Marzo 5, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Fortnite tornerà su iPhone in Europa ma Epic ritiene che le nuove misure di Apple siano “spazzatura”

Fortnite tornerà su iPhone in Europa ma Epic ritiene che le nuove misure di Apple siano “spazzatura”

L'azienda creerà un negozio alternativo per scaricare il gioco, con l'intenzione di citare in giudizio l'azienda per non aver seguito lo spirito del Digital Markets Act

Quasi quattro anni dopo che Apple ha bandito il popolare gioco fortnite Dall'App Store, La saga è pronta per il suo trionfante ritorno. La società responsabile del titolo ha confermato che sta già lavorando alla versione che i giocatori europei potranno installare sui loro iPhone ora che il Digital Markets Act ha aperto le porte a mercati di app alternativi.

“Fortnite tornerà su iOS in Europa nel 2024 e sarà distribuito dal prossimo EpicGames Store per iOS”, ha confermato la società su X e altri social network la scorsa settimana. Giovedì scorso, Apple ha annunciato le misure che adotterà per conformarsi al nuovo Digital Markets Act, una legge che impone all'azienda di consentire app store di terze parti e metodi di pagamento aggiuntivi all'interno dell'App Store stesso.

Obbligato dalla nuova legge Aziende come Epic accetteranno di lanciare i propri app store e distribuire app e giochi senza dover pagare la solita commissione che Apple addebita sull'App Store o con regole diverse relative ai contenuti che tali app possono visualizzare.

Troppe condizioni

Ma il ritorno non significherà la fine della rivalità tra Epic e Apple. Tim Sweeney, Anche il fondatore e presidente di Epic lo ha chiarito la settimana scorsa in una serie di messaggi in cui accusava Apple di non aderire allo spirito della legge con le modifiche annunciate e descriveva come “spazzatura” molte delle condizioni imposte dall’azienda. “.

Anche se d'ora in poi gli sviluppatori potranno distribuire app e giochi in Europa attraverso altri store, Apple continuerà a raccogliere alcune commissioni Quando lo fai, includi un importo fisso di 50 centesimi per installazione di app a partire dal primo milione di installazioni.

READ  Sánchez Cutillas avrà uno spazio unico a La Rodana

Gli sviluppatori dovranno inoltre continuare a inviare le loro app ad Apple per essere “autenticate”, cosa che la società ha giustificato a causa dei rischi che i nuovi negozi comportano per la sicurezza del telefono.

Era anche incluso Vari controlli di sicurezza e notifiche costanti agli utenti Chi decide di scaricare contenuti da queste opzioni alternative. “Con queste azioni, Apple si prende gioco del libero mercato”, ha detto Sweeney.

Anche se Epic continuerà con il suo piano di lanciare un negozio alternativo per i giochi per iPhone in Europa quest'anno, prevede di citare in giudizio Apple a Bruxelles per queste azioni.

Quattro anni nel limbo

Il ritorno segnerà la conclusione di un dramma durato quasi quattro anni. Nell'agosto 2020, Epic ha deciso di prendere di mira Apple lanciando un aggiornamento di Fortnite che permetteva di acquistare la valuta virtuale utilizzata nel gioco, i V-buck, con uno sconto se l'acquisto veniva effettuato tramite il sito web dell'azienda.

Era quel tipo di spettacolo Contro le regole dell’App Store, Che vieta espressamente di collegare contenuti aggiuntivi per app e giochi a un prezzo diverso da quello offerto a chi preferisce gli acquisti in-app, transazione per la quale Apple trattiene una commissione compresa tra il 15% e il 30%. L'espulsione diede inizio ad un complesso processo giudiziario negli Stati Uniti Finalmente è stato raggiunto un accordo con Apple, Ma ciò ha costretto l’azienda ad allentare il divieto per gli sviluppatori di offrire offerte alternative attraverso il proprio sito web. Epic ha presentato ricorso contro la decisione, ma la più alta corte del paese alla fine ha respinto l'appello.

READ  Il suggerimento di maggior successo di Amazon per riporre le scarpe nell'armadio ottenendo spazio

In mezzo al caos, gli Stati Uniti stanno valutando la possibilità di verificare se Apple e l'App Store, nella loro forma attuale, possano essere considerati due negozi. Monopolio. Se è così, Apple potrebbe dover accettare condizioni simili a quelle che impone ora in Europa, ma in un mercato più importante per i suoi conti.