sabato, Luglio 13, 2024

Top 5 This Week

Related Posts

La siccità costerà a Spagna e Italia 14,6 miliardi di euro entro il 2050

La siccità sta mettendo a dura prova le economie dei paesi dell’UE, con Italia e Spagna in testa. Uno studio rivela che dopo altri 30 anni, i due paesi dovranno affrontare una perdita combinata, fino a 14,6 trilioni di euro nel paese vicino.

La siccità che colpisce gran parte dell’Europa, compresa la Spagna, e le frequenti ondate di caldo, soprattutto nel bacino mediterraneo del Vecchio Continente, non hanno solo conseguenze sull’ambiente e sulla salute delle persone, ma si ripercuotono anche sull’economia. Molto.

Pertanto, uno studio sullo stress climatico macroeconomico prodotto dallo Scope Group European Assessment Agency, che modella l’esposizione teorica delle economie e dei settori alla siccità e ad altri rischi climatici, conclude che la siccità. Spagna e Italia costano 4,6 e 10 miliardi di euro.

I suddetti costi, la mancanza di precipitazioni e più giorni con temperature medie più elevate del solito, ne indicano alcuni Una perdita presunta di 32,7 trilioni di euro per l’intera Unione Europea Tra il 2020 e il 2050. Si tratta del 3,3% del PIL totale dell’UE-27.

Le persistenti ondate di calore in Europa, insieme ai cambiamenti nei regimi delle precipitazioni, stanno già esponendo molte regioni, con particolare attenzione a quelle meridionali, a siccità meteorologiche che, secondo lo studio del gruppo SCOPE, “causano gravi danni. Sistemi economici, umani e naturali Gli episodi di siccità sono uno dei tanti effetti negativi del cambiamento climatico. È imperativo che gli investitori enfatizzino le economie sperimentali Identificare l’esposizione alla siccità e identificare i rischi nei loro portafogli”.

L’analisi basa le sue conclusioni su tre variabili: la sensibilità dell’attività economica alle siccità storiche; L’esposizione di un paese alla futura siccità in base al clima e al peso dell’attività economica nel PIL pro capite del paese. Non include altri eventi estremi fortemente dipendenti dalla siccità, come gli incendi. Il costo economico di periodi di caldo estremo e siccità può essere sottovalutato.

READ  Cosa vedere e come arrivare da Napoli a Pompei?

Il 70% delle perdite dovute alla siccità si verifica nelle cinque maggiori economie dell’UE. I Paesi del nord e dell’ovest del continente, come Germania, Francia e Olanda, sono i meno esposti al rischio di siccità, ma le ipotetiche perdite legate alla scarsità d’acqua nelle principali economie Spagna e Italia si collocano nel sud dell’UE , il 45% delle perdite totali previste tra i suoi Stati membri (15% in Spagna e 30% in Italia), nonché il 64% delle perdite previste delle cinque maggiori economie.

Di conseguenza, soprattutto nel caso del nostro Paese e dei nostri vicini transsalpini, i responsabili dello studio “possono avere gravi conseguenze”. Ulteriori sfide economiche e oneri finanziari derivanti dalla spesa pubblica finanziata dal debito Per far fronte ai rischi di siccità, ciò aumenterà il loro rapporto debito/PIL, aumentando il costo del rifinanziamento nel lungo periodo”.

A livello settoriale, lo studio indica, L’agricoltura è l’attività più esposta al rischio di siccità Nell’Unione Europea si prevedono perdite per 1,8 trilioni di euro, pari al 9,8% delle entrate del settore. I prodotti alimentari, le bevande e il tabacco, così come il commercio all’ingrosso e al dettaglio, hanno esposizioni rispettivamente del 6,8% e del 6,7%. Altri settori economici rappresentano perdite dovute alla siccità comprese tra il 4% e il 7% delle perdite totali previste nell’UE.

I serbatoi sono minimi

Uno studio preparato da Luz Dary Beltrán Jaimes del Dipartimento di Economia dell’Università Loyola Andalusia e pubblicato dall’Associazione regionale di scienze della Spagna (AECR) mette in guardia sulle conseguenze socioeconomiche e ambientali del cambiamento climatico e della riduzione delle precipitazioni per la Spagna. Ricordalo nel nostro paese L’anno idrologico 2021-2022 si è rivelato il più secco degli ultimi cinquant’anniE nell’agosto 2022 le riserve idriche in Spagna sono scese al 39,2%, il livello più basso dal 1995.

READ  L'Italia sostiene il primo ministro olandese come segretario della NATO - Politica

Beltrán Jaimes avverte con i dati dell’Istituto Nazionale di Statistica (INE) che la riduzione dei serbatoi al 39% crea un impatto del 2,64% in termini di reddito e del 2,63% in termini di PIL, che è in qualche modo equivalente. 60.422 milioni di euro di perdite economiche.

L’esperto indica il settore agricolo come il maggiore perdente, con un’incidenza del 42,49% del Pil, un “risultato atteso”. È un settore molto intensivo nell’uso dell’acqua“Anche la produzione di cibo, bevande e tabacco è stata colpita con un calo del 4,25% in termini di PIL. L’attività manifatturiera ha contribuito per il 3,95% in termini di PIL.




Aldobrandino Golino
Aldobrandino Golino
"Studente di social media. Appassionato di viaggi. Fanatico del cibo. Giocatore pluripremiato. Studente freelance. Introverso professionista."

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Popular Articles