Febbraio 27, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Nuove informazioni su come gli esseri umani imparano a camminare

Nuove informazioni su come gli esseri umani imparano a camminare

rivista innovazione Include lavoro internazionale diretto da ricercatori di Università di New York (USA) che rivela Nuove prove su come gli esseri umani imparano a camminare. Nello specifico, indicano come farlo L'orecchio interno di una scimmia fossile di 6 milioni di anni rivela indizi Sull'evoluzione della locomozione umana.

Il lavoro è focalizzato su Le prove sono state scoperte recentemente Nei crani delle scimmie fossili di 6 milioni di anni fa, Lovingpithecus. In questo modo viene presentato Importanti indizi sulle origini della locomozione bipede, Grazie ad un nuovo metodo: analisi della zona ossea dell'orecchio interno mediante tomografia computerizzata 3D.

L'area ossea dell'orecchio è di circa I canali semicircolari, situati nel cranio tra il cervello e l'orecchio esterno. Sono necessari per fornire Il nostro senso di equilibrio e posizione quando ci muoviamo, Forniscono un elemento essenziale al nostro movimento che la maggior parte delle persone probabilmente non conosce.

La dimensione e la forma dei canali semicircolari sono correlate alla moda dei mammiferi, comprese le scimmie e gli esseri umani, Si muovono nel loro ambiente. Utilizzando le moderne tecniche di imaging, ciò è stato possibile Visualizza la struttura interna dei teschi fossili E studiare i dettagli anatomici dei canali semicircolari per rivelare come si muovevano i mammiferi estinti.

Zhang, Ni e Harrison, insieme ad altri ricercatori dell'Istituto di Paleontologia dei Vertebrati e Paleoantropologia dell'Accademia Cinese delle Scienze (IVPP) e dell'Istituto di Archeologia e Reliquie Culturali dello Yunnan, in Cina, hanno utilizzato lo studio. Tecniche di scansione 3D per illuminare queste parti dei teschi e creare una ricostruzione virtuale dei canali ossei nell'orecchio interno.

Poi Hanno confrontato queste scansioni con quelle raccolte da scimmie e altri esseri umani. Viventi e fossili provenienti dall'Asia, dall'Europa e dall'Africa.

READ  GlassOuse PRO consente alle persone con disabilità di utilizzare i propri telefoni cellulari, computer o giocare ai videogiochi a mani libere | tecnologia

Terry Harrison, antropologo della New York University e uno dei coautori dell'articolo, spiega che lo studio indica… L'evoluzione del bipedismo umano in tre fasi.

innanzitutto, Le prime scimmie si muovevano sugli alberi in un modo molto simile al modo in cui si muovono oggi i gibboni in Asia.. In secondo luogo, l’ultimo antenato comune delle scimmie e degli esseri umani era simile nel repertorio locomotore al Lovingpithecus, Usando una combinazione di arrampicata e arrampicata, Sospensione degli arti anteriori, camminata su due zampe arboree e cammina a quattro zampe sul terreno. Da questo vasto repertorio locomotore degli antenati si è evoluta la locomozione bipede umana.

Inoltre, il team internazionale ha suggerito questo anche studiando il tasso di cambiamento evolutivo nel labirinto osseo Il cambiamento climatico potrebbe essere stato innescato dall’ambiente Importante nel promuovere la diversificazione locomotoria nelle scimmie e negli esseri umani.

“Le temperature più fredde del mondo, associato all'accrescimento delle calotte glaciali nell'emisfero settentrionale circa 3,2 milioni di anni fa, corrisponde ad un aumento del tasso di cambiamento del labirinto osseo e questo “Potrebbe indicare un rapido aumento del ritmo di sviluppo motorio nelle scimmie e negli esseri umani.” conclude Harrison.