Aprile 18, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La leggendaria villa di Freddie Mercury, dove morì nel 1991, è stata venduta

La leggendaria villa di Freddie Mercury, dove morì nel 1991, è stata venduta

Situata nell'elegante quartiere di Kensington, è una delle case più visitate del pianeta: La villa dove viveva Freddie Mercury, frontman dei Queen. Una casa, Garden Lodge, è nota a molti solo per il suo muro esterno, alto più di otto piedi, progettato per proteggere la stella da occhi indiscreti.

L'artista lo acquistò nel 1980 Dopo essersi innamorato della proprietà A prima vista, lì ha stabilito la sua casa. È anche il luogo dove morì il 24 novembre 1991 A causa della sua malattia legata all'HIV.

Garden Lodge non fu mai aperto al pubblico, ma dopo la morte dell'artista, una delle sue amiche più care, Mary Austin, lo ereditò e ne fece la sua casa per più di tre decenni. Ora lo offre in vendita ad un prezzo pari al suo valore nella storia della musica: 30 milioni di sterline inglesi (circa 35 milioni di euro al cambio).

Un caro amico di Mercury, 72 anni, mette in vendita l'enorme proprietà, basandosi sul successo della recente asta dell'artista, in cui sono stati raccolti più di 50 milioni di euro attraverso la vendita dei suoi beni. Una parte dei profitti è stata donata al Mercury Phoenix Fund e alla Elton John HIV Foundation.

Secondo la giornalista Sarah Rappaport di Bloomberg News, Austin era con l'ex leader della Regina quando acquistò la proprietà. L'artista si innamorò del “silenzio e della pace” che regnavano nella casa e lo stesso giorno decise di acquistarla. Il cantante cercava rifugio a Londra, dove avrebbe potuto creare e lavorare in pace senza dover affrontare le molestie dei media.

READ  Dragon Ball Super: Granola ha ancora molto sviluppo nel manga secondo Toyotaro | Dragon Ball | Anime | manga | Messico | GIOCO SPORTIVO
La storica Mercury House di Londra, il cui interno non è mai stato conosciuto.

Otto camere da letto, due imponenti soggiorni e una sala da pranzo dove l'artista organizzava grandi cene; Tutto è decorato e progettato al millimetro dall'artista“Non riusciva a convincere l'arredatore a soddisfare le idee che aveva in testa, e ha dovuto farlo da solo”, ricorda Austin. Inclusa carta da parati. Nella suite dove dorme Mercury ci sono solo una cucina e due bagni completi, una stanza principale, il suo ufficio e altre due stanze per l'intrattenimento.

Mercury visse in questa tenuta fino alla sua morte nel 1991.

La casa dispone anche di un enorme giardino di ispirazione giapponese che Mercury ha voluto emulare i famosi giardini di Kyoto, con un pergolato in legno, e un laghetto con carpe originarie dello stato giapponese. Il rifugio dei sogni, che isola chi vive da ciò che accade dall'altra parte del muro, si trova a soli dieci minuti dal centro della capitale britannica.

Jim Hutton e Freddie Mercury in una foto inedita. Foto: Instagram.

Lo ha progettato al millimetro

“La stampa lo perseguitava incessantemente affinché uscisse. Ma non l'ha fatto… perché avrebbe dovuto?” chiede Austin. “Questa casa gli ha dato la grande sensazione di poter creare, vivere e avere privacy allo stesso tempo.”

Davanti alla casa ci sono i messaggi dei fan.

“L'ultima cosa che voglio è che qualcuno dica che lo stanno comprando, sfruttando o demolendo”, si lamenta Austin. “Questo è unico e ha la sua bellezza. So che aveva uno scopo per qualcuno. Aveva uno scopo per Freddie.”