Maggio 19, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

ALBA – Cooperazione tecnica per rafforzare la speranza delle persone (+foto) – Esclusiva |  Pubblicazioni

ALBA – Cooperazione tecnica per rafforzare la speranza delle persone (+foto) – Esclusiva | Pubblicazioni

Scritto da Juan Carlos Díaz Guerrero

Corrispondente principale dal Venezuela

Questo incontro, organizzato il 18 e 19 aprile dall'Alleanza Bolivariana per i Popoli dell'America Latina – Accordo di Commercio Popolare (ALBA-TCP) e dall'Istituto Simon Bolivar del paese sudamericano, ha attirato l'attenzione di 300 delegati provenienti da 60 paesi.

Organizzazioni, movimenti sociali, partiti politici, intellettuali e accademici degli Stati membri del Blocco dell'Integrazione si sono riuniti a Caracas, insieme ad ospiti provenienti da Africa, Asia, Europa, America del Nord e America Latina, oltre a rappresentanti dei diplomatici accreditati.

Questo incontro ha suscitato grandi aspettative e speranze per una rinascita della lotta dei popoli del mondo contro l’assalto dell’imperialismo e del fascismo, che, secondo alcuni partecipanti, ha oggi la sua massima espressione nel genocidio commesso da Israele contro il popolo la terra. Palestina.

Le conferenze sono state presentate da famosi intellettuali e leader sociali come Abel Brito (Cuba), Attilio Burón (Argentina), Ramon Grosfoguel (Porto Rico), Alina Doherty (Messico), Tibago Fado (Sudafrica) e Rania Khalek (USA/ Libano), Yanesca Lugo (Cuba), Vijay Prashad (India) e altri.

Tra i momenti salienti c'è stata la presenza degli ex presidenti della Bolivia Evo Morales (2006-2019) e del presidente dell'Honduras Manuel Zelaya (2006-2009), insieme al capo di Stato venezuelano Nicolas Maduro, che ha parlato ai presenti.

La solidarietà è apparsa chiara nell'incontro con la Palestina, Cuba, Haiti e l'ex vicepresidente ecuadoriano Jorge Glas, allontanato con la forza dalle forze di sicurezza dall'ambasciata messicana a Quito, mentre godeva dei benefici dell'asilo concessogli dal governo Andrés . Manuel López Obrador.

C'è stato anche uno spazio alternativo con i comunicatori della regione in cui i delegati hanno concordato sulla necessità di una maggiore espressione e avanzamento di un'agenda comune che consenta di porre fine alla manipolazione dei media e allo smantellamento delle notizie false dai giornali tradizionali e dai social network.

Il segretario esecutivo dell’Alleanza Bolivariana per i Popoli dell’America Latina, Jorge Arreaza, ha ritenuto urgente un maggiore coordinamento per smantellare le menzogne ​​e le atrocità ordite contro il popolo, e ha citato come esempio il caso del Venezuela, che si avvia verso la elezioni presidenziali.

Unità dei popoli, unica strada possibile

Questo concetto strategico è stato il fulcro e il fulcro guida delle performance e delle discussioni, ed è diventato più evidente con la mostra Il principio di unità di Arreasa come elemento trasformativo, in cui ha proposto la creazione del Consiglio dei movimenti sociali.

READ  COVID-19, nuove misure e visite del governo segnano una settimana a Cuba

Questo nuovo strumento fornirebbe alla coalizione un maggiore legame con i popoli e i loro movimenti sociali, motivo per cui il diplomatico venezuelano ha invocato la necessità di “costruire la strada” con il popolo per attivare questo consiglio.

L’ex consigliere ha affermato che è giunto il momento di unirsi e ha invitato a costruire un’alternativa per le persone in mezzo a tante difficoltà e complessità. Ha detto: “Siamo gli unici in grado di farlo”, riferendosi alle organizzazioni e movimenti sociali. Erano presenti politici, intellettuali di partiti e altri.

Ha affermato che l'unità è l'unica strada possibile e che per agire in modo unitario dobbiamo lavorare per raggiungere degli accordi, e ha sottolineato che il Consiglio dei movimenti sociali composto dal popolo è essenziale per raggiungere questo obiettivo, perché sono l'unico quelli che “possono” presentare una proposta contro l’imperialismo americano”.

Arreaza ha chiesto di trasformare l'ALBA-TCP nella nostra bandiera comune e ha invitato tutti a unirsi contro il principale nemico: l'imperialismo e il capitalismo. Ha aggiunto: “Dobbiamo supporre che il blocco dell'integrazione sia 'l'anima del nostro popolo' e che sia il carburante, ma il popolo ha bisogno di un volante per esprimere le proprie idee, e per questo ha bisogno dell'Alleanza Bolivariana”.

Ha sottolineato che solo noi, le persone nelle strade, insieme ai governi rivoluzionari, saremo in grado di “contenere questi mostri” e fornire al mondo un percorso alternativo.

Vijay Prashad, direttore del Tri-Continent Institute for Social Research, è intervenuto nello stesso contesto, parlando in dettaglio del concetto di imperialismo eccessivo e delle sue attuali conseguenze nel mondo, dove gli Stati Uniti “sono i promotori della distruzione”.

