Settembre 30, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Nations League: le ‘Magic Maggies’ 2.0 dell’Ungheria fanno arrossire di nuovo l’Inghilterra in casa

L’Ungheria ha “riportato” il Molino Ground alla sua età d’oro. Quella in cui le “Magic Spies” hanno torturato il resto delle squadre europee con il calcio totale ei loro gol. Una squadra d’oro, composta da Pusks, Czibor, Kocsis, Hidegkuti, Szusza, Bozsik e Grosics e sotto la guida di Sebes, imbattuta da 32 partite! Tra il 1950 e il 1956 registrarono una sola sconfitta e fu la più dolorosa quando caddero nella 54esima finale di Coppa del Mondo contro la Germania Ovest a Berna (3-2). Tuttavia, lungo la strada, hanno lasciato una mostra della memoria dell’Inghilterra da ripetere nel 2022.

“Quello che abbiamo fatto è un miracolo. Nel calcio succede, ma è difficile da ripetere. Quando sono entrato in carica ho detto al presidente e al presidente del Consiglio che volevo lasciare il segno prima di partire. Penso che questo risultato possa essere un segno… Quando morirò, osserveranno un minuto di silenzio negli stadi ungheresi”, ha scherzato Marco Rossi dopo 0-4 contro l’Inghilterra Il quarto giorno delle nazioni. Il I “Tre leoni” non hanno subito quattro gol in una partita casalinga da quando l’Ungheria li ha riconosciuti il ​​25 novembre 1953!

partita del secolo

poi, A Wembley, gli orgogliosi inventori del calcio “ungherese” hanno affrontato i campioni olimpici del 1952 a Helsinki e sono stati schiacciati (3-6) nella “Partita del secolo”. Una vittoria che è stata la prima sconfitta in casa della sua storia, e ne ha scosso tutte le fondamenta. Hedgekotti (tre), Buzek (due volte) e Buscus hanno segnato i gol dell’Ungheria che hanno mandato l’Inghilterra in un angolo dei pensieri facendola scendere da un piedistallo. L’intera nazione britannica è andata “sotto shock” e ha messo in dubbio i suoi principi tattici e calcistici. La formazione dei ‘WM’ e il loro modo di allenarsi e di giocare sono passati alla storia. Il “gruppo” li ha fatti guardare a un continente di cui “diffidano”.

“Abbiamo visto uno stile e un sistema di gioco a noi sconosciuti. Non sapevamo nulla di Pusks o di nessuno di questi grandi giocatori ungheresi. Non significano niente per noi. Erano come se provenissero da Marte. Stavano arrivando in Inghilterra e Wembley, dove non abbiamo mai perso, e pensavamo di battere 4-0 o 5-0 un piccolo paese che è appena arrivato al calcio. Tuttavia, il modo in cui hanno suonato, la loro brillantezza artistica e la loro esperienza ci fanno a pezzi. Il calcio ha avuto un profondo impatto su tutti noi. Pensavamo che fossimo gli insegnanti e che loro fossero gli studenti. Era esattamente il contrario”, ha detto Bobby Robson anni dopo. Il colpo è stato il tipo che li ha cambiati. E ha funzionato: Alf Ramsey, uno dei difensori che hanno lottato contro l’Ungheria, è stato l’allenatore dell’Inghilterra che ha vinto la Coppa del Mondo in casa nel 1966.

Pensavamo che fossimo gli insegnanti e che loro fossero gli studenti. Era proprio il contrario. L’Ungheria ci ha distrutto

Bobby Robson, ex giocatore e allenatore inglese

Dopo 69 anni, i “Magici Magiari” ebbero eredi più modesti. 2.0 Nessuno dei migliori marcatori di Molino (Sly (doppio), Nagy e Gazdag) ha brillato per una squadra così leggendaria come l’Honved. L’Ungheria, lontana dal “cocco” da quell’età dell’oro, negli ultimi cinque anni si è avvicinata all’élite europea. Sempre più suoi giocatori giocano in campionati importanti come la Bundesliga tedesca (Gulassi, Orben e Szoboszlai lo fanno all’RB Lipsia, Sallai a Friburgo, Schfer all’Hertha…). Inoltre, hanno giocato gli ultimi due Campionati Europei (2016 e 2020).. In Francia hanno raggiunto gli ottavi di finale (sono stati schiacciati dal Belgio (0-4) e negati ai quarti di finale) e nell’ultima edizione multicampo, con Budapest come stadio, hanno gareggiato fino alla fine per entrare gli ottavi di finale nel “Gruppo della Morte” in parità con Francia (1-1) e Germania (2-2) e caduta negli ultimi minuti con il Portogallo (0-3).

Il successo nella controprevisione delle nazioni

“Tra pochi giorni potrò esprimere i miei sentimenti. Ora sono semplicemente felice”, ha riassunto l’ex giocatore del Real Madrid Adam Szalay, capitano e capocannoniere della nazionale ungherese vittoriosa in queste nazioni. Hanno fatto un “buco” in Inghilterra in crisi e Gareth Southgate è stato interrogato. Si è unito alla vittoria dell’Ungheria (1-0) a Budapest con un punteggio di 0-4 in casa del Wolverhampton. L’Inghilterra non perde in casa da quattro gol dal marzo 1928 (1-5 contro la Scozia). Due grandi vittorie, insieme a un pareggio (1-1) contro la Germania, in cui primeggiano nel Gruppo 3 della Lega A con sette punti in quattro giorni, davanti a “Mannshaft” (sei), Italia (cinque) e Inghilterra (due punti ). ) che sono rimasti senza opzioni negli “ultimi quattro”.

Quando morirò, mi obbligheranno a un minuto di silenzio negli stadi dell’Ungheria dopo questo risultato

Il tecnico ungherese Marco Rossi

Il marcatore Gazdag ha dichiarato: “La nostra più grande forza è che giochiamo come una squadra. Siamo uniti e molto forti. È un girone difficile, ma abbiamo fatto bene a raggiungere questa posizione. Speriamo di continuare”. Al Wolverhampton, che gareggia nella Philadelphia Union della MLS. A settembre, l’Ungheria ha difeso il comando cercando di giocare le “Last Four” lasciando dietro di sé tre campioni del mondo. “Quando penso a dove abbiamo iniziato e a dove siamo ora, è incredibile. Nemmeno nei nostri sogni più sfrenati ci aspettavamo qualcosa del genere”Rossi, che dal 2018 è riuscito a formare “galassie”, ha osservato. Raggiungere Euro 2024 e tornare ai Mondiali 40 anni dopo nel 2026 (l’ultima partecipazione è stata in Messico 1986) sono i gol dell’Ungheria che ha già un’altra “partita del secolo”… il 21.

READ  Novak Djokovic: guidare il Grande Slam e il Masters 1000 è incredibile | calcio | Gli sport