Dicembre 5, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Taiwan conferma la presenza militare statunitense sull’isola

Primo emendamento:

Il presidente di Taiwan Tsai Ing-wen ha confermato in un’intervista alla CNN che le forze statunitensi stanno addestrando l’esercito dell’isola. Queste dichiarazioni sono state fortemente criticate dalla Cina, che considera le azioni degli Stati Uniti una provocazione. Questo evento ha ulteriormente teso le relazioni tra Cina e Taiwan.

Alcune dichiarazioni che sottolineano ulteriormente i rapporti tra Cina e Taiwan. Il presidente taiwanese Tsai Ing-wen ha confermato ciò che molti avevano già dichiarato: le forze statunitensi stavano addestrando l’esercito dell’isola.

Lo ha fatto attraverso un’intervista alla CNN pubblicata giovedì. Il presidente ha sottolineato che Taipei ha “un’ampia gamma di cooperazione con gli Stati Uniti volta ad aumentare” la capacità di difesa dell’isola. Ma non ha approfondito il numero delle truppe statunitensi, che ha detto non erano “tanto quanto la gente pensa”.

L’affermazione è stata considerata una provocazione dalla Cina, che ha esortato gli Stati Uniti a non interferire a Taiwan. “Coloro che dimenticano la loro eredità, tradiscono la loro patria e dividono il Paese non avranno mai un buon risultato. Perseguire e sostenere l’indipendenza di Taiwan sarà un vicolo cieco”, ha affermato Wang Wenbin, portavoce del ministro degli Esteri cinese.

La bandiera di Taiwan viene esposta durante una prova militare della Giornata Nazionale a Taipei, Taiwan, il 5 ottobre 2021. © Reuters/Ann Wang

La Cina dice che un tentativo “separatista” porterà all’invasione di Taiwan

I commenti di Tsai arrivano in un momento in cui la Cina ha rafforzato la sua presenza militare intorno a Taiwan. Nelle ultime settimane, la Repubblica popolare cinese ha inviato un numero record di aerei da combattimento nello spazio aereo internazionale adiacente all’isola e ha anche incoraggiato una campagna di pressione diplomatica ed economica.

READ  E i premi Nobel 2021 vanno agli uomini... finora

Le azioni della Cina rispondono alla sua decisione di recidere i legami ufficiali con Taiwan, perché Tsai non considera l’isola come parte di “una Cina”, una visione che è in conflitto con la visione di Pechino dell’isola come territorio della Cina. .

Ha infatti accusato la Cina continentale dei suoi presunti tentativi “separatisti” e ha avvertito, a più riprese, che l’indipendenza porterà a un’invasione dell’isola da parte delle forze cinesi.

Parlando con la CNN, Tsai ha affermato di essere fiduciosa che gli Stati Uniti avrebbero aiutato a difendere Taiwan dalla Cina, se necessario. Inoltre, il presidente ha affermato di considerare Taiwan un “faro” regionale di democrazia che affronta le minacce del suo vicino “autoritario”.

Il rapporto tra Taiwan e Cina ha raggiunto il suo punto più teso in 40 anni

“Relazioni severe in più di 40 anni”. Così il ministro della Difesa di Taiwan, Chiu Kuo-cheng, ha descritto il momento in cui ha attraversato l’isola davanti al suo vicino. “Abbiamo scambi di personale e loro (soldati americani) saranno qui per la cooperazione militare, ma questo è diverso, secondo la mia definizione di ‘truppe’ qui”, ha aggiunto.

Il ministro della Difesa taiwanese Chiu Kuo-cheng ha sottolineato che l'isola collabora con gli Stati Uniti e ha anche affermato che non dovrebbero fare affidamento su nessun'altra forza per difendere il proprio territorio.
Il ministro della Difesa taiwanese Chiu Kuo-cheng ha sottolineato che l’isola collabora con gli Stati Uniti e ha anche affermato che non dovrebbero fare affidamento su nessun’altra forza per difendere il proprio territorio. © Ann Wang/Reuters

Inoltre, la conferma della presenza dei militari statunitensi sull’isola da parte di Tsai è il primo annuncio del genere da quando le forze dello stato americano hanno lasciato Taiwan nel 1979. La decisione è arrivata dopo il riconoscimento diplomatico statunitense di Pechino.

READ  Denuncia contro Bolsonaro per il genocidio della popolazione indigena

A seguito della notizia, il quotidiano statale cinese, Global Times, ha pubblicato un editoriale che condanna le azioni degli Stati Uniti, affermando di aver “oltrepassato il limite”. Vale a dire, la Cina ha rivendicato Taiwan come parte del suo territorio nazionale dalla separazione dell’isola dalla Cina continentale nel 1949 dopo una lunga guerra civile. Da allora, si è governata da sola e Tsai è stato il suo ultimo presidente dal 2016.

Relazioni Usa con Taiwan, una posizione “ambigua” ma strategica

La politica dell'”ambiguità strategica” è il nome dato al rapporto degli Stati Uniti con Taiwan. Ebbene, sebbene Washington non abbia una relazione diplomatica formale con Taiwan, ha strette relazioni “informali”.

Questa politica non consente di chiarire la posizione degli Stati Uniti di fronte a un possibile attacco cinese all’isola. Ebbene, pur riconoscendo Pechino e non Taipei, il Taiwan Relations Act ha una politica di sostegno all’autodifesa di detti territori, anche fornendo loro armi.

Durante il mandato dell’ex presidente Donald Trump, gli Stati Uniti hanno aumentato le vendite di armi a Taiwan e l’isola ha persino inviato i suoi piloti per l’addestramento negli Stati Uniti.

Attualmente, la politica non è cambiata. L’attuale presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, ha segnalato il suo impegno a Taiwan in un vertice dei leader dell’Asia orientale e si è detto “preoccupato” per le “misure coercitive” della Cina.

Allo stesso modo, il presidente ha indicato che il suo paese è obbligato a fornire a Taiwan i mezzi per difendersi da qualsiasi attacco cinese. Molti hanno considerato queste dichiarazioni in contraddizione con la politica internazionale decennale contro Taiwan.

Poche ore dopo, la Casa Bianca ha confermato che non c’era stato alcun cambiamento nella politica verso l’isola, nonostante l’interesse strategico degli Stati Uniti a Taiwan di essere presenti nella regione mentre il potere economico della Cina aumentava negli Stati Uniti. Negli ultimi anni.

READ  Il Congresso del Perù decide se votare la fiducia al governo Castillo

Con Associated Press e Reuters