L'accademico indiano ha espresso il suo apprezzamento per l'appello dell'ALBA-TCP e dei movimenti sociali a promuovere un movimento multipolare: “Abbiamo quindi bisogno che milioni di persone vedano il nostro progetto come un modo concreto per rifiutare la decadenza, abbracciare e sostenere il socialismo”.

Per il presidente venezuelano Nicolas Maduro, solo persone mobilitate e responsabilizzate saranno in grado di costruire un nuovo mondo, e quindi, ha affermato, l’unico modo per prepararsi è rendere le persone consapevoli e mobilitate.

READ  Stati Uniti e Cina dovrebbero parlare "direttamente" di questioni economiche (Segretario al Tesoro USA)

“Quelli di noi che detengono il potere politico e quelli di noi che fanno parte della resistenza lo sono ancora di più”, ha detto.

Ha sottolineato che il popolo deve farsi garante del futuro con i suoi programmi e progetti, deve essere più consapevole e “capace di realizzare il principio di unire tutti coloro che possono essere uniti da un’alternativa sociale globale”.

Ha aggiunto: “Abbiamo una visione ampia e ampia. È tempo che i movimenti sociali dell'ALBA-TCP formino una nuova alternativa globale contro il capitalismo e il fascismo per costruire un mondo multipolare di persone”.

João Pedro Stedeli, leader del movimento dei lavoratori rurali senza terra del Brasile, ha ricordato il comandante Hugo Chávez (1954-2013) e ha chiesto la ripresa del lavoro essenziale del leader bolivariano che ha affermato: “Dobbiamo andare di casa in casa”, convincendo la gente che il capitalismo è inutile.

Autocritica correttiva

Il segretario esecutivo dell’Alleanza Latinoamericana e dei Caraibi ha espresso la tendenza di molti esponenti della sinistra verso le divisioni dovute a differenze personali e tendenze ideologiche, e ha osservato che “non c’è più tempo per le meschinità”.

Steidel ha sottolineato le contraddizioni che affliggono oggi il capitalismo e ha chiesto di approfittare di questo spazio “per fare una sorta di autocritica” perché sotto questo aspetto “anche noi abbiamo dei problemi”. Ha sottolineato che non siamo in grado di affrontare la crisi del capitalismo con maggiore forza perché “manca la mobilitazione popolare”.

La cubana Yaneska Lugo, del Centro Martin Luther King, ha sottolineato che senza formazione politica non potremo combattere questa battaglia, senza parlare con tutta la comunità in questo conflitto comunicativo.

“Non solo come copertura mediatica, ma come espressione strategica, la nostra stessa narrazione”, ha sottolineato, sottolineando che la battaglia non è solo sui social media, ma “bisogna andare casa per casa, da persona a persona, ed essere presenti strade.” “Parlare del progetto e ascoltare le persone.”

“Abbiamo un consenso sulla diagnosi, che è un’idea abbastanza comune dei problemi, e talvolta ci critichiamo troppo, ma la cosa principale è come andremo avanti e in quale progetto costruiremo l’unità”, ha commentato Legault.

READ  Il vaccino nasale russo promette di essere la prima "linea di difesa" contro il COVID-19

Ritiene che “c'è ancora molto da fare in tutti gli impegni che abbiamo con il popolo”, come l'impegno ad Haiti, e ha chiesto “il nostro lavoro insieme” per saldare questo debito con il popolo di Haiti.

Il funzionario del Martin Luther King Center ha descritto l’incontro come “molto costruttivo e incentrato sulla riflessione sul valore della speranza”. Ha sottolineato che non possiamo credere nel pessimismo e nella possibilità di una sconfitta, poiché i popoli dell'America Latina continueranno a vincere.

Percorso verso il 2030

L'Alleanza Bolivariana dei Popoli d'America – Trattato sul Commercio dei Popoli, durante l'Incontro per un'Alternativa Sociale Globale, ha presentato un'agenda concreta verso il 2030 sulla base del fatto che “questo è il progetto del popolo e nient'altro”.

Come ha affermato Arreaza, l’obiettivo dell’ALBA-TCP è raggiungere l’autodeterminazione, affinché “diventiamo liberi e felici di vedere soddisfatti i nostri bisogni”, quindi la strategia include nuovi progetti per rafforzare i piani in settori come l’economia, la sanità, la istruzione e sanità. Tutela alimentare e ambientale.

Il Segretario Esecutivo ha osservato che esiste un piano e un ordine del giorno e che “dobbiamo seguire il passo dei leader per raggiungere gli obiettivi”, rilevando che nell’orizzonte economico c’è la rivitalizzazione di Petrocaribe e l’espansione di Alba Bank per creare un nuova banca finanziaria. Architettura, nonché come rafforzare le alleanze turistiche, tra gli altri.

Nell’agenda sociale c’è la ripresa della missione miracolosa, di cui hanno beneficiato più di quattro milioni di persone nel mondo, il rilancio di Alba come zona libera dall’alfabetizzazione, il coordinamento delle politiche educative e sanitarie e l’istituzione di un osservatorio per l’uguaglianza di genere.

I piani politici mirano a creare una rete per la protezione dei diritti umani e sociali, trasformare il meccanismo di integrazione nel principale motore di coordinamento e creare la rete parlamentare dell’ALBA-TCP, nonché lo spazio ALBA-Gioventù.

Altri orizzonti dell’Agenda 2030 sono rivolti alla comunicazione e alla trasformazione culturale.

ARB/JCD