Marzo 4, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Vidal Merma, il giornalista di Cusco il cui documentario sulla sua lotta per il popolo Cana potrebbe vincere un Oscar nel 2024

Vidal Merma, il giornalista di Cusco il cui documentario sulla sua lotta per il popolo Cana potrebbe vincere un Oscar nel 2024

Vidal Merma è l'eroe di questo documentario. Riguarda la loro lotta contro l'estrazione mineraria e gli effetti dell'inquinamento – Credit Formation Infobae

Il 2023 è stato l’anno in cui C'erano gioie, Ma anche Le difficoltà Per tutti i peruviani. Dalle vittorie sportive ai livelli di criminalità che tengono i cittadini con il fiato sospeso. Tuttavia, in mezzo a tutto questo turbinio di emozioni, emerge un nuovo riconoscimento del suo connazionale: Vidal Mermagiornalista freelance di Cusco che denuncia l'inquinamento subito dalla popolazione di Cana, nella provincia di Espinar, a causa dell'attività mineraria.

Giovedì scorso, 21 dicembre Accademia delle arti e delle scienze cinematografiche Annuncialo ali di polvere, Si tratta di un breve documentario incentrato sulle loro battaglie sociali e ambientali, ed è tra i 15 film nominati per competere agli Academy Awards del prossimo anno. L'elenco definitivo sarà annunciato il 23 gennaio 2024.

Nel trailer Questa è una produzione nordamericana, Vidal Conferma di aver trascorso “40 anni in miniere” nella sua città, ma ancora non ricevono i benefici promessi. “Non abbiamo acqua, non abbiamo servizi igienici di base, e qui le persone stanno morendo lentamente”, afferma.

– Wings Of Dust è stato precedentemente nominato agli Oscar e competerà con altre produzioni internazionali – Infobae Credit Archive

Nel corso della sua lunga carriera, diminuisce Ha prodotto i documentari “Espinar se Levanta”, “Hanccollahua” e “La vida no vale un rame”. È anche uno dei collaboratori di Centro Pulitzer, Un'organizzazione riconosciuta a livello internazionale per il reporting e il giornalismo indipendenti su questioni di tutto il mondo.

Tra il 2007 e il 2010 ha lavorato come reporter presso forchettaNel Radio Los Angeles E dentro Canale 11In Cuzco. Dal 2011 al 2014 è stato direttore del canale televisivo comunale. In questa posizione è stato responsabile della regia di reportage, programmi e documentari.

Allo stesso modo, dal 2018 collabora con Il fotoreporter italiano Alessandro Cinque, E con diverse ONG internazionali presenti in Perù e in altri Paesi.

Vidal Merma è un collaboratore del Centro Pulitzer ed è noto per la sua lunga carriera a Espinar – credito Twitter

Sebbene la notizia della nomination fosse già di per sé una vittoria, il cortometraggio non uscirà a mani vuote nel 2023, come aveva annunciato il regista del film il 24 ottobre. Giorgio Giottolui ha Studente Oscar Si tratta di un concorso internazionale in cui ogni anno si sfidano studenti di cinema provenienti da tutto il mondo.

READ  Il regista di John Wick 4 ammette di essersi ispirato a un popolare lavoro indipendente

Wings of Dust ha vinto il premio come miglior documentario e Vidal Merma ha potuto tenere un discorso agli altri concorrenti.

“Sono un giornalista semplice e indomito che non accetta alcuna violazione dei diritti umani, per non parlare di un attacco alla nostra grande casa o al nostro ambiente. La mia più grande motivazione per continuare questo lavoro è la lotta per una vita giusta e sana per tutti”. “, ha detto il giornalista.

Il regista italiano conferma che la sua esperienza con Vidal Merma in Perù gli ha cambiato la vita – Credit CinEnSayoPERU

Ha poi ringraziato suo figlio Eric, che ha descritto come la sua più grande motivazione. “Purtroppo a causa dell’avidità delle persone, a causa dell’ambizione e, soprattutto, di questa società che è diventata consumistica anche oggi.Distruggendo il nostro pianeta. Continuerò a lavorare con questa motivazione, finché Dio mi darà la vita, continuerò a lavorare, continuerò a denunciare e continuerò a difendere e a prendermi cura di quel poco che resta del nostro pianeta. Grazie a tutti”.

