Maggio 28, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Qual è il ruolo influente nell’esplorazione dell’universo dell’antenna spaziale profonda di Mendoza?

Qual è il ruolo influente nell’esplorazione dell’universo dell’antenna spaziale profonda di Mendoza?

Antenna DSA 3 in aumento vicino a Malargüe, Mendoza (ESA)

UN Un enorme piatto, alto 35 metri, poggia su un piedistallo Sorge nel paesaggio selvaggio delle colline Mendozavicino alla città Malaria. Insieme pesano 610 tonnellate.

È una delle tre antenne satellitari per missioni nello spazio profondo Agenzia spaziale europea (ESA, per la sua abbreviazione in inglese) in tutto il mondo che costituisce uno dei Le poche finestre che la Terra ha a disposizione per comunicare con i veicoli spaziali su lunghe distanze Spiando così i segreti dell’universo.

Questo potente strumento è stato lanciato nel dicembre 2012 Ha 10 anni e recentemente ha ricevuto un aggiornamento ai suoi sistemi Per poter operare le nuove missioni spaziali già lanciate e quelle in arrivo nei prossimi anni.

Varie missioni in cui le antenne DSA supportano l’Agenzia spaziale europea

Inoltre, all’inizio di questo mese, l’Agenzia spaziale europea ha ospitato la visita di una delegazione ufficiale di rappresentanti dell’UE accreditati in Argentina e di Belgio, Finlandia, Italia, Polonia, Francia e Slovenia, insieme a rappresentanti della Cancelleria della Repubblica argentina e della Repubblica Argentina. Comitato per le Attività Spaziali (CONAE), alla Deep Space Antenna (DS3) nella città di Malargüe.

“Questa antenna è una risorsa importante nella nostra rete di supporto a terra per le missioni scientifiche ed esplorative dell’ESA”, ha affermato. Annabelle Fonseca, Dal Dipartimento Relazioni Internazionali dell’Agenzia Spaziale Europea durante l’evento. Ha sottolineato: “Siamo molto orgogliosi di offrire le nostre attività anche ai contribuenti europei nel quadro di… La nostra collaborazione di successo con l’Argentina e Kunai “Più di 20 anni fa.”

Per questa parte, Vicki Loewenberg, Il Capo della Sezione Economica e Commerciale della Delegazione dell’Unione Europea a Buenos Aires ha annunciato che “L’Argentina è un importante attore tecnologico e scientifico nella regione. È un importante partner dell’Unione Europea nelle attività di cooperazione nel campo della tecnologia spaziale.

DSA 3 può ruotare in tutte le direzioni per colpire satelliti e veicoli spaziali a lunga distanza (ESA).

Per scoprire cos’è questa potente antenna dello spazio profondo che fa parte della rete di stazioni di localizzazione dell’ESA (ESTRACK) e quali missioni segue e come verrà ampliata, informazione parlare con Guillermo Lorenzo, Capo del dipartimento operativo Sorpassare Questo viene dai loro uffici a Darmstadt, Germaniasegue il lavoro scientifico di questo straordinario gadget tecnologico.

“L’ESA dispone di tre antenne di stazioni di rete profonde 35 metri chiamate DSA situate in Australia, Spagna e Argentina, che stanno lavorando su… Comunicazione con missioni interplanetarie a una distanza di oltre 2 milioni di chilometri. Nella nostra rete di stazioni disponiamo inoltre di 7 stazioni con antenne con un diametro inferiore a 15 metri, che servono le comunicazioni fino a una distanza di 400.000 km. Lorenzo ha spiegato che utilizzando questi strumenti possiamo comunicare con tutte le nostre navicelle spaziali su brevi e lunghe distanze.

READ  Uno scienziato sostiene che la NASA trovò la vita su Marte 50 anni fa, ma la distrusse per sbaglio

E ha aggiunto:Le potenti antenne DSA sono le stazioni terrestri dell’ESA che ci aiutano ad affrontare alcune delle domande scientifiche più importanti. Sono stazioni di osservazione dello spazio profondo, tra le più avanzate al mondo, come la NASA o l’Agenzia aerospaziale giapponese (JAXA), che consentono ai veicoli spaziali di mantenere il contatto con la Terra mentre entrano nel nostro sistema solare.

