Febbraio 1, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La stabilità algoritmica è la chiave per un finanziamento efficace delle criptovalute

Dopo il crollo della criptovaluta Terraform Labs (LUNA) e della sua stablecoin Terra (UST), l’idea del “pinning algoritmico” ha raggiunto un punto basso di popolarità, sia nel mondo delle criptovalute che tra gli osservatori occasionali.

Tuttavia, questa risposta emotiva contrasta nettamente con la realtà. In effetti, la stabilizzazione computazionale delle risorse digitali è una classe di meccanismi molto importante il cui corretto dispiegamento sarà fondamentale affinché il settore delle criptovalute possa raggiungere il suo obiettivo a lungo termine di migliorare il sistema finanziario complessivo.

Blockchain e altre strutture di dati simili per reti informatiche decentralizzate sicure non riguardano solo i soldi. Tuttavia, date le radici storiche della tecnologia blockchain di Bitcoin (Bitcoin), la questione del denaro digitale basato su blockchain è profondamente intessuta nell’ecosistema. Sin dal suo inizio, una delle principali aspirazioni dello spazio blockchain è stata quella di creare criptovalute che potessero servire come mezzo di pagamento e deposito di valore, indipendentemente dalle “valute fiat” create, difese e manipolate dai governi nazionali.

Tuttavia, il mondo delle criptovalute finora ha fallito miseramente nelle sue aspirazioni originali di produrre token superiori alle valute fiat per il pagamento o la riserva di valore.

In effetti, questa ambizione è eminentemente realizzabile, ma raggiungerla in modo gestibile richiederebbe un uso innovativo della stabilità computazionale, lo stesso tipo di meccanismo di cui LUNA e progetti simili a Ponzi hanno abusato e hanno dato un’ingiusta cattiva reputazione.

Quasi tutti i token esistenti si squalificano come utili strumenti di pagamento o riserva di valore per vari motivi: sono estremamente lenti e costosi da negoziare e i loro valori di scambio sono estremamente volatili.

Il problema della “lentezza e del costo” viene gradualmente risolto attraverso miglioramenti alla tecnologia sottostante.

Il problema della volatilità non è causato direttamente dalle carenze tecnologiche, ma dalle dinamiche di mercato. I mercati delle criptovalute non sono grandi rispetto alle dimensioni dei sistemi finanziari globali e sono pesantemente scambiati dagli speculatori, causando oscillazioni dei tassi di cambio su e giù.

La migliore soluzione che il mondo delle criptovalute ha trovato finora a questo problema di volatilità sono le “stablecoin”, che sono criptovalute con titoli ancorati a valute fiat come il dollaro USA o l’euro. Ma è possibile trovare soluzioni fondamentalmente migliori che evitino qualsiasi affidamento su ingiunzioni legali e ottengano altri vantaggi utilizzando la stabilizzazione computazionale in modo giudizioso (piuttosto che corrotto).

READ  L'oro sale mentre le preoccupazioni economiche tornano sotto i riflettori Di Reuters

Problemi valutari stabili

Valute stabili come Tether (USDT), BinanceUSD (BUSD), Moneta USD (USDC) hanno valori vicini ai dollari, il che significa che possono essere utilizzati come riserva di valore quasi con la stessa affidabilità di un normale conto bancario. Per le persone che già fanno affari nel mondo delle criptovalute, è vantaggioso conservare la ricchezza in una forma stabile all’interno del portafoglio crittografico stesso, in modo da poter passare facilmente dalla forma stabile ad altri prodotti correlati alle criptovalute.

Le stablecoin più grandi e conosciute sono “completamente supportate”, il che significa, ad esempio, che ogni unità equivalente di USD/USD corrisponde a 1 USD memorizzato nella tesoreria dell’organizzazione di supporto USDC. Pertanto, se tutti i detentori di quote USDC richiedono di scambiarlo con USD allo stesso tempo, l’organizzazione può soddisfare rapidamente tutte le richieste.

Alcune stablecoin sono parzialmente supportate, il che significa che se, ad esempio, vengono emesse stablecoin per un valore di $ 100 milioni, potrebbero esserci solo $ 70 milioni nella tesoreria corrispondente per supportarle. In questo caso, se il 70% dei possessori di stablecoin riscatterà i propri token, allora le cose andranno bene. Ma se l’80% riscattasse i propri token, sarebbe un problema. Per FRAX e altri stablecoin simili, vengono utilizzati metodi di blocco algoritmico per “mantenere la parità”. Cioè, per garantire che il valore di cambio della stablecoin rimanga molto vicino al valore dell’ancoraggio della valuta al dollaro USA.

