Aprile 23, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Un riscaldamento superiore a 2 gradi renderebbe impraticabile il 90% delle regioni vinicole di Spagna, Italia, Grecia e California meridionale.

Un riscaldamento superiore a 2 gradi renderebbe impraticabile il 90% delle regioni vinicole di Spagna, Italia, Grecia e California meridionale.

Madrid.- Un aumento di 2°C della temperatura globale del pianeta dovuto al cambiamento climatico provocherà ondate di caldo estremo e frequente insostenibilità dovuta alla siccità nel 90% delle regioni vinicole costiere e di pianura di Spagna, Italia, Grecia e California meridionale. Ondate di calore.

A rivelarlo è uno studio pubblicato sulla rivista Reviews Earth & Environment, secondo il quale l'aumento della temperatura registrato fino ad oggi ha già spostato la maturazione dell'uva verso un periodo estivo più caldo.

“Nella maggior parte delle regioni vinicole del mondo, negli ultimi anni, la vendemmia è stata anticipata di due o tre settimane, e questo cambia la resa delle uve, la loro composizione al momento della raccolta e la qualità finale del vino”, sottolineano. .

Ricercatori di università francesi e italiane hanno diviso ciascun continente e le sue regioni vitivinicole in grandi regioni definite da specifiche condizioni climatiche e hanno esaminato gli effetti dei cambiamenti di temperatura, precipitazioni, umidità, radiazioni e CO2 su ciascuna di esse. Produzione di vino.

Perdenti e vincitori

I loro risultati rivelano che una percentuale compresa tra il 49% e il 70% delle regioni vinicole esistenti corre un rischio considerevole di non adattarsi agli impatti dei cambiamenti climatici, che variano a seconda del livello di riscaldamento che il pianeta sta raggiungendo (attualmente siamo vicini a un aumento di 1,5 gradi in media rispetto all’epoca preindustriale).

L’impatto sarà maggiore nelle aree con climi già caldi e secchi, come nelle regioni vinicole costiere e di pianura di Spagna, Italia, Grecia e nel 90% della California meridionale.

Al contrario, nelle regioni vinicole esistenti come la Francia settentrionale, la Tasmania (Australia) o lo Stato di Washington sulla costa occidentale degli Stati Uniti, la produzione potrebbe aumentare dall’11% al 25% con l’aumento delle temperature.

READ  I viaggiatori vaccinati dagli Stati Uniti e dall'Unione Europea non hanno più bisogno dell'isolamento dal Regno Unito

Allo stesso tempo, nuove aree adatte potrebbero emergere a latitudini più elevate, come nel sud del Regno Unito, anche se l’entità di questi cambiamenti dipenderà dall’entità dell’aumento della temperatura, sottolineano i ricercatori.

Strategie di adattamento

Gli autori sottolineano che l’aumento delle temperature globali porterà nuovi parassiti e malattie alle viti, oltre a una crescente ondata di eventi meteorologici estremi come ondate di caldo, grandine e grandine.

In quest'ottica propongono strategie di adattamento dalla gestione del vigneto all'utilizzo di alcuni tipi di lieviti, che durante la fermentazione forzata aiutano a mitigare i bassi livelli di acidità e in una certa misura riducono i crescenti alti livelli di alcol. vini.

“I produttori di oggi possono adattarsi a un certo grado di riscaldamento cambiando il materiale vegetale con altre varietà e innesti resistenti alla siccità, cercando un'irrigazione aggiuntiva, consentendo risorse di acqua dolce o utilizzando tecniche di coltivazione che ritardano la maturazione dell'uva”, sottolineano.

Ma i ricercatori avvertono che queste misure non garantiranno che la vite rimanga economicamente sostenibile in tutte le aree in cui esistono, e sottolineano che il modo migliore per evitare che ciò accada è mitigare il cambiamento climatico ed evitare l’aumento delle temperature. rispetto al presente.

“Dobbiamo cercare varietà adatte al nuovo clima e, se non le troviamo in quelle esistenti, dobbiamo sviluppare progetti di miglioramento genetico”, afferma Adrian Martínez Cutillas, ex direttore dell'Istituto Agrario della Murcia. Reazione raccolta sul sito di Ricerca e Sviluppo Ambientale (IMIDA), Science Media Center España. EFEverde

fotocamera/pss


LifeInvasaqua è candidato ai Red Natura 2000 Awards nella categoria Cooperazione transfrontaliera.

Questa nomina è un riconoscimento di questi 5 anni di lavoro per sensibilizzare l'opinione pubblica sul problema delle specie acquatiche invasive nella penisola iberica, della creazione di gruppi chiave nella gestione e degli sforzi di un team eccezionale dell'Università di Murcia. , Università di Navarra, Università di Santiago de Compostela, Università di Évora, Museo Nazionale di Scienze Naturali-CSIC, Asociación Portuguesa de Educaso Eco, Società Iberica di Ittiologia (SIBIC), Centro MedicoOperatorio per EFEverde e UICN attraverso l'Istituto EFE – più di 550 scambio di conoscenze. Raggiunto oltre 200.000 persone attraverso eventi di formazione e sensibilizzazione.

Fino al 25 aprile, Il Premio del pubblico (Citizen Award) e contiamo sul vostro sostegno per: https://n2000citizenaward.eu/24051 ((Non dimenticare di controllare il tuo voto via e-mail dopo aver votato!).

READ  Mondiali 2022: Portogallo e Italia giocano per Qatar 2022: ne manca solo uno... o no!

Vuoi aiutarci? Condividi la nostra newsletter settimanale #PianetaSustenibile Con amici, colleghi…potrebbero essere interessati.

Se non l'hai ancora ricevuto, puoi iscriverti alla nostra mailing list qui: