Febbraio 27, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Paul Stanley affronta la controversia sugli avatar dei Kiss: “La gente si è fatta un'idea sbagliata” – Il settimo giorno

Paul Stanley affronta la controversia sugli avatar dei Kiss: “La gente si è fatta un'idea sbagliata” – Il settimo giorno

Paolo Stanley È stato riconosciuto che l'annuncio della sopravvivenza Bacio Sotto forma di avatar virtuali che non sono stati ben accolti da gran parte dei suoi fan. Tuttavia, in una conversazione con Il rock classico per eccellenzaIl leader della band assicura che quando appariranno, delizieranno il pubblico.

Come ricorderete, quando suonarono l'ultimo concerto della loro carriera il 2 dicembre a New York, i Kiss lo annunciarono Una nuova tappa della sua carriera: “La fine di questa strada è l’inizio di un’altra stradaStanley ha annunciato sul palco prima che gli avatar della band apparissero sullo schermo con il messaggio: “Inizia una nuova era”.

Gli avatar dei Kiss debutteranno nel 2027 e c'è ancora tempo per quello. Fino ad allora, Stanley e il resto della band continueranno a lavorare per perfezionare il più possibile questo progetto: Una delle cose interessanti è che le persone, penso comprensibilmente, inizialmente si fecero un'idea sbagliata degli avatar. Perché nel parco volevamo dare alla gente un'idea di alcune cose, o di una delle cose, che stanno arrivando. Ma gli dei sono ancora nella loro infanzia. Sono lontani da dove finiranno in termini di aspetto e scopo. L’obiettivo finale non è sostituirci con avatar volanti. “È solo un altro modo per diversificare ciò che sono i KISS.”.

Anche se in realtà Stanley non ha paura di essere polemico, perché ha già affrontato, in altre occasioni, l'ira dei fan: “Francamente, molte volte negli ultimi 50 anni, le persone si sono grattate la testa riguardo ai nostri piani.”“dice Stanley. “E nove volte su dieci ci sono riusciti, e altre persone li hanno seguiti. Quindi, non è niente di veramente nuovo.”

Siamo nella posizione unica e fortunata di essere una band che può fare cose che le altre band non possono fare.. Quindi non esplorare e non trarre vantaggio da molti di essi sarebbe, non so, sciocco e anche, davvero, a questo punto, travolgente. “Abbiamo lavorato duramente per creare quattro icone – una band che è speciale in tanti modi diversi – e se non diversifichiamo e non massimizziamo ciò che abbiamo creato, diventeremo pazzi.”

Dall'altro lato, Gene Simmons ha già annunciato che tornerà sul palco Con la sua band solista nel giro di pochi mesi. Stanley finirebbe per fare la stessa cosa, ovviamente, senza…Rispondi a un bacio“: “È così speciale e unico che non può fallire a meno che l'idea non sia quella di replicarlo. Quindi questo non mi attira. Immagino di doverci pensare: “Cosa mi attrae?” Questo è ancora nell'aria. Naturalmente ora, ed è sempre stato così, la questione si riduce a: “Cosa mi rende felice?” Se non mi rende felice, la felicità che può portare a qualcun altro sarà vuota per me.“.

READ  Raul Romero operato per appendicite: ha tenuto un concerto poche ore prima del ricovero in ospedale

Per ora, Stanley continuerà a lavorare sulle cose che lo rendono felice, compresi gli sviluppi della sua band, che conferma ancora una volta saranno sorprendenti: “Penso che ogni confusione sarà risolta“, si legge, “E spero che nessuno ci perda il sonno“.