Aprile 22, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Le sei opere più rappresentative di Milan Kundera |  cultura

Le sei opere più rappresentative di Milan Kundera | cultura

Biologicamente Becacia e degno erede di Franz Kafka e Yaroslav Hasek, contemporaneo di Ivan Klima, Imre Kertesz o Danilo Kish, tutti membri di un’eccezionale generazione di narratori dell’Est, Kundera è associato alla letteratura politica – perché era un comunista di rappresaglia in Cecoslovacchia dopo la Primavera di Praga e costretto all’esilio – quando confessò in In diverse occasioni non gli piaceva il romanzo di tesi, che è in contrasto con uno scrittore irrequieto e di ampio respiro che legge con profitto.

Nella misura in cui il suo romanzo è intriso del pensiero politico e della filosofia contemporanei – da Nietzsche a Heidegger – e nella misura in cui la sua idea di arte non può essere separata per un momento dalla condizione umana e dalle sue condizioni storiche, non c’è spazio per parlare della dicotomia tra racconto e saggio in un’opera come Kundera, confusa dall’inizio alla fine.

Il suo esilio in Francia nel 1975 ha spinto la sua creazione letteraria nella lingua di Proust, che ha padroneggiato con la stessa brillantezza con cui Conrad o Nabokov hanno fatto dell’inglese la lingua dei loro romanzi, e Kundera ha concepito il suo lavoro da una dualità linguistica arricchente che lo rende un modello di ruolo. Un esempio di scrittore in esilio che usa l’immaginazione del linguaggio del luogo che accoglie. La sua letteratura, associata alla satira, all’umorismo terrificante di Rabelais che ammirava, e in alcune occasioni al realismo magico, è il risultato della sua convinzione che l’ironia sia una categoria esistenziale nata dalla feconda unione di umorismo e umiliazione, e il lavoro di Kundera è satirico in allo stesso modo in cui cade spesso nella tentazione dell’assurdo o del surreale, come potremmo descriverlo dopo aver letto Beckett. I suoi lettori sanno bene che l’erotico è l’elemento principale dei suoi testi, e sempre un punto grottesco, macchiato da un certo spirito critico e teatrale che ha ereditato da Robert Musil e che è soggetto allo squallore emotivo del suo stato di esilio impantanato nella disillusione .

READ  Costumi di Halloween 2023: questo potrebbe essere il costume di Halloween più popolare

festa dell’insignificanza (2014)

Il suo ultimo romanzo, Il libro degli scherzi, era un piccolo trattato segreto sulla moralità e l’infedeltà o una colossale antitesi in cui la morte insegue la sordida fine e abbraccia un’escatologia epicurea, il destino, sempre drammatico, dell’individuo.

Straordinario critico dell’idea di Europa, meticoloso analizzatore delle viscere della creazione letteraria in saggi inestimabili, e predicatore dell’esilio e dell’identità laica, Kundera, come nel post delle tenebre, farebbe brillare luci illuminando i sentieri dell’intelligenza . Era un duca nel Regno di Redonda sotto Javier Marías ed era un devoto lettore e schiavo di Don Miguel de Cervantes.

Il libro del riso e dell’oblio (1979)

È una sorta di narrazione, unisce narrazioni, riflessioni, storie e testi generalmente difficili da personalizzare, secondo l’idea dell’autore che ogni artista dovrebbe sempre cercare di espandere i confini della sua arte e cercare nuove sfide formali. È il romanzo in cui si definisce un concetto Pecoraun sentimento di empatia provato da coloro che sono consapevoli della propria miseria in relazione alla situazione di coloro che li circondano.

L’insostenibile leggerezza dell’essere (1984)

Il suo capolavoro, su cui cade la fitta ombra della sua autobiografia su un uomo condannato all’ostracismo da un regime totalitario. Ambientato a Praga nel 1968 sotto il socialismo sovietico, il romanzo porta con sé una forte carica filosofica dovuta alla sua riflessione esistenziale, e analizza i dubbi del protagonista, presentati in un soliloquio teatrale di fronte alla situazione sociale che lo costringe. L’intero mondo di Kundera è concentrato nelle pagine di quest’opera, uno dei romanzi di riferimento per le narrazioni contemporanee, dove si intrecciano la quotidianità e l’esperienza dell’amore e dell’amarezza insita nel Novecento.

READ  Maluma: stato di salute postoperatorio - persone - cultura

L’arte del romanzo (1986)

un titolo essenziale nella sua bibliografia, nonché un classico saggio sul romanzo – “L’arte nata dal riso di Dio” – che lo salva dall’appannamento, che lo lega per sempre alla conoscenza, e che ne scolpisce le viscere con straordinaria brillantezza. «L’opera di ogni romanziere contiene una visione implicita della storia del romanzo, un’idea di cosa tratta il romanzo», scriveva, convinto che ogni buon romanzo contenga l’ondata di romanzi che hanno contribuito alla sua genesi: l’opera è la risposta alle opere precedenti, ogni romanzo contiene tutte le esperienze del romanzo precedente”. Per molti, il primo capitolo, “L’eredità corrotta di Cervantes”, è la chiave.

Comandamenti traditi (1992)

Uno dei suoi vecchi libri. Un saggio sul romanzo scritto nello stile di un romanzo, esaminando il genere attraverso la sua riflessione alla luce della musica e della sua storia contemporanea, attraverso la quale Kafka o Hemingway lasciano il segno. Tratta con accortezza l’originalità (“imitazione non significa inautenticità”), la necessaria separazione tra il Creatore e la sua creatura, gli effetti devastanti di confondere la biografia del primo con l’interpretazione della seconda, cioè con la morte di l’autore proclamato da Barthes, la legittimità del disegno di Picasso di Meninas Velázquez, la paternità e il rispetto che merita e la complessità del suo significato.

la tenda. Articolo in sette parti (2005)

UN tratto Pienamente qualificato sul seme gettato da Cervantes per iscritto donchisciottesull’ambito letteratura mondiale Goethe, su una ragionevole definizione di romanziere e su non poche domande oggettive che ogni buon lettore si pone con grande piacere.

papilla

Novità letterarie analizzate dai migliori critici nella nostra newsletter settimanale

ricevuto