Aprile 24, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La guerra tra Israele e Gaza in diretta |  Netanyahu sull'attacco a Rafah: “Speriamo di avere il sostegno degli Stati Uniti, ma se necessario lo faremo da soli” |  internazionale

La guerra tra Israele e Gaza in diretta | Netanyahu sull'attacco a Rafah: “Speriamo di avere il sostegno degli Stati Uniti, ma se necessario lo faremo da soli” | internazionale

Blinken arriva in Israele per promuovere una tregua e l'ingresso di maggiori aiuti umanitari a Gaza

Il segretario di Stato americano Antony Blinken è arrivato venerdì in Israele per una tappa improvvisata nel suo sesto tour in Medio Oriente dall'inizio della guerra a Gaza con l'obiettivo di promuovere un accordo di tregua e l'arrivo di maggiori aiuti. Umanità in tasca. Il capo della diplomazia statunitense è atterrato poco dopo le 10:30, ora locale, all'aeroporto di Tel Aviv, città dove avrebbe dovuto incontrare il primo ministro Benjamin Netanyahu e altri alti funzionari del governo e del gabinetto di guerra israeliani.

Israele è l’ultima tappa di questo nuovo tour regionale, che questa volta lo ha portato in Arabia Saudita mercoledì e in Egitto giovedì, dove ha ribadito la sua richiesta di cessate il fuoco e dato speranza per un accordo finale di normalizzazione tra Israele e Arabia Saudita. Ha aggiunto: “Le differenze si stanno riducendo e continuiamo a premere per raggiungere un accordo a Doha. “C'è ancora un duro lavoro da fare, ma credo ancora che sia possibile”, ha detto ieri Blinken al Cairo con il ministro degli Esteri egiziano Sameh Shoukry dopo un incontro con i suoi omologhi di Arabia Saudita, Qatar, Emirati Arabi Uniti e Giordania. E il capo dell'Autorità Palestinese.

Oggi Israele invia nuovamente il capo del Mossad David Barnea a Doha per condurre negoziati indiretti con Hamas per raggiungere un accordo di tregua e scambiare ostaggi con prigionieri. Il Ministro degli Esteri ha inoltre annunciato ieri che gli Stati Uniti presenteranno per la prima volta venerdì prossimo al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite una risoluzione con la richiesta di un “cessate il fuoco immediato” nella Striscia, dopo aver esercitato per tre volte il proprio potere di veto contro risoluzioni in questa direzione.

READ  Cuba condanna a Bruxelles l'impatto del blocco sulla sua biotecnologia - Radio Rebelde

Anche Blinken, con il tono dell’intera amministrazione Joe Biden, si è opposto all’offensiva di terra a Rafah e si prevede che presenterà alternative nei suoi incontri con le autorità israeliane, dato che in quella città ci sono più di 1,4 milioni di sfollati, più di metà. Residenti della Striscia. Il ministro degli Esteri incontrerà anche i rappresentanti delle famiglie dei 130 ostaggi ancora detenuti nell'enclave.

Il Dipartimento di Stato non ha rivelato se Blinken intendesse visitare la Cisgiordania – come è consuetudine – per incontrare Mahmoud Abbas, capo dell'Autorità nazionale palestinese, un'entità impegnata in un processo di rinnovamento per eleggere un governo tecnocratico su richiesta degli Stati Uniti. Stati. Gli Stati Uniti vogliono che l’Esercito Nazionale Popolare assuma il controllo politico della Striscia una volta finita la guerra. Anche se questo è il suo sesto viaggio nella regione, è la settima volta che Blinken visita Israele dall'inizio della guerra a Gaza, poiché ha fatto un breve viaggio l'8 ottobre, cioè il giorno dopo lo scoppio. (Effy)