Settembre 25, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La banca centrale del Perù alza il tasso di interesse allo 0,50%, dopo averlo mantenuto invariato per un anno e mezzo

Un lavoratore passa davanti al logo della Central Reserve Bank of Peru (BCRP) all’interno dell’edificio della sede centrale a Lima, in Perù. 16 giugno 2017. (Reuters) / Mariana Pazo

LIMA (Reuters) – La banca centrale del Perù ha alzato il tasso di interesse di riferimento giovedì allo 0,50 per cento dopo averlo mantenuto invariato per più di un anno allo 0,25 per cento a causa dell’accelerazione dell’inflazione, unendosi a Brasile, Messico e Cile. Recentemente ha preso una decisione nella stessa direzione.

Il tasso di interesse di riferimento in Perù era al livello più basso tra i paesi emergenti dall’aprile dello scorso anno, quando la banca centrale decise di tagliarlo di 100 punti base, nel tentativo di rilanciare l’economia colpita dalle chiusure dovute allo scoppio del Corona virus.

Il tasso di inflazione a 12 mesi del Perù è stato del 3,8% a luglio, il più basso tra le maggiori economie dell’America Latina, ma il più alto negli ultimi quattro anni, e un livello a cui il paese minerario non è abituato.

“Le aspettative di inflazione a dodici mesi sono aumentate dal 2,6% di giugno al 3,0% di luglio, il limite superiore dell’intervallo target di inflazione”, ha affermato la banca nella sua dichiarazione. “La maggior parte degli indicatori di previsione per l’economia sono ancora nella sezione pessimistica a luglio”, ha aggiunto il comitato monetario.

La banca centrale ha affermato che il suo consiglio di amministrazione ha accettato di continuare la politica monetaria espansiva, alzando il tasso di interesse principale di 25 punti base e “in questo modo, il tasso di interesse reale della politica monetaria rimane ai suoi livelli storici più bassi”, ha affermato.

READ  Tesla potrebbe ottenere agevolazioni fiscali in India da Benzinga Spagna

Il consiglio di amministrazione della banca ha affermato che gli effetti negativi dell’epidemia esistono ancora ed è interessato a nuove informazioni sulle aspettative di inflazione e sullo sviluppo dell’attività economica “per considerare, se necessario, aggiustamenti nell’orientamento della politica monetaria”.

(Segnalazione di Marco Aquino, Montaggio di Manuel Farias)