Febbraio 21, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Due fratelli e i quattro elementi

Due fratelli e i quattro elementi

I fratelli Pou parlano di esplorazione, avventura e di un eccezionale livello di arrampicata. Alcuni anni fa hanno creato un progetto chiamato The Four Elements: Acqua, aria, fuoco e terra. Scelgono le pareti Il grande muro legati a questi concetti. “Siamo molto felici di chiudere il circuito. La pandemia ha rallentato il nostro progetto e Abbiamo dovuto vincere per dargli uno scaffaleIker Bo ha commentato.

Elemento aria Sviluppato in Argentina. Dopo un mese di sforzi in Patagonia, ce l’hanno fatta “Wow 40´ Sul versante orientale dell’Aguja Guillaumet. Lei era Arrampicata su piccozza e crimpon all’ombra del Fitz Roy e di Ciro Torre, gli aghi che hanno anche nei loro approcci personali. Tecnicamente, i dati sono M.7/850/V+/525m di corsa. “Parlare di Patagonia, che sia argentina o cilena, è parlare di venti e condizioni difficili”, ha commentato Enico.

Prodotto in Perù Yakuma Con Manu Ponce e Pedro Galán. Yako mama significa acqua della madre. È stato Itinerario 7a / 185 metri. Dove, secondo Eniko Po, “stavamo arrampicando mentre vedevamo dei mostri davanti a una goccia d’acqua danzante”. Si riferivano alla cascata di Gocta nella provincia di Amazonas. Entrambi erano stupiti di quanta attività si potesse svolgere in un’area così inospitale. Entrambi sono innamorati del Perù.

Per completare la sfida del fuoco, si sono recati in Africa e più precisamente a Sao Tome e Principe. Lì hanno scalato il Cao Grande. È il secondo collo vulcanico più grande del pianeta. battezzato “lieve, lieve” Via fino a 8b+, lunga 450m. “È stata la scalata più visiva”, dice Eneko. Hanno dovuto affrontare sfide inaspettate come alcune specie di serpente con un morso mortale e nessun antidoto ancora conosciuto.

READ  Tutti a Roma: Alcaraz e Djokovic si incontrano per la prima volta al Campionato 2023 | Giro dell'ATP

Avevano il concetto di terra. Stavano indagando sulla possibilità di arrampicarsi all’interno delle grotteentriamo nelle viscere del terreno montuoso ma “non troviamo grandi pareti, Grandi muri. Per creare un percorso in un muretto, era meglio cercare altre possibilità e non associare questo termine alle viscere, ma al pianeta in generale “, afferma Ecker. La Terra come terreno interno o la Terra come un altro elemento del solare sistema.

Il Pakistan era la fine della strada. “Il bello, il brutto e il cattivo” (7a/230m) su Little Trango (5.720m) è la sua prima partenza nel massiccio. Lo hanno fatto con Andres Marin e Faye Manners. Poi lo hanno fatto “primo ministro” (6c/205m) sul Trango II, una strada molto bella e di alta qualità accanto alla Grande Torre. In effetti, quello che stavano aspettando erano condizioni meteorologiche migliori per superare la sfida più grande.

“Ci rendiamo conto che al momento non sono i migliori e che il tempo cambia continuamente, ma non è da provare”, hanno gridato i fratelli prima di provare a metterci le mani sopra, nello specifico, Grande Torre del Trango. Hanno provato modo americano Ma la neve, il freddo e le condizioni invernali non hanno permesso loro di andare oltre i 6.000 metri. 252 sono rimasti dall’alto ma l’obiettivo è stato raggiunto e hanno vinto la sfida. Due fratelli e quattro elementali si sono distinti in tutto il pianeta.