Le tre antenne per lo spazio profondo di proprietà dell’Agenzia spaziale europea (ESA) nel mondo

Come ha descritto Lorenzo, la missione principale di tutte le stazioni ESA è comunicare con le loro missioni spaziali, Invio di comandi da remoto e ricezione di dati scientifici vitali Registrato e informazioni sullo stato delle navi. Le tre stazioni, situate in Australia, Spagna e Argentina, sono controllate centralmente da… Centro operativo ESOC in Germania.

È dotato di grandi riflettori parabolici del diametro di 35 metri e del peso di 610 tonnellate, che possono essere ruotati e direzionati con estrema precisione. Utilizza i dati dei segnali della stazione Tecnologia di navigazione avanzata nota come delta-DOR, L’esperto dell’ESA ha aggiunto: “Gli ingegneri possono determinare l’orbita di un veicolo spaziale che esplora Marte o Venere – a una distanza di oltre 100 milioni di chilometri dalla Terra – con una precisione fino a un chilometro”.

L’anno scorso l’antenna di Malargüe, Mendoza, ha compiuto 10 anni Ha ricevuto un importante aggiornamento software e hardware, che gli ha consentito di aumentare la resa dei dati scientifici del 40% Raffreddamento del “feed dell’antenna” a soli 10 gradi sopra la temperatura più bassa possibile nell’universo (circa -263 gradi Celsius).

Le indicazioni vengono inviate dalla Terra e le informazioni vengono ricevute dalle missioni spaziali a lunga distanza (ESA).

Ad esempio, gli attuali aggiornamenti aumenteranno la quantità di dati che possono essere inviati dai veicoli spaziali fino al 40%, consentendo di ricevere più immagini del Sole ad alta risoluzione da Orbita solare Durante la finestra di contatto. Altre missioni spaziali dell’ESA in cui i veicoli spaziali stanno già trasmettendo dati Pepe Colombo, Prima missione europea a Mercurio, Il pianeta terrestre più piccolo e meno esplorato del nostro sistema solare.

Si tratta di una missione congiunta tra l’ESA e la Japan Aerospace Exploration Agency (JAXA) e consiste di due orbiter scientifici: il Mercury Planetary Orbiter (MPO) dell’ESA e il Mercury Magnetic Orbiter (MMO) della JAXA. Il suo obiettivo è studiare tutti gli aspetti di Mercurio, dalla struttura e dinamica della sua magnetosfera e come interagisce con il vento solare, alla sua struttura interna e al grande nucleo di ferro, nonché l’origine del suo campo magnetico.

READ  Alcuni telefoni iPhone 14 Pro hanno delle linee orizzontali sullo schermo, perché? Alcuni telefoni iPhone 14 Pro hanno delle linee orizzontali sullo schermo, perché?

La navicella spaziale creerà mappe globali della composizione chimica ed elementare della superficieServiranno immagini delle sue formazioni per comprendere meglio i processi geologici e come cambia la superficie a causa di crateri da impatto, attività tettonica, vulcani e depositi di ghiaccio polare. Questi dati consentiranno agli scienziati di saperne di più sull’origine e l’evoluzione di un pianeta vicino alla sua stella madre e di comprendere meglio l’evoluzione complessiva del nostro sistema solare.

Monitoraggio in tempo reale della missione BepiColombo verso Mercurio (ESA)

L’antenna è in Argentina, insieme a quelle in Spagna e Australia Sono anche in contatto con La navicella spaziale Joyce dell’ESA Invio di segnali attraverso lo spazio interplanetario, oltre l’orbita di Marte, al sistema di Giove. Nel suo complesso viaggio, la navicella spaziale naviga tra le lune ghiacciate del pianeta più grande del nostro sistema solare, osservando da vicino Ganimede, Europa e Callisto.

Supporta anche Il telescopio spaziale Euclid dell’agenzia, Nella sua missione di far luce sulla vera natura della materia e dell’energia oscura osservando miliardi di galassie fino a 10 miliardi di anni luce dalla Terra.

Gli specchi dicroici all’interno della stazione traducono le informazioni provenienti dai sensori (ESA).

