Dicembre 2, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Un efficace antidoto a un futuro distopico – Juventud Rebelde

Un efficace antidoto a un futuro distopico – Juventud Rebelde

In programma questa settimana da un massimo di 78. Il Summit sulle ambizioni climatiche del 2023 dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite – insieme ad altre sessioni plenarie internazionali altrettanto importanti come l’incontro sugli Obiettivi di sviluppo sostenibile – ha generato aspettative diffuse all’interno dell’agenda del multilateralismo.

Più di un’introduzione al Day 28. La Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP28), in programma a Dubai a partire dal prossimo 30 novembre, ha discusso questioni di importanza globale per l’attività industriale, commerciale, migratoria, sociale e culturale.

Per decenni, le agenzie internazionali integrate nelle Nazioni Unite – guidate dal Gruppo intergovernativo di esperti sull’evoluzione climatica – hanno fornito prove convincenti sull’impatto delle attività umane sull’equilibrio ecologico.

Le emissioni inquinanti nell’atmosfera derivanti dall’industria, a causa del loro elevato grado di letalità, hanno avuto un impatto decisivo nel deterioramento dell’equilibrio ecologico. Oltre ai loro effetti sulla salute umana, questi inquinanti, che causano l’innalzamento della temperatura media del pianeta, hanno scatenato una radicale trasformazione dell’habitat che ha causato la proliferazione di specie vegetali e animali per milioni di anni.

Il superamento della soglia massima di 1,5 gradi Celsius rispetto al periodo preindustriale – uno degli obiettivi cruciali dell’Accordo di Parigi sul clima ratificato da quasi tutti i paesi del mondo nel 2016 – porterà a gravi conseguenze in campo ambientale, a un all’innalzamento del livello degli oceani, o alla perdita di biodiversità, o all’esaurimento delle risorse idriche, minerali e alimentari, o alla proliferazione di migranti ambientali.

Il Climate Ambition Summit ha catturato le espressioni di disagio dei cittadini di fronte a questo stato di vulnerabilità che influenza il corso della vita umana sulla Terra. In questo conclave ad alto livello è stato evidenziato il disaccordo tra molti paesi in via di sviluppo sulle questioni ambientali, per quanto riguarda la quota di partecipazione di alcuni paesi del Primo Mondo a scapito di quelle regioni che soffrono gli effetti più mortali della crisi climatica.

READ  Le Nazioni Unite avvertono che il mondo dovrebbe prepararsi a temperature record a causa del fenomeno El Niño

Sebbene le istituzioni finanziarie internazionali siano lungi dal soddisfare le esigenze dei paesi in via di sviluppo, in particolare quelli vulnerabili al degrado ambientale, le richieste di moratorie e giustizia climatica avanzate dai paesi “perdenti” nella globalizzazione neoliberista ricevono sempre più attenzione.

Il vertice ha sottolineato la necessità di rafforzare la volontà collettiva globale che dà priorità agli aspetti fondamentali della società come lo sviluppo equo e sostenibile, la promozione delle energie rinnovabili e le misure di resilienza di fronte alla perdita di equilibrio ambientale.

Non ci sono scuse o circostanze attenuanti per respingere le registrazioni fornite dall’Organizzazione Meteorologica Mondiale, che confermano la sofferenza di milioni di sfollati dalle loro terre a causa di fenomeni estremi che hanno interessato le regioni polari fino ai tropici.

Con l’aumento dei livelli di emissioni di gas inquinanti nell’atmosfera – il 75% dei quali sono causati dallo sfruttamento dei combustibili fossili – le manifestazioni della liberalizzazione ambientale sono diventate sempre più innegabili.

