Marzo 4, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ha annunciato una richiesta ufficiale per sospendere i finanziamenti dell’UE a Cuba

Ha annunciato una richiesta ufficiale per sospendere i finanziamenti dell’UE a Cuba

Miami. – La commissione per le relazioni estere del parlamento svedese chiederà formalmente al governo di quel paese, in qualità di attuale presidente del Unione Europea (Unione Europea), per smettere di finanziare il blocco dei paesi europei