Ottobre 3, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Debito e dipendenza industriale: l’Italia scatenerà la prossima crisi dell’Europa? – Daniel Rodriguez Asensio

La stabilità politica in Italia è un incubo. Non in vano, Banca tedesca Conta 132 governi negli ultimi 161 anni. Oppure, che è lo stesso, un governo per 440 giorni. L’ultimo è caduto, di testa Mario DraghiTuttavia, potrebbe essere il rischio maggiore per la stabilità politica e finanziaria dell’eurozona negli ultimi decenni.

Non spetta a me giudicare l’ex presidente dell’Italia. Ma è vero che sotto il suo comando. Una delle economie più importanti della zona euro ha preso decisioni coraggiose su questioni chiave come l’energia (Secondo) o la politica economica nel mezzo di un’epidemia o di una guerra.

L’esistenza dell’architetto A ogni costo Prima Banca Centrale Europea Ha portato stabilità all’Italia. Sotto il comando di Mario Draghi è stato assicurato qualcosa di semplice come non commettere barbarie economiche o lanciare sassi sui tetti dell’Italia.. Con l’instabilità politica che attanaglia l’Italia (ancora una volta), il premio per il rischio è nuovamente aumentato di quasi 50 punti base a 250.

premio-rischio-italia.jpg

Come si può vedere nel diagramma precedente, vale la pena ricordare alcuni punti nelle posizioni di cui stiamo parlando. Nello specifico:

  • Ci sono Significativamente superiore ai livelli registrati durante la crisi del 2008 e le prime fasi della crisi del 2010.

  • Si tratta di una Crescita significativa. In particolare, il premio per il rischio è raddoppiato finora quest’anno. Il calo del debito italiano a questo ritmo si osserva solo nel 2011 e nel 2018.

  • Ma il I livelli di rischio rimarranno al di sotto del 2018Quando la recessione è diventata evidente in Europa e l’Italia, come molti altri paesi, si stava già avviando verso la stagnazione economica.

L’Italia è sempre stata in prima fila quando si tratta di dubbi sulla sostenibilità delle proprie finanze pubbliche.. Ciò che è insolito è il modo in cui supera i livelli del Portogallo e il modo in cui si avvicina alla Grecia a un buon ritmo, con un premio per il rischio di 240 punti base.

L’Italia potrebbe essere il fattore scatenante della prossima crisi del debito in Europa? A mio parere, resta da vedere se acquisterà voti per questo.

READ  Europa/Italia: Suor Luigina Goscia: "Il nostro lavoro è ovunque, è il mondo"

Draghi si è preoccupato durante il suo mandato di realizzare riforme strutturali per migliorare la competitività del Paese, ma non ha affrontato la necessaria riforma delle finanze pubbliche italiane.

Chi pensa all’Italia vede un Paese con deficit pubblici cronici La stabilità del bilancio o un surplus nel suo fondo generale sono presenti da decenni, per non parlare di un solo anno. Eppure il Paese ha il secondo debito pubblico più alto del mondo. Unione europea (150% del PIL, superato solo dalla Grecia) e soddisfa annualmente una particolarità che non si vede in altre parti del continente: l’attività del settore pubblico è in grado di guadagnare più di quanto spende annualmente, se si tiene conto delle spese. Equazione del debito.

In economia questo è chiamato avanzo primario: Eccedenza generale senza tener conto del costo del debito. Perché ciò accade ancora in un contesto di tassi di interesse storicamente bassi? Poiché lo stock di debito accumulato è molto elevato, l’importo degli interessi da affrontare è molto elevato, anche se il suo costo marginale è molto basso.

Indipendentemente dal prestatore, il grosso problema con i prestiti è questo: non importa quali servizi ti offre il mutuatario. Continua a crescere ogni anno.

Questa è la situazione in Italia, c’è un elemento da aggiungere: Dallo scoppio della pandemia, l’avanzo primario è scomparso e il disavanzo pubblico è andato fuori controllo.. In particolare, secondo Banca Centrale d’Italia, il Paese transalpino ha registrato un disavanzo pubblico del 6,1% nel 2020 e del 3,7% nel 2021, al netto degli interessi. Se questa voce è inclusa, la cifra sarà rispettivamente del 9,6% e del 7,2%.

deficit-pubblico-italia.jpg

Questo, insieme ad altri squilibri affrontati durante gli anni del boom (come i surplus commerciali), è un vero handicap per un’economia formale. Come se non bastasse, non abbiamo dati rappresentativi per il 2022. Questa settimana Eurostat ha pubblicato i dati sul disavanzo e sul debito per tutti i paesi europei… e la riga relativa al disavanzo dell’Italia era vuota.

