prima di passare alla Camera dei Rappresentanti.

L’atto legislativo inizialmente prevedeva solo di criminalizzare le piramidi finanziarie e altre frodi che coinvolgono criptovalute, tuttavia, con il progredire del dibattito in Senato e poiché il tema iniziale della legge sulle risorse digitali era già affrontato nella legge sulle risorse digitali (legge n. 14.478, 2022 ). , I senatori hanno discusso diversi argomenti, inclusa la separazione dei beni.

I senatori hanno quindi deciso di includere nella votazione la norma che prevede la separazione patrimoniale tra i conti degli investitori consumatori e i conti di scambio, “per proteggere i dati personali e i portafogli virtuali degli investitori consumatori”.

“La Conferenza Nazionale delibera quanto segue: Articolo 1. La presente legge modifica il decreto 7 dicembre 1940, n. 2848 – Codice penale, la legge 16 giugno 1986, n. 7492, la legge 9 ottobre 2013, n. 14478 del 21 dicembre 2022 relativo al divieto di utilizzo o accesso temporaneo al mercato dei capitali, al mercato dei beni virtuali, al settore bancario e ad altri istituti disciplinati dalla legge 31 dicembre 1964, n. settore in casi specifici, la classificazione della formazione della piramide finanziaria e dell’intermediazione o commercio di beni virtuali con lo scopo di commettere reati e prevedendo la necessità della separazione patrimoniale.

In questo modo, i Senatori hanno deciso che l’articolo 4 della legge n. 14.478 del 21 dicembre 2022 sarà modificato per includere il seguente comma.

Ottavo: “Articolo quattro…

III – Separazione del patrimonio dai beni virtuali posseduti dai detenuti per conto e per ordine di terzi. “(NR) L’articolo 10. Il capo IX dell’articolo 2 della L è abrogato”, sottolinea.

La mossa del Senato ha anticipato la possibile decisione della Banca Centrale brasiliana, responsabile della regolamentazione del mercato delle criptovalute, che ha annunciato che la separazione patrimoniale sarà adottata in un regolamento che sarà pubblicato nel 2024.

“L’inasprimento delle sanzioni non è meno importante del rafforzamento delle istituzioni statali responsabili della regolamentazione e della supervisione del sistema finanziario, come la Banca Centrale e la Securities Commission. Oltre a contribuire alla prevenzione di tali crimini e ad aumentare la sicurezza giuridica degli investitori,” ha dichiarato Henrique Machado, ex direttore di CVM, partner di Warde.Advogados, a Cointelegraph: “I moderatori aiutano a indagare sulle indagini penali”.

Piramidi finanziarie

Oltre alla separazione dei beni, la legge penale approvata prevede la pena della reclusione fino a otto anni per il reato di piramide finanziaria. La proposta prevede anche misure per contrastare i reati che coinvolgono beni virtuali e metodi di pagamento digitali.

READ  BdE Bank si unisce al FMI e chiede la libertà di combattere l'inflazione senza pressioni politiche

Thuraya ha sottolineato che l’aumento dell’uso dei media digitali nei servizi bancari comporta rischi legati alla sicurezza degli utenti. Secondo lei, questi rischi possono essere mitigati attraverso un’adeguata regolamentazione statale.

“Abbiamo assistito a un’enorme crescita del numero di frodi bancarie e di frodi contro i consumatori brasiliani nell’ambiente digitale. Questo è il risultato dell’accelerazione della digitalizzazione dell’economia, che, nonostante la sua salute, manca di una maggiore regolamentazione per proteggere la società. “Sembra che siamo sempre indietro sul fronte della criminalità organizzata”, ha detto il senatore. “Sono incredibili quando si tratta di creatività ed efficienza per diversificare e innovare nel crimine, è impressionante”.

Il senatore Sergio Peticao (PSD-AC), che ha presieduto la riunione, ha elogiato l’approvazione della proposta. Il senatore Otto Alencar (PSD-BA) ha invece difeso l’aumento delle condanne e ha criticato le decisioni giudiziarie che consentono ai criminali di rientrare nella società subito dopo la condanna.

La relatrice Soraya ha escluso dalla proposta la creazione di reati legati alle negoziazioni di valute digitali e ai beni crittografati, considerando che la legge n. 14478 del 2022 copre già questo tipo di reati in modo più ampio, compresi i reati di frode nel codice penale.

Gli specialisti commentano l’approvazione

Alexandre Magno Antunes de Souza, avvocato, maestro di diritto costituzionale e ricercatore presso la GDAC, ha sottolineato che la separazione dei beni era già prevista nella legge n. 4.401/2021 ed è stata annullata quando il progetto è diventato il quadro normativo per le società che negoziano e custodiscono risorse crittografiche.

