Maggio 30, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Cuba ospiterà il vertice G77-Cina per chiedere un mondo meno “ingiusto”.

Cuba ospiterà il vertice G77-Cina per chiedere un mondo meno “ingiusto”.

Venerdì Cuba ospiterà un vertice straordinario del Gruppo dei 77 + Cina, che riunisce più di cento paesi dell’Asia, dell’Africa e dell’America Latina, e che mira a promuovere un nuovo ordine internazionale meno “ingiusto”.

Più di trenta capi di Stato e di governo parteciperanno all’incontro ad alto livello del 15 e 16 settembre all’Avana, tra cui Luiz Inácio Lula da Silva, del Brasile; Dall’Argentina Alberto Fernandez, il colombiano Gustavo Petro, il sudafricano Cyril Ramaphosa e il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres.

Il gruppo, fondato da 77 paesi nel 1964, si è espanso fino a includere 134 paesi dell’Asia, dell’Africa e dell’America Latina, mentre la Cina partecipa esternamente e sarà rappresentata a questo vertice da Li Shi, responsabile del monitoraggio della disciplina all’interno del vertice. Partito Comunista Cinese.

Da quando Cuba ha assunto la presidenza ad interim lo scorso gennaio, L’Avana ha fatto appello all'”unità” dei suoi membri per combattere “i meschini interessi di coloro che cercano di mantenere stabile l’attuale sistema economico ingiusto”.

Guterres aprirà l’incontro dopo aver partecipato a diversi incontri internazionali nelle ultime settimane, come l’incontro dei BRICS (Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa) in agosto a Johannesburg, che si è ampliato con sei nuovi membri.

Pubblicità – Scorri per continuare

La settimana scorsa a Nuova Delhi ho partecipato a un vertice delle principali economie, il G20, che si è concluso con divisioni sull’Ucraina e sul cambiamento climatico.

“Questa molteplicità di vertici riflette la crescente multipolarità del nostro mondo”, ha detto Guterres ai giornalisti alla fine di luglio.

Il conclave dell’Avana tratterà “Le attuali sfide dello sviluppo: il ruolo della scienza, della tecnologia e dell’innovazione”.

Guterres annunciò allora che a Cuba “mi concentrerò sul rimettere in carreggiata l’agenda 2030”, che mira a combattere la povertà e i danni all’ambiente. Oltre a “usare la scienza e la tecnologia a fin di bene e garantire il multilateralismo” a beneficio di tutti i paesi.

Ha aggiunto: “Il Gruppo dei 77 è la voce del Sud del mondo ed è il più grande gruppo di paesi sulla scena internazionale”.

In qualità di presidente ad interim, Miguel Díaz-Canel ha rappresentato il G77+Cina in diversi forum internazionali, tra cui il vertice latinoamericano-UE di luglio a Bruxelles e un altro incontro dei leader un mese fa a Parigi, dove hanno discusso di come rafforzare il G77+Cina. . Il nuovo modello finanziario internazionale

Pubblicità – Scorri per continuare

Per l’isola comunista, che sta attraversando la peggiore crisi economica degli ultimi tre decenni, la presenza di capi di Stato e di governo provenienti da diverse regioni del mondo rappresenta un’opportunità per dispiegare le proprie capacità diplomatiche.

“Nonostante la situazione estremamente grave che mette in uno stato di incertezza anche la capacità del governo di gestire il Paese”, così che la popolazione abbia “livelli minimi di sopravvivenza”, debiti elevati, proteste sociali senza precedenti e migrazioni su larga scala, aiutando questi leader a rappresentare Arturo Lopez Levy, professore in visita presso l’Università Autonoma di Madrid, ha dichiarato all’AFP: “Questo è considerato una spinta per il governo cubano”.

“È difficile non riconoscere che, nonostante le difficoltà del momento, Cuba è stata riconosciuta come un valido interlocutore”, ha aggiunto l’esperto di relazioni internazionali.

Il vertice dovrebbe concludersi sabato con una dichiarazione congiunta.

READ  Il momento del controllo di Xi Jinping non ha potuto nascondere la sua debolezza

lp-jb/dga