READ  I codici dell'Italia sono aumentati; Investing.com Italia dal 40 allo 0,45% di Investing.com

L’Italia dipende dal credito e dall’industria

Indubbiamente, una cattiva notizia per un Paese è l’aumento del costo del suo debito (il titolo a 3 anni è già al 3,65% (è cresciuto di 3 punti nell’ultimo anno)) ei problemi economici. Insieme alla Spagna, l’Italia è uno dei Paesi che ha partecipato maggiormente ai programmi di acquisto della BCE In quanto tale, è una delle più vulnerabili se la più alta istituzione monetaria riduce l’importo del debito sovrano che ha già avviato.

Vale la pena ricordarlo L’Italia, insieme alla Germania, sono le economie più industrialmente dipendenti d’Europa. La rottura delle catene del valore, le interruzioni, l’aumento dei prezzi delle materie prime e ora il costo dell’approvvigionamento energetico sono fattori che colpiscono particolarmente un’economia come l’Italia.

Al momento, l’attività del settore industriale italiano mostra una certa stabilità degli indicatori di breve termine (crescita del 3% su base annua), ma un netto rallentamento degli indicatori anticipatori. fatti, L’indice ISM manifatturiero, prodotto dalla società di consulenza IHS Markit, è sceso di oltre 10 punti rispetto a ottobre dello scorso anno. Ed è già sul punto di registrare dati compatibili con la recessione. Il suo valore è il più basso degli ultimi 26 mesi e non vi è alcun cambiamento di tendenza.

settore-manifatturiero-italia.jpg

L’Italia sta uscendo da dati sul PIL molto deboli nel secondo trimestre dell’anno Sviluppo PIL Solo lo 0,1% al trimestre E la spesa delle famiglie ha registrato un calo del -0,8%.

gdp-italia.jpg

O mettila in un altro modo L’Italia è risparmiata da numeri di crescita negativi grazie alla spesa pubblica che porta al deficit pubblico su cui abbiamo commentato.. Questo non è permanente e vedremo come andrà il settore turistico in Italia (circa il 13% del PIL) nel secondo e terzo trimestre dell’anno.

Ciò che è chiaro è che a 8% di inflazione dei costi abitativi Continuerà a scendere e, come in Spagna, dovremmo aspettarci un deterioramento delle condizioni finanziarie di famiglie e imprese nei prossimi mesi.

READ  Gli Stati Uniti hanno ribadito in una nuova dichiarazione che il regime cinese sta commettendo un genocidio contro gli uiguri

per adesso I tassi di criminalità sono ai minimi storici, anche se nessuno dubita che risorgerà nei prossimi mesi. L’importante è vedere a che livello funziona. Vale la pena ricordare che già nel 2018, nella piena ripresa economica dell’economia europea, molte banche e casse di risparmio italiane, tra cui il Monte dei Paschi, hanno dovuto essere salvate.

per adesso, Quello che sappiamo delle banche italiane è che i loro profitti si sono praticamente dimezzati (RoE del 5,8% nel primo trimestre 2022 rispetto al 9,3% dell’anno precedente) e gli accantonamenti su crediti deteriorati sono aumentati del 42% nel primo trimestre dell’anno.

Banca d'Italia.jpg

Decisamente: L’Italia affronta un momento molto delicato e due cose possono succedere senza Mario Draghi al timone: i) il nuovo leader non ha una leadership e/o una legittimità sufficienti per attuare le riforme di cui il paese ha bisogno; oppure ii) il populismo ritorna e con esso il Paese entra in un ciclo distruttivo simile a quello della Grecia nel 2011 e mette in pericolo il progetto europeo.

L’Italia è un’economia legittima per l’Europa, ma Anche il degrado istituzionale ed economico che ha subito negli ultimi decenni avrà le sue conseguenze. Non c’è motivo di pensare che l’Italia sarà in questo momento l’innesco di una crisi finanziaria in Europa, ma il rischio è chiaro e, in base all’esito del referendum del prossimo settembre, potrebbe partire subito.

Dobbiamo prestare molta attenzione a ciò che accade nel Paese transalpino, perché la Spagna non sarà un’estranea. In vista delle elezioni del prossimo anno, le finanze pubbliche del paese hanno registrato il peggior deterioramento degli ultimi anni in tutta Europa (Secondo), potremmo prefigurare cosa potrebbe accadere in Spagna in un orizzonte di medio termine. Sai, se vedi la barba del tuo vicino tagliata, immergila.

Temi