Le stablecoin di Terra erano un esempio di stablecoin il cui pool di supporto è in gran parte costituito da token creati dalle persone dietro LUNA come token di governance per la loro piattaforma, piuttosto che USD o persino criptovalute come BTC o Ether (ETH) indipendentemente da LUNA. Quando LUNA ha iniziato a destabilizzarsi, il valore percepito del suo token di governance è diminuito, il che significa che il valore monetario delle sue riserve è diminuito, causando maggiore instabilità, ecc.

READ  L'euro ha raggiunto la parità con il dollaro dopo due decenni

Nonostante l’uso della stabilità computazionale da parte di LUNA, il problema principale con la sua configurazione non era questo, era la presenza di circoli viziosi nei suoi token, come l’utilizzo del token di governance come backup. Come la maggior parte dei meccanismi finanziari flessibili, la stabilità computazionale può essere manipolata.

Tutti i principali governi stanno esplicitamente prendendo di mira le stablecoin nelle loro attuali pratiche normative, con l’obiettivo di mettere in atto rigide normative sull’emissione e sulle proprietà di qualsiasi criptovaluta che afferma di essere uguale in valore alla valuta fiat.

La risposta a tutte queste domande è relativamente semplice: utilizzare la flessibilità di un’infrastruttura di contratti intelligenti basata su blockchain per creare nuovi strumenti finanziari che portino utili forme di stabilità senza essere vincolati dall’ordine.

Modifica della stabilità computazionale

“Stabile” non implica necessariamente una correlazione con il valore di una valuta fiat. Ciò che dovrebbe significare per un token essere stabile è che, anno dopo anno, dovrebbe costare all’incirca lo stesso numero di token per acquistare lo stesso numero di cose: carote, polli, attrezzatura da scherma, terre rare, servizi di contabilità, ecc. ..

Questo ci porta a quello che stanno facendo i miei colleghi del progetto Cogito, con nuovi token che chiamano “tracercoin”, che in realtà sono stablecoin ma di tipo diverso, ancorati approssimativamente a importi diversi dalle valute fiat. Ad esempio, il G-coin di Cogito è collegato a un indicatore sintetico che misura i progressi nel miglioramento dell’ambiente (ad esempio, la temperatura globale).

I tracercoin possono essere programmati per tracciare le transazioni come richiesto dalla legge nelle giurisdizioni in cui vengono utilizzati. Ma non stanno cercando di emulare la valuta di un determinato paese, quindi probabilmente non saranno regolamentati così rigorosamente come lo sono monete stabili con rapporto fiduciario.

READ  Gli economisti aumentano le probabilità di una recessione in Europa e negli Stati Uniti

Poiché la parità tra questi token è sintetica, non è troppo doloroso per la psicologia del mercato che i token differiscano leggermente dalla loro parità di volta in volta.

Ciò che abbiamo qui, quindi, sono riserve di valore che sono potenzialmente persino migliori del dollaro USA e di altri asset finanziari tradizionali, in termini di mantenimento del valore sottostante man mano che il mondo si evolve… e sono molto meno volatili di BTC. e altre risorse di criptovaluta standard grazie alla stabilità incorporata nei loro token.

Insieme ai recenti miglioramenti dell’efficienza della blockchain, disponiamo anche di un meccanismo di pagamento praticabile che non è legato alla valuta di nessun paese.

Le criptovalute hanno il potenziale per realizzare le loro ambiziose aspirazioni a lungo termine, inclusa la creazione di token finanziari che fungono da riserve di valore e meccanismi di pagamento migliori rispetto alle valute fiat.

Per realizzare questo potenziale, la società deve mettere da parte le preoccupazioni sollevate dalle varie truffe, truffe e sistemi mal progettati che hanno afflitto il mondo delle criptovalute e implementare in modo aggressivo i migliori strumenti a sua disposizione, come la stabilità algoritmica basata sulle criptovalute. Riserve parziali – al servizio di progetti creativi orientati al bene comune.

Ben Gurtzl È il CEO e fondatore di SingularityNET. In precedenza è stato direttore della ricerca presso il Machine Intelligence Research Institute, Chief Scientist e presidente della società di software di intelligenza artificiale Novamente LLC e presidente della OpenCog Foundation. Ha conseguito un dottorato di ricerca in matematica presso la Temple University.

Questo articolo è a scopo informativo generale e non è inteso e non deve essere considerato consulenza legale o di investimento. Le opinioni, le idee e le opinioni qui espresse sono esclusivamente quelle dell’autore e non riflettono o rappresentano necessariamente le opinioni e le opinioni di Cointelegraph.