Siccità ma prezzi: i prezzi della soia e del mais continuano a scendere sui mercati internazionali

0
2
Siccità ma prezzi: i prezzi della soia e del mais continuano a scendere sui mercati internazionali
Archivio Fotografico – Agricoltore che raccoglie semi di soia alla periferia di Gualeguaychu, provincia di Entre Ríos, Argentina. 30 marzo 2008. REUTERS/Andres Stapf (Argentina)

Il 2023 è stato un anno negativo per la soia e il mais, con forti cali della produzione, ma anche con un calo dei prezzi delle transazioni internazionali. Nel 2024, le prospettive sembrano molto meno cupe, ma le condizioni di instabilità sono ricorrenti e sollevano interrogativi sul successo della prossima stagione.

Secondo un rapporto da lui preparato FrancoArtuso E Lautaro Sibillaeconomisti dell'Ieral (Fondazione Mediterraneo), nel 2023 il prezzo della soia è stato fissato a un prezzo medio di 521 dollari la tonnellata sul mercato di Chicago (in termini reali, valori adeguati all'inflazione statunitense), ovvero inferiore del 12% rispetto al prezzo valore osservato nel corso del 2022, sebbene sia a un livello relativamente buono in una prospettiva storica.

Sebbene i valori medi per il 2023 siano stati buoni per l’anno, i prezzi hanno iniziato una traiettoria discendente nella seconda metà dell’anno, con dicembre che ha raggiunto i 479 dollari USA per tonnellata; Questa tendenza è continuata finora nel 2024, con un nuovo calo dei prezzi e una chiusura di gennaio a una media di 455 dollari per tonnellata.

“Secondo i prezzi futuri degli ultimi giorni, i prezzi dei semi oleosi scenderanno di nuovo a febbraio e marzo, per poi rimanere intorno ai 425 dollari USA/ton fino ad agosto. A settembre scenderanno di un altro livello e chiuderanno a 413 dollari USA/ton a dicembre 2024. Ciò significherebbe che questo scenario di prezzo, se confermato, comporterebbe una perdita del 18% del valore reale dei semi oleosi nel 2024 (rispetto al 2023) e del 24% del valore reale dei semi oleosi nel 2024. 28% rispetto al 2021-2022. picchi; hanno spiegato che sarebbe inferiore al 7,4% del prezzo medio degli ultimi 20 anni (426 contro 460 dollari per tonnellata).

READ  Il tasso di insolvenza bancaria è salito al 3,60% in ottobre con un aumento dei crediti dubbi

Da parte sua, il mais veniva scambiato ad un prezzo medio di 223 dollari la tonnellata Mercato di Chicago Nel corso del 2023 (valori in dollari USA corretti per l’inflazione) ha perso circa il 20% del suo valore reale raggiunto nel 2022; Come nel caso dei semi oleosi, il prezzo dei cereali non è stato storicamente negativo.

“È da notare che i cereali hanno perso valore durante la seconda metà del 2023, una tendenza che si è accentuata all’inizio di quest’anno; nel periodo da giugno a dicembre, il prezzo dei cereali si è contratto del 25% in termini reali (passando da 242 dollari a 182 dollari per tonnellata) e nel gennaio 2024 la media era di 176 dollari per tonnellata, ancora una volta in calo di quasi il 4% rispetto a dicembre. Sibilla.

Secondo i prezzi futuri, il mais continuerà a diminuire durante il primo trimestre fino a marzo, dove raggiungerà un minimo di 162 dollari USA/tonnellata. “Da lì inizierà a recuperare parte di ciò che ha perso e si stabilizzerà intorno ai 170-176 dollari per tonnellata durante la seconda metà dell'anno. In questo scenario di prezzo, i cereali avranno un valore medio annuo di 172 dollari per tonnellata fino a 2024, registrando un calo reale del 21% rispetto al “Entro il 2023. Questo sarà il secondo anno consecutivo che i cereali perderanno circa il 20% del loro valore reale. Ciò lascia il 2024 ben al di sotto della media storica (209 dollari per tonnellata, ultimo 20 anni, in dollari a potere d'acquisto costante).” .

READ  PayPal sta esplorando la possibilità di lanciare la propria stablecoin

Nel mercato locale è stato osservato anche un aggiustamento dei prezzi attesi dei cereali rispetto ai valori attuali, che rappresenta una correzione al ribasso maggiore di quanto previsto nel mercato dei cereali. Chicagosoprattutto nella soia.

Proiettando la parte restante di febbraio e confrontandola con i prezzi osservati a dicembre, espressi in valori di potere d'acquisto costante, si osserva un forte aggiustamento del prezzo interno della soia. (Camera Arbitrale, Borsa di Rosario). “Da un valore di 342.000 dollari/tonnellata (ai prezzi di febbraio 2024, questo rappresenta il 14% di inflazione per il mese corrente), scenderà a un prezzo vicino a 260.000 dollari/tonnellata, un aggiustamento di oltre il 20%”. Gli economisti hanno messo in guardia.

Secondo gli esperti, questo calo è dovuto a due fattori: il calo dei prezzi globali e il tasso di inflazione interna, che chiuderebbe questo periodo al di sopra del tasso di deprezzamento della valuta (apprezzamento del tasso di cambio). Il prezzo di febbraio sarà al livello medio degli ultimi 26 anni (1998-2023), sebbene sia molto inferiore ai prezzi registrati negli ultimi tre anni (2021-2023).

All’inizio della campagna 2023/24, le aspettative sulla produttività delle colture estive hanno raggiunto livelli molto elevati, combinati con un contesto macroclimatico favorevole e con l’inizio della fase infantile della stagione agricola. Ciclo ENSOe una serie di piogge importanti verso la fine del 2023.

“Purtroppo, le condizioni meteorologiche sono peggiorate con l'avanzare del ciclo, colpendo soprattutto le piantagioni tardive e alcune zone del Paese. Nelle ultime settimane di gennaio si è verificata un'ondata di caldo molto intenso, che, unita alla mancanza di riserve nel suolo e alla mancanza delle precipitazioni, ha influito negativamente sullo stato dei raccolti estivi, sollevando interrogativi sulle ottime quantità previste e sul ciclo sottolineato dagli economisti.

READ  Il Senato degli Stati Uniti approva Jerome Powell per un secondo mandato nella Federal Reserve

Nel caso del mais, nella seconda rilevazione di febbraio, la superficie in ottimo/buono stato ha raggiunto il 30%, con un calo significativo rispetto a metà gennaio quando aveva raggiunto quasi il 50%.

Tuttavia, dal punto di vista delle ultime tre campagne, il ciclo 23/24 regge ancora relativamente bene in questo indicatore. All’inizio di dicembre il 70% della superficie coltivata a mais era in uno stato normale, una percentuale che attualmente si avvicina al 50%, che è una percentuale che supera quella delle due campagne precedenti, ma non è la percentuale del 2020 /21 ciclo (69%).

Come per il mais, anche le colture di soia hanno perso qualità nel loro processo di sviluppo, e nelle ultime settimane l’area considerata in cattive condizioni ha suscitato molto interesse.

Per quanto riguarda la superficie in condizioni normali, ha seguito un andamento simile a quello del mais: oscillava tra il 60 e il 65% a dicembre, scendendo al 40% a metà gennaio e rimanendo a questo livello nelle ultime settimane. Da parte sua, la zona in condizioni moderate/cattive, che era praticamente nulla nel mese di dicembre fino a metà gennaio, è salita al 21% nella seconda settimana di febbraio. Infine, lo spazio in ottimo/buono stato sfiora il 30%, ma a metà gennaio era superiore al 50%.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here