Febbraio 27, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Candidati “immaginari” in Italia, una presa in giro degli elettori?

Candidati “immaginari” in Italia, una presa in giro degli elettori?

L’Italia è diversa. Un grande studio sui complessi equilibri politici del Paese E gli europeisti italiani considerano gli elettori una “beffa”.

L’estrema destra Giorgia Meloni, leader del governo e leader di Fratelli d’Italia (HdI), e la progressista Elly Schlein, segretaria del Partito Democratico (PD), devono ancora decidere se si candideranno come leader alle elezioni europee. La lista ha confermato la candidatura di Matteo Renzi, leader del centrista Italia Viva (Iv).



Nonostante la battaglia per un seggio al Parlamento europeo Nessuno di loro andrà a StrasburgoMa i loro nomi “danno molto valore” in un Paese con una “forte personalizzazione della politica”, spiega all'Efe Alberto Vannucci, docente di Scienze politiche all'Università di Pisa.

In Italia, Gli europei sono “considerati una competizione tra i partiti acquisire più potere nel negoziato politico italiano” e vi contano nomi e “candidati immaginari”, ma criticano anche “la mancanza di serietà del loro europeismo” e la “bassa opinione dei leader del loro elettorato”, aggiungono .

Confusione dei leader

“Gli elettori sanno che non andrai in Europa più tardi, ma se vogliono confermare la loro approvazione, anche quella è democrazia”, ​​ha detto Meloni in una conferenza stampa di Capodanno, aggiungendo alla mano di Schlein: “La mia candidatura può. Ne porterà altre fare lo stesso Penso all'opposizione, potrebbe essere un interessante esperimento democratico.

Il voto europeo, dice Vannucci, “è una sorta di grande sondaggio nazionale per misurare la forza dei partiti e gli equilibri di potere nella maggioranza di governo, per decidere le politiche dell'esecutivo e all'interno dell'opposizione”. .

READ  Le finali della SSL Gold Cup affronteranno Spagna, Italia, Ungheria e Paesi Bassi.

Le elezioni potrebbero mandare in frantumi la coalizione di governoL'HDI è stato formato dalla Lega di Antonio Tajani, Matteo Salvini e Forza Italia (FI), ma all'interno del PD, inoltre, il voto italiano europeo è tradizionalmente più volatile: nel 2014 il PD di Renzi ha superato il 40%. , nel 2019 la Lega Salvinis ha ricevuto più del 34%.

Il politologo spiega che l'idea è quella di sfruttare “quelle forti oscillazioni” nelle lotte interne tra Meloni e Salvini, o tra il leader del partito e peso massimo Schlein e Stefano Bonacini, o tra diversi gruppi di opposizione. , come il PD e il populista M5S.

Meloney non è in pericolo

Fiducioso nelle sue forze, Meloni ha accettato anche un immaginario dibattito televisivo con Schlein, perché secondo gli ultimi sondaggi il suo partito ha il 28%, Pd (19%), Movimento 5 Stelle (16%), Lega (9%), FI ( 7%), Verde-Sinistra (4%), Azione (3,5%) e Iv (3%).

Anche se ha detto che prenderà la decisione “insieme agli altri leader della maggioranza”, la realtà è che Salvini ha già annunciato che non si candiderà, e Tajani, ex presidente del Parlamento europeo, lo sconsiglia.

“FI affronta una crisi di successione di” (il defunto, Silvio) Berlusconi, legata alla mancanza di carisma del suo successore”, sintetizza Vannucci, “Salvini deve ridurre i danni che subisce dopo gli ottimi risultati alle ultime elezioni europee e la Meloni deve confermare il suo ruolo di leader”.

Il rischio è la frammentazione, “nelle elezioni europee dove ogni partito si presenta separatamente le differenze possono alterare il potere negoziale delle istituzioni, ma Non rischiano alleanze politiche“.

Una presa in giro degli elettori

Anche Schlein è riluttante a candidarsi, anche se Bonacini, che potrebbe farlo, dice che la candidatura del leader del PD non è necessaria perché il partito “ha una classe dirigente reale e plurale, a differenza della Meloni”.

READ  Un argentino in Italia gli ha consigliato di ottenere il miglior stipendio del continente europeo

La più grande opposizione alle “candidature immaginarie” viene dai fortemente europeisti della politica italiana: come li definisce l'ex primo ministro ed ex presidente della Commissione europea Romano Prodi. “Crimine contro la democrazia”Parla l'ex ministro ed ex eurodeputata Emma Bonino Una “beffa” per l'elettorato..

Interrogato sulla controversia, lo spagnolo Iratxe García Pérez, leader dei socialdemocratici al Parlamento europeo, ha assicurato all'Efe che “l'importante è che i partiti presentino i loro programmi indipendentemente dai profili dei candidati” e “una vera sfida” . In Italia, ma anche in altri paesi Un vero dibattito sull’importanza di queste elezioni“.