Maggio 30, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Windows 11 è diventato un incubo per alcuni utenti dopo l’ultimo aggiornamento

Windows 11 è diventato un incubo per alcuni utenti dopo l’ultimo aggiornamento

Una giornata tipo in cui provi ad accendere il computer. Dopo pochi minuti al posto della scrivania vieni accolto da una persona scortese Schermo blu della morte (BSOD). Se sei un utente Windows, probabilmente hai assistito ad un certo punto della storia a uno scenario come questo, che, tra l’altro, è uno dei più scomodi.

Sebbene i problemi di avvio stiano diventando meno comuni con lo sviluppo dell’informatica, possiamo ancora imbatterci in determinate situazioni in cui il nostro sistema operativo si blocca effettivamente. Questo è ciò che stanno sperimentando alcuni utenti di Windows 11 in questi giorni, afferma la stessa Microsoft.

BSOD, mal di testa ancora vivo

Corporazione di Redmond È stato sottolineato questa settimana Stai indagando su un errore che impedisce il corretto avvio di un sistema operativo più recente. Nello specifico il problema è legato alla schermata blu della morte che mostra il messaggio “PROCESSOR NON SUPPORTATOdopo aver installato l’aggiornamento KB5029351.

Sebbene non vi sia ancora un risultato ufficiale su quanto accaduto, ciò ha influenzato gli utenti di Reddit Suggerisco che il problema Si tratta di un aggiornamento del BIOS che MSI ha rilasciato per alcune delle sue schede madri. Questo per preparare i dispositivi a funzionare con i processori Intel di 14a generazione.

Gli utenti sono giunti a questa conclusione iniziale scoprendo che molti di loro avevano qualcosa in comune: alcune variabili in gioco Schede madri MSI Z690 e Z790 Con il BIOS aggiornato all’ultima versione rilasciata dal produttore. Hanno anche indicato come sono riusciti a risolvere temporaneamente l’errore.

READ  Altre foto, più dati e conferme

Secondo quanto riferito, una serie di riavvii potrebbe far sì che Windows 11 inverta automaticamente gli effetti dell’installazione, permettendogli di avviarsi normalmente dopo un panico. Questa soluzione è stata consigliata anche da Microsoft, ed è proprio l’azienda che ha deciso di ritirare l’aggiornamento in questione finché non sarà possibile determinare l’origine del problema.

Ricordiamo che prima di qualsiasi rilascio pubblico, gli aggiornamenti di Windows “si laureano” in diverse fasi introduttive. Tuttavia, Windows funziona su milioni di dispositivi con diversi dispositivi In diverse combinazioni, un fatto che di solito significa che gli aggiornamenti a volte rompono qualcosa.

Così come è importante mantenere aggiornati i nostri dispositivi per ricevere le ultime patch e miglioramenti della sicurezza, è anche una buona idea disporre di backup per affrontare situazioni impreviste. E se il tuo Windows non si avvia, noi di Xataka abbiamo un articolo dedicato con le soluzioni più popolari per provare a risolverlo.

Immagini: Microsoft

A Chataka: PlayStation Portal non è né una console cloud né una console portatile: è un’occasione mancata