Per questa parte, Giorgio Giotto Ha dedicato un estratto del suo discorso in memoria del collega: “Ricordo ancora questo momento: guidavo accanto a me di notte”. Vidal Nel bel mezzo del nulla, in Perù. Era buio pesto e stavamo tornando da una giornata di riprese molto difficile. Ricordo che in quel momento ho sentito profondamente che, non importa quanto mettesse in gioco la sua vita ogni giorno, sarebbe sempre stato la persona più positiva e resiliente che avessi mai incontrato”, ha detto il membro del pubblico.

“Generalmente, Registi di documentari Andiamo in luoghi molto remoti, incontriamo persone in situazioni meno confortevoli delle nostre e pensiamo di aver bisogno del loro aiuto. Tuttavia, sono stati Vidal, la sua famiglia e la sua comunità a salvarmi davvero. “Hanno cambiato la mia vita perché mi hanno insegnato cose come l’amore, l’empatia e la resilienza”, ha aggiunto.

Giorgio Giotto e Vidal Merma ricevono lo Student Academy Award – crediti YouTube

La presenza del Perù in Premi Oscar Questo obiettivo è stato sfuggente negli ultimi 13 anni, da quando il film nazionale La teta Scareda è stato nominato come miglior lungometraggio in lingua straniera nel 2010.

READ  Sony Music conferma l'acquisto del catalogo di Bob Dylan e futuri trabajos a lanzar

Da allora è passato più di un decennio Magali Soler e Claudia Llosa Erano presenti alla cerimonia e un'impresa del genere non si è mai ripetuta.

In conversazione con Infoabi PerùIl regista e sceneggiatore Gabriel Quispe commenta che il percorso del film peruviano verso gli Oscar dipende da una campagna un po' “finanziaria”, poiché è necessario che la produzione venga vista in vari festival considerati importanti per “Hollywood”. .

Magali Soler e Claudia Llosa davanti all'insegna di Hollywood a Los Angeles – File di credito di Infobae

Alcune delle caratteristiche che un prodotto deve avere, per poter essere ammirato dagli esperti, sono quella di avere “rifiniture tecniche ed espressive di rilievo”, cioè “avere alcuni elementi che possano attrarre l'accademia”.

“Si tratta di opere che in qualche modo rappresentano un'autentica essenza culturale. Afferma che il film, senza pretendere di essere esaustivo o troppo ambizioso, riesce a diventare l'apice della cultura di quel paese.”

Tuttavia, Quispe sottolinea anche l’importanza del processo decisionale Politica statale rigorosaOppure fornire il sostegno finanziario necessario.

Gli Academy Awards vengono assegnati ogni anno nel primo trimestre dell'anno e vengono presentate le più importanti star del cinema degli Stati Uniti e del mondo – Credit Pixabay

“Serve molta promozione paese peruviano, Soprattutto al momento giusto, non quando i paesi concorrenti hanno già due o tre mesi di azione a Los Angeles. È una cosa molto completa, è necessario un grosso budget per questa fase, per raggiungere questo obiettivo specifico.

“La burocrazia statale non aiuta. Se vuoi competere a questo livello, devi avere un protocollo giuridico-amministrativo pronto prima che venga scelto il film peruviano che ci rappresenta”. Agli Oscar“, Aggiungere.

READ  Anitta annuncia una nuova collaborazione con J Balvin, Quavo e il nuovo partner Murda Beatz: "No mas" | LOS40 Urbano

Secondo l'intervistato, una volta adottato questo protocollo, i soldi verranno consegnati e la pubblicità dovrà iniziare immediatamente In California. “È qualcosa di molto concreto, non qualcosa di misterioso. È una questione di date e scadenze per assumere uno specialista di pubbliche relazioni a Los Angeles che abbia contatti.

Gli Oscar sono ogni anno uno degli eventi artistici più importanti al mondo – Credit EE/John G. Mabanglo

In questo modo, per un certo periodo, diversi settori del Paese si uniscono per lo stesso scopo, ovvero far conoscere questo prodotto cinematografico. Ad esempio, lo è Consolato del Perù in California Posso fare previsioni.

E ha aggiunto: “Bisogna partire con un budget molto importante, e non così piccolo come lo è stato finora. (Per come stanno andando le cose finora) non avremo la possibilità di competere per ten Oscar in questa categoria Con una visione maggiore, che è un lungometraggio, né in un film meno visibile, come un breve documentario”.

Il regista ricorda anche quella campagna Tetta spaventata L'elemento importante è stato supportare un produttore spagnolo con cui aveva legami accademia, affinché la sua strada possa essere spianata più facilmente. Un viaggio che non è stato ancora possibile ripetere.