sabato, Luglio 13, 2024

Top 5 This Week

Related Posts

Mars Express (ESA) ha scoperto acqua ghiacciata all'equatore marziano

Il Pianeta Rosso non smette mai di sorprenderci. Proprio come la Terra in un lontano passato, Ha subito cambiamenti che lo hanno trasformato nel deserto arido e ghiacciato che è oggi. Tuttavia, recenti osservazioni effettuate da veicoli spaziali e orbitanti indicano che: Marte Non ha perso tutta la sua acqua come si pensava qualche decennio fa. La sonda spaziale Mars Express fornisce ora nuove prove della massiccia presenza di acqua all'interno di Marte, all'equatore.

Il rover Mars Express dell'Agenzia spaziale europea ha un lampadario A Vari strumenti Dispositivi high-tech in grado di esaminare la superficie e l'interno di Marte. Il radar MARSIS raccoglie informazioni dall'interno della Terra, consentendo l'interpretazione della sua struttura e composizione interna.

Alcuni anni fa ha scoperto MARSIS La presenza di grandi masse d'acqua all'interno della calotta polare meridionale di Marte. Questa scoperta Ciò ci stupì perché tutto indicava che l'acqua sarebbe stata allo stato liquido. Formazione di laghi sotterranei.

In questa ricerca dell’acqua marziana, i ricercatori sono ora andati oltre con lo studio Una regione interessante dell'equatore marziano è chiamata Medusae Fossae. Questa regione è costituita da numerosi altopiani scolpiti dal vento che si estendono per centinaia di chilometri di larghezza e diversi chilometri di altezza. Si trova la maestosa struttura Tra i cosiddetti altopiani e pianure di Marte, vicino al più grande vulcano del sistema solare, il Monte Olimpo. L’ammasso è in realtà una delle più grandi fonti di polveri sottili sul Pianeta Rosso. La cosa sorprendente è che dentro quel mucchio si nasconde una sorpresa inaspettata.

Cosa c'è sotto la Formazione Medusae Fossae?

La sonda Mars Express analizza da quasi vent'anni la formazione delle Medusae Fossae. Poco dopo l'inizio delle operazioni, è stata rivelata la presenza di sedimenti spessi fino a 2,5 chilometri di profondità. Ma poi il suo contenuto non era chiaro. Ora, i ricercatori MARSIS hanno fornito informazioni più dettagliate reinterpretando la composizione sulla base di ciò che è stato osservato in altre regioni come la calotta antartica.

READ  Codici Fire gratuiti per giovedì 12 agosto: come riscattare i premi gratuiti? | videogiochi | Garena Free Fire | revtli | le risposte

La scoperta è stata pubblicata in Lettere di ricerca geofisica Lo ha annunciato l'Agenzia spaziale europeaindica l'esistenza, sotterranea, Strati di ghiaccio d'acqua si estendono per diversi chilometri sotto la superficie.

Complessivamente, questa è la più grande quantità di acqua trovata in quella parte del pianeta. Per darci un'idea, se si sciogliesse, il ghiaccio in quel buco coprirebbe l'intero pianeta. Con uno strato d'acqua la cui profondità varia tra 1,5 e 2,7 metri. Sulla Terra equivarrebbe alla quantità necessaria per riempire il Mar Rosso.

Prospettive astrobiologiche su Marte

Negli ultimi due decenni abbiamo raccolto prove sulla presenza di acqua sul Pianeta Rosso. Marte espresso Già rivelato La presenza di laghi sotterranei vicino alla calotta polare sud di Marte.

Più di dieci anni fa, la navicella spaziale Ispettore globale su Marte della NASA Scopri flussi oscuri che emergono dalle pendici di alcuni crateri. Chiamato b Le linee di pendenza ricorrenti (RSL) sono state spiegate dalla sublimazione dei sali acquosi Si formerebbe una sorta di permafrost in alcune zone dell'interno della Terra. Gli impatti scavano crateri e possono esporre gli strati di ghiaccio interni alla luce solare.

Clorati e perclorati di magnesio e sodio sembrano essere abbondanti in queste salamoie acquose. Questi sali sono nelle proporzioni appropriate Possono abbassare il punto di congelamento dell'acqua fino a -193°C. Pertanto, conferisce a queste salamoie acquose la capacità di fluire a temperature estremamente basse come oggi su Marte.

Possibilità di trovare batteri

Pertanto, è possibile che l'acqua scorra in alcune aree sotto la superficie di Marte. Sostenere l'esistenza di un ciclo idrologico sotterraneo. Questo habitat può avere il potenziale per trovare batteri Estremisti.

READ  Non è ancora finita: il Sole sta emettendo il bagliore più forte del ciclo attuale

Se le condizioni abitabili in passato erano molto migliori, esiste ancora la possibilità che vi fossero microrganismi che si sono spostati gradualmente verso quelle ultime nicchie abitabili.

Siamo ancora lontani dallo scoprire questi dettagli. Le future missioni con equipaggio sul Pianeta Rosso dovrebbero essere responsabili di comprendere meglio cosa potrebbe ancora contenere il suo interno.

Josep M. Trejo RodriguezPrincipal Investigator nel Gruppo Meteoriti, Piccoli Oggetti e Scienze Planetarie, Istituto di Scienze Spaziali (ICE – CSIC)

Questo articolo è stato originariamente pubblicato su Conversazione. Leggi il creativo.

Nevio Buratti
Nevio Buratti
"Evangelista di zombie dilettante. Creatore incurabile. Orgoglioso pioniere di Twitter. Appassionato di cibo. Internetaholic. Hardcore introverso."

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Popular Articles