I dati presentati dagli esperti evidenziano la gravità della situazione ambientale per l’attuale generazione: metà della popolazione mondiale vive in aree vulnerabili alla crisi climatica. Questo stato di vulnerabilità – con ampie ramificazioni per la salute, la produttività agricola, le infrastrutture urbane, i trasporti e le vie di comunicazione – moltiplica drammaticamente i rischi letali per le popolazioni vulnerabili al degrado ambientale. Pertanto, secondo i rapporti delle Nazioni Unite, quasi il 70% dei decessi legati ai disastri climatici provengono dai cinquanta paesi con gli indici di sviluppo umano più bassi.

Non è una coincidenza che nei mesi precedenti il ​​vertice, tutti i record della temperatura globale siano stati battuti, facendo sì che gli organizzatori gridassero che stiamo assistendo a un periodo di “ebollizione del pianeta” più che di semplice “riscaldamento climatico”.

READ  El Salvador e le sfide che Bukele deve affrontare

Sulla base di questa realtà, chiara anche ai più scettici del cambiamento climatico, sono stati compiuti sforzi per raggiungere un consenso sulle strategie che le organizzazioni internazionali dovrebbero seguire per invertire questa corsa sfrenata verso il basso.

In seguito all’annuncio del Comandante Supremo delle Nazioni Unite nel dicembre 2022, il vertice è stato concepito senza artefatti, insabbiamenti o falsi impegni. Sebbene il numero di paesi che attuano piani nazionali e regionali di prevenzione delle catastrofi sia raddoppiato negli ultimi dieci anni, vi sono ancora notevoli sforzi per replicare queste stesse procedure nelle organizzazioni multilaterali.

Tra le delegazioni che durante il vertice hanno assunto un impegno generale per ridurre l’impatto ambientale sui propri territori c’erano il Brasile – che ha ripreso la sua strategia di conservazione pre-2016, una decisione importante perché la maggior parte dei polmoni dell’Amazzonia si trova all’interno dei suoi confini – e lo Sri Lanka. Nepal e Pakistan – membri del subcontinente indiano, una delle regioni più pesanti del pianeta a causa dell’inquinamento ambientale – così come alcuni paesi industrializzati come Francia, Germania e Canada.

Nonostante queste azioni positive sulle questioni ambientali, saranno ancora necessari enormi sforzi per attuare il pieno impegno a zero emissioni nei paesi che compongono il G20, molti dei quali dipendono fortemente da materiali più inquinanti come carbone e petrolio. Lo afferma un recente rapporto dell’Agenzia internazionale per l’energia.

Nonostante i vantaggi netti derivanti dall’investimento nelle energie rinnovabili, sarà necessaria una tabella di marcia pluridecennale per promuovere la decarbonizzazione nei paesi con tassi di inquinamento più elevati come Stati Uniti, Russia, Cina, India e Unione Europea.

READ  La forte richiesta di Alberto Fernandez al popolo brasiliano

Ci sono ancora molteplici comandamenti che devono essere concordati a livello geopolitico per obbligare i paesi industrializzati a spendere ingenti somme di denaro a favore del Green Climate Fund, con l’obiettivo di risarcire i paesi più colpiti dal cambiamento climatico.

Sebbene il debito morale dei principali inquinatori nel contribuire allo sviluppo dei paesi a rischio di disastri naturali e di riscaldamento globale sia stato riconosciuto durante la Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP27) tenutasi a Sharm El-Sheikh, in Egitto, le misure e i meccanismi finanziari devono ancora essere adottati. essere adottati e rilevanti affinché gli obiettivi di sviluppo sostenibile in relazione all’azione per il clima siano raggiunti equamente.

I livelli di credibilità raggiunti dalle Nazioni Unite in materia ambientale guideranno sicuramente i leader delle comunità, gli imprenditori, gli enti locali e gli istituti di credito a promuovere buone pratiche coerenti con la mitigazione degli effetti della catastrofe ambientale attesa nel secolo in corso. Nella misura in cui i decisori politici e gli attori sociali si impegneranno nella giustizia climatica, le generazioni future avranno motivo di essere grate per il presente.