La domanda di capacità downlink dalle stazioni è più grande che mai. Nei prossimi anni, l’agenzia si sta preparando a lanciare nuovi veicoli spaziali nelle profondità del nostro sistema solare e a supportare le missioni di un numero crescente di agenzie spaziali partner. Nel frattempo, nuove astronavi, Avranno una maggiore capacità di trasmettere dati e avremo bisogno di più antenne per raccogliere tali informazioni“, ha sottolineato Lorenzo, il che significa che le missioni spaziali e le capacità di comunicazione dalla Terra raddoppieranno.

“La nostra previsione è che avremo bisogno di più antenne per supportare più missioni spaziali a partire dal 2029. Quest’anno è prevista la costruzione di una nuova antenna in Australia. Sarà una quarta antenna con un diametro di 35 metri per soddisfare la crescente domanda di larghezza di banda delle comunicazioni mentre l’agenzia “Prepara e lancia una nuova generazione di sistemi di sicurezza spaziale per missioni nello spazio profondo”.

In un anno normale La rete Estrack fornisce oltre 15.000 ore di supporto per il monitoraggio di 20 o più attività, Con un invidiabile tasso di disponibilità del servizio superiore al 99%. Ma a seconda delle esigenze future dell’astronomia e delle missioni nello spazio profondo, l’uso delle stazioni terrestri è stato stimato per coprire il prossimo decennio, tenendo conto delle missioni ESA in fase di sviluppo, nonché di potenziali missioni come L5 Space Weather (ESA) e WFIRST ( NASA).

Costruzione della stazione DS a Malargüe più di 10 anni fa (ESA)

Secondo le analisi condotte si ritiene necessario implementare risorse aggiuntive in Due nuove antenne da 35 metri sono state installate rispettivamente lungo l’Australia e l’Argentina. Che è necessario sostenere Una media di 26.000 ore di monitoraggio/anno Richiesto dalle prossime missioni.

READ  Questo laptop MSI economico con touchscreen, chip i7 e grafica RTX3060 è l'ideale per creatori di contenuti o designer.

L’accesso indipendente allo spazio rimane un obiettivo strategico per l’Europa. In futuro, le missioni spaziali avranno requisiti crescenti in termini di prestazioni (ad esempio, maggiore throughput di dati) e capacità (ad esempio, nuove bande di frequenza). “Per questo motivo stiamo conducendo un nuovo studio per espanderci e acquisire un’altra antenna anche in Sud America. Lorenzo ha rivelato che con l’installazione a Malargüe c’è la possibilità di costruire lì una nuova antenna, anche se ci sono altre opzioni sul tavolo.

L’ESA sta valutando la possibilità di costruire una nuova antenna a Mendoza, come la DS3

Proprio come l’ESA ha già firmato con il governo australiano per installare un secondo sistema DSA sul suo territorio per espandere la copertura spaziale, sta valutando di fare lo stesso con l’Argentina o un altro paese sudamericano e quindi espandere la propria capacità a queste latitudini.

“Quando abbiamo firmato con il governo argentino e quello provinciale per installare l’antenna di Mendoza, L’Agenzia spaziale europea ha promesso di costruire una strada asfaltata da Malargüe Alla base spaziale, che lo è ancora Non soddisfatto. La realizzazione di questa strada asfaltata, fondamentale per migliorare l’accesso all’antenna per il personale e le attrezzature scientifiche, è fondamentale per accelerare l’accordo di espansione della rete ESTRACK a Mendoza. Lorenzo ha sottolineato che questo sarebbe un punto in più.

E ha concluso: “In questi anni è stata fondamentale la cooperazione reciproca con l’Argentina, il partenariato scientifico e lo sviluppo locale. Esistono anche accordi scientifici con la CONAE che consentono agli scienziati argentini una parte dell’utilizzo dell’antenna. Vorrei esprimere la mia gratitudine alle autorità, ai tecnici e agli scienziati argentini, oltre al Planetario Malargüe, che comprende lo spazio appartenente all’Agenzia spaziale europea. “Abbiamo un ottimo rapporto con la CONAE e questo ha un impatto importante sulla scienza locale in Argentina”, ha concluso.