Ottobre 16, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Industria europea in allerta per carenza di approvvigionamento | Economia

L’industria europea è sempre più preoccupata per i problemi della catena di approvvigionamento. L’indice IHS Markit Manufacturing Purchasing Managers’ Index (PMI) per l’Eurozona ha perso vigore tra agosto e settembre, passando da 61,4 a 58,6 punti. È il più grande calo di punti dall’aprile 2020, il momento peggiore della pandemia, anche se l’indice è ancora ben al di sopra dei 50 punti che giustificano un’espansione dell’attività.

Il Il settore industriale in Spagna Anche la sua lettura si è abbassata rispetto ad agosto, passando da 59,5 a 58,1 punti a settembre, pur rimanendo nella regione con limiti storici. Pressioni inflazionistiche e ritardi nella catena di approvvigionamento sono le ragioni di questo calo, sia a livello nazionale che nell’Eurozona. La mancanza di offerta è un grande ostacolo ai programmi di produzione a settembre, a cui sono condizioni di scarsa domanda e tempi di consegna ritardati per i fornitori, nonché una carenza di componenti elettronici e materie prime. , soprattutto su larga scala, che da mesi punisce il settore. Questi sono problemi che stanno peggiorando con l’aumento dei prezzi di carbone, petrolio, gas ed elettricità, che gli ho persino imposto Alcune fabbriche chiuse in Cina.

Sebbene la maggior parte dei responsabili degli acquisti insista sul fatto che la pressione inflazionistica sarà temporanea, IHS Markit avverte che i problemi della catena di approvvigionamento a lungo termine sono un grave rischio che potrebbe mantenere i prezzi alti fino al 2022. Maria Jesus Fernandez, economista di Funcas, non è sicura che gli effetti saranno essere transitorio, come vedi ci sono fattori che suggeriscono il contrario. “C’è una capacità di produzione di materie prime che è stata esaurita a causa di bassi investimenti in molti anni”. Data questa produzione limitata e la domanda estrema, si ritiene che sia possibile un aumento pari al rischio di generare una spirale inflazionistica.

READ  Il nuovo rapporto rivela gli scambi con le migliori valutazioni al massimo di tre anni in volume

Un’altra possibile motivazione indicata da Fernandez sono i futuri investimenti previsti dai programmi finanziari statunitensi ed europei per la transizione energetica e lo sviluppo tecnologico. Questi investimenti comporteranno un’elevata domanda a lungo termine di materiali come i semiconduttori, quindi non c’è certezza di un’immediata ripresa dell’offerta. La sua visione è vicina a quella di Martin Beck, advisor economico dell’EY ITEM Club, che ha affermato Reuters che “sebbene alcuni dei colli di bottiglia inizieranno presto a ridursi, molti settori, in particolare quelli che richiedono semiconduttori, probabilmente subiranno interruzioni per la maggior parte del 2022”.

Gregorio Izquierdo, direttore dell’Istituto di studi economici (IEE), ritiene che la situazione sia temporanea, e infatti ritiene che l’impatto non sarà generalizzato ma piuttosto “colpirà le economie emergenti molto più di quelle avanzate come la Spagna”.

In ogni caso, secondo la società responsabile dell’indagine, problemi di offerta e prezzo hanno causato la crescita della produzione più bassa in otto mesi a settembre. La sua influenza era evidente anche nell’acquisto di input e scorte. Inoltre, i produttori dell’Eurozona hanno rallentato le loro attività di acquisto a un ritmo che non si vedeva da gennaio, poiché la scarsa disponibilità di input ha impedito la ricostituzione delle scorte.

sebbene il Tasso d’inflazione Questi prezzi delle materie prime sono stati i più deboli in cinque mesi e sono rimasti più alti di qualsiasi altro in quasi 24 anni di dati disponibili. Di conseguenza, i produttori hanno aumentato i loro prezzi più di quanto abbiano fatto ad agosto per mantenere i loro margini di profitto.

I piccoli paesi in Europa hanno visto il maggiore miglioramento delle condizioni a settembre. L’Austria è in cima alla classifica ed è stata l’unica economia la cui industria ha accelerato rispetto ad agosto.

READ  Il Gruppo Renault collabora con Terrafame per fornire una fornitura sostenibile di nichel su PortalAutomotriz.com