Secondo lui, l’importanza di stabilire chiaramente questa separazione dei beni nella legge garantisce una maggiore sicurezza giuridica per i clienti delle aziende che detengono beni come Bitcoin, Ether e altri. C’è una differenza tra ciò che appartiene all’azienda e ciò che appartiene ai suoi clienti.

READ  Elon Musk deve l'affitto degli uffici di Twitter

“L’assenza di questa norma nella legge n. 14.478/2022 crea un rischio di confusione intrinseca, ad esempio, nei casi di richiesta di recupero giudiziario per una società che fornisce servizi con beni cripto-digitali in cui i beni posseduti dai clienti potrebbero essere interpretati come quelli beni essenziali al mantenimento dell’attività fino alla fine del recupero giudiziale, come previsto dalla Legge 11101/2005.

O anche in caso di fallimento, in cui il cliente interessato dovrebbe passare in fondo alla fila per ottenere ciò che gli appartiene e che è stato mantenuto dall’azienda. Di solito, devi aspettare che la società fallita ripaga i debiti commerciali, poi quelli che hanno garanzie, come i mutui ipotecari, e solo allora puoi ottenere ciò che è tuo.

L’avvocato Yuri Nabeshima, responsabile dell’innovazione presso VBD Advogados, ha sottolineato che la separazione delle risorse è necessaria per proteggere gli investitori, poiché impedisce la confusione tra le risorse degli investitori e le risorse della piattaforma.

Secondo lei, ciò garantisce maggiore sicurezza e trasparenza agli investitori che, in caso di fallimento o di problemi finanziari della piattaforma, saranno protetti e avranno la tranquillità che i loro beni non verranno utilizzati per coprire i debiti della società.

“In questo senso, è molto gradita la disposizione sulla separazione dei beni contenuta nella PL 3.706/2021, recentemente approvata dal Comitato di Pubblica Sicurezza; resta da vedere se verrà recepita nel testo definitivo da approvare, perché ha non è stato ancora approvato.” Pensando al quadro giuridico delle criptovalute. Va ricordato che questo tema era argomento di discussione all’epoca e, sebbene fosse incluso nel progetto durante la votazione al Senato, questa disposizione non è stato accolto al Senato e quindi è stato inserito nel progetto durante la votazione al Senato, proseguendo con l’approvazione presidenziale”.

L’avvocato penalista Daniel Bialski ritiene che “è molto importante stabilire un reato specifico nei casi di piramidi finanziarie.

“Questo perché è ancora in vigore il vecchio reato previsto dalla Legge sui reati contro l’economia popolare, che, oltre a non rientrare pienamente nelle cosiddette piramidi del reato descritto, lascia spazio a diverse interpretazioni che potrebbero classificare questi crimini”, dice, “I loro comportamenti sono semplici, anche se contro più vittime”.

PL 3.706/2021 propone un cambiamento significativo nella legge contro il sistema finanziario nazionale (Legge 7.792/86) aggiungendo l’articolo 24-A, che mira a punire non solo la costituzione della piramide finanziaria, ma anche coloro che smascherano lo schema fraudolento e reclutare nuovi partecipanti.

“Questa modifica legislativa è importante anche per porre fine al dibattito sulla competenza a giudicare nei casi legati alle piramidi finanziarie, che sono attualmente oggetto di continue controversie sulla giurisdizione presso la Corte Suprema, perché la Costituzione federale prevede chiaramente che spetta giurisdizione della magistratura federale per indagare e giudicare i crimini commessi contro il sistema finanziario (articolo 109, sezione VI)”, commenta D’Aloia.

L’avvocato penalista Leonardo Magalhães Avelar spiega:

“Nelle ultime accuse, il reato di stravaganza finanziaria è stato classificato nella legge sui crimini contro l’economia popolare (articolo 2, sezione nove, della legge federale n. 51/1521), come reato meno dannoso, con una pena minima di sei mesi a due anni.

Il disegno di legge approvato dal Comitato di Pubblica Sicurezza propone una sanzione più elevata commisurata al potenziale danno causato dalla piramide finanziaria. Inoltre, il disegno di legge mira a mitigare l’incidenza di comportamenti simili verificatisi negli ultimi anni e a ridurre il numero di persone direttamente colpite dal crimine della piramide finanziaria.

Consulenza PL certificata

Desideria Zullo
Desideria Zullo
"Educatore generale della birra. Pioniere del caffè per tutta la vita. Sostenitore certificato di Twitter. Fanatico di Internet. Professionista dei viaggi."

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Popular Articles