Maggio 30, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Chi è Hannibal Lutoki?  La polemica sul medico che ha operato Silvina Luna

Chi è Hannibal Lutoki? La polemica sul medico che ha operato Silvina Luna

(CNN in spagnolo) — Dopo la morte dell’attrice Silvina Luna, la cui morte è stata confermata giovedì dopo un lungo processo di peggioramento della salute, il nome di Anibal Lutoki è tornato ad essere al centro delle polemiche in Argentina. Il medico è stato ritenuto colpevole di aver causato lesioni a quattro donne dopo aver eseguito interventi chirurgici, tra cui Luna. È gratuito, perché la pena non è fissa.

Chi è Anibel Lutoki?

Lotoki lo è Dottore argentino Dedicato ad un chirurgo plastico che viene definito “specializzato nel modellamento del corpo”.

“Facciamo la versione migliore del tuo investimento”, afferma uno dei suoi account sul sito. Instagram. Nel 2022, Lutoki è stato condannato a quattro anni di carcere per “gravi lesioni ripetute in quattro occasioni”, secondo una dichiarazione della Procura della Repubblica (MPF). Luna è stata una delle vittime di questo crimine.

Come dettagliato da MPFLuna è stata operata nell’ottobre e novembre 2011 da Lotoki e vi sono state collocate microsfere di polimetilmetacrilato (PMMA), provocando “cambiamenti anatomici nei glutei e nelle cosce”.

In un’intervista con la TV americana nel maggio di quest’anno, Luna ha spiegato che nel 2013 sono stati scoperti problemi ai reni a seguito di questa operazione. Negli ultimi mesi è stata ricoverata più volte e ha fatto la dialisi almeno tre volte a settimana in attesa di un trapianto di rene.

Questo GiovedìIL ha chiesto l’accusa Che il suo corpo venga conservato per una richiesta di autopsia, nell’ambito del caso di lesioni per il quale Lutoki è stato condannato.

L’avvocato di Lutoki, Eliana Lombardo, ha detto alla CNN che la morte di Luna “non dovrebbe” incidere sulla situazione giuridica del suo cliente, perché “la questione del rapporto causale tra il prodotto e le malattie è già stata decisa”, aggiungendo che è stato deciso “che da allora non c’era consenso medico.” Per quanto riguarda la causalità, non è stato condannato per l’uso di PMMA.

READ  Armando Manzanero torna in scena grazie all'intelligenza artificiale

Negli altri tre casi di condanna per lesioni gravi, Lutoki ha utilizzato anche il PMMA, secondo l’accusa.

“[Lotocki] “Non rispettava le regole più basse della pratica professionale: frequentava luoghi senza permesso, con prodotti che non poteva usare, e voleva addirittura ritenere i suoi pazienti responsabili delle conseguenze dannose delle loro azioni criminali”, ha detto il pubblico ministero Sandro. Abraldis quando gli viene chiesto. La pena allora richiesta era la reclusione di sette anni e nove mesi.

Prima dell’accusa, Lutoki aveva affermato di “aver rispettato tutte le norme e ciò che la sua pratica medica gli consentiva” e di aver “utilizzato anche un prodotto approvato nelle procedure”, secondo l’MPF.

Nel luglio di quest’anno, su richiesta del procuratore generale Abraldis, la Terza Camera della Camera nazionale di appello penale e correzionale ha ordinato l’interdizione provvisoria a Lutoki dall'”esercizio della professione di medico fino al suo collocamento nel caso in cui era stato giudicato per la violazione”. Quattro dei suoi pazienti hanno subito lesioni gravi”.

Un’altra operazione per un semplice omicidio

Nel giugno di quest’anno, il giudice Luis Schelgel Lutoki ha processato senza custodia cautelare per semplice omicidio volontario il paziente Rodolfo Cristian Zarate, morto nell’aprile 2021 “in seguito a complicazioni derivanti da un intervento chirurgico programmato”, secondo una pubblicazione della MPF sull’accaduto. indagine del caso.

Lo ha detto in udienza il Pubblico Ministero incaricato della Procura penale e penitenziaria n. 1, Pablo Recchini accusa: “Lotoki ha preso una decisione volontaria e consapevole nell’eseguire l’intervento chirurgico che ha provocato la morte di Zarate”, e che il medico ha preso in considerazione “l’alto rischio di morte” perché “era pienamente consapevole della storia medica del paziente”.

READ  La leggendaria villa di Freddie Mercury, dove morì nel 1991, è stata venduta

Riquini ha ritenuto che le prove “dimostrano chiaramente che Annibale Lutoki, pur consapevole dei rischi a cui esponeva il suo paziente, non solo ha previsto la possibilità della morte, ma l’ha anche accettata e ha agito nel proprio interesse, agendo a tutti i costi davanti alla Tribunale.” Chiudere e riscuotere le commissioni.

Riguardo a questo caso, l’avvocato di Lutoki ha spiegato che hanno presentato ricorso “alla Camera e il ricorso non è ancora stato deciso”.