Marzo 4, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Rasmus Højlund: “nuova” Olanda in Italia, mistero in Danimarca |  Giornale americano

Rasmus Højlund: “nuova” Olanda in Italia, mistero in Danimarca | Giornale americano

EFE/EPA/PAOLO MAGNI

Copenhagen, (EFE).- Vent’anni e con un esordio impressionante nel campionato italiano che lo ha reso una delle migliori promesse del calcio europeo, l’attaccante danese Rasmus Hjlund è ancora lontano dall’essere una stella in patria. Tredici mesi fa è scomparso senza lasciare traccia.
Hojlund ha vinto il calcio italiano in sei mesi. L’Atalanta ha acquistato Sturm Kroos la scorsa estate per 17 milioni di euro, che è già titolare da settimane, e la sua mezza dozzina di gol, così come la sua potenza e il suo ritmo, hanno sollevato aspettative e fatto paragoni con figure come Manchester. La speculazione è stata diffusa per l’attaccante norvegese del City, Erling Holland, con offerte da un milione di dollari da parte dei più grandi club del continente.
L’esplosione del giovane Højlund (Copenhagen, 1983) è stata ancora più sorprendente in Danimarca, dove pochi si aspettavano la rapida evoluzione di un giocatore che eccelleva nelle serie minori, ma fu breve e poco brillante nel campionato danese.
Højlund è arrivato a Copenaghen dall’umile Hørsholm Usserød a 15 anni, dopo aver dominato il calcio danese negli ultimi decenni. Ben presto si è distinto nelle serie minori e all’età di 17 anni, nell’ottobre 2020, ha esordito in campionato.
Precedenti infortuni gli hanno permesso di godersi i minuti in uscita dalla panchina. Due mesi dopo lo hanno rinnovato fino al 2023 e l’estate successiva gli hanno già regalato il primato in prima squadra.
A poco a poco si è affermato come giocatore di rotazione, ma è stato solo in Conference League che ha lasciato i dettagli della sua capacità di segnare, con cinque gol in dieci partite, tra le fasi iniziali e la fase a gironi.
La sua firma per l’austriaco Sturm Cross nel gennaio 2022, per circa due milioni di euro, diciannove partite di campionato, ha attirato pochi o nessun commento a sorpresa sui media danesi a causa dell’interesse di un club straniero per un giocatore. Da sostituto, non ha segnato un solo gol.
Così, nel calcio austriaco, soprattutto adesso, la sua prestazione eccezionale ad Atlanta ha sorpreso più di una persona, anche chi lo conosce bene.
“È stato un viaggio incredibile. Forse è un po’ sorpreso dalla velocità con cui sta andando”, ha recentemente ammesso l’esterno del Copenaghen e il suo amico Elias Gelert da quando si sono incontrati nelle giovanili della squadra. il centrocampista William Klemm, nonostante “tutto”, sottolinea che non avrebbe potuto avere successo nel suo paese natale.
“Mi sembra che non gli abbiano dato una vera possibilità. Ha trascorso solo sei mesi stabilmente in prima squadra”, si è lamentato di recente suo padre Anders Højlund, criticando il fatto che avesse solo dieci o quindici minuti nella parte finale della partita. Giochi.
Il padre di Højlund, che ha avuto una carriera da attaccante in modesti club danesi, ha sottolineato anche un altro fattore: lo stile di gioco. Il calcio più coeso della sua società non ha giovato all’attaccante, che si distingue per forza fisica ed esplosività, virtù rafforzate dal gioco diretto di Sturm Cross e dalla grinta dell’Atalanta.
Højlund non ha nascosto una certa frustrazione per la mancanza di opportunità nella squadra che ha creato.
“In otto mesi, è fantastico poter dimostrare di essere passato dall’essere un giocatore di cui non si fidavano al 100% all’essere con i migliori giocatori danesi della storia e diventare parte del gruppo”, ha dichiarato lo scorso settembre. , quando ha esordito con la nazionale maggiore del suo paese.
Il fatto che Højlund non sia ancora una star nel suo paese è dovuto anche alla sua mancanza in nazionale. È stato convocato per le ultime due partite di UEFA Nations League contro Croazia e Francia, nelle quali ha aggiunto un’ora tra le due uscendo dalla panchina, pur non segnando.
Tuttavia, non è stato incluso nella rosa della Coppa del Mondo nonostante nessuno degli attaccanti della Danimarca abbia segnato bene. L’allenatore, Kasper Hjulmand, che ha giocato con suo padre al B93 danese alla fine degli anni ’90, ha voluto scommettere sul blocco che aveva raggiunto le semifinali dell’Euro Cup un anno prima.
Ora, tuttavia, è accettato che il nome di Hjulmand sarà nella prossima lista di Hjulmand per le prime qualificazioni per il prossimo torneo continentale, con opzioni serie per iniziare in assenza di un attaccante affidabile. I loro buoni numeri in Italia creano entusiasmo in un paese ancora deluso dalla scarsa prestazione della loro squadra in Qatar, che è stata eliminata nelle prime fasi.
Dopotutto, sebbene Hjlund sia ben lungi dal godere dello status di Christian Eriksen o di altri riferimenti nel calcio danese come Pierre-Emelie Hjberg, Thomas Delaney o il “giocatore del Barcellona” Andreas Christensen, il suo nome è già presente nelle informazioni sportive dei media. del suo paese. Sebbene il campionato inglese abbia tradizionalmente sviluppato un seguito molto più ampio in Danimarca, le sue partite ad Atlanta vengono ora trasmesse in televisione ogni fine settimana.
La storia di Højlund continua con i fratelli minori di Rasmus, i gemelli Emil e Oscar, nelle giovanili del Copenaghen e nelle nazionali under 18: il primo, un altro attacco; Secondo, un centrocampista.

READ  Dodici degli yacht che Arman sta costruendo per l'Italia avranno una capacità di 3.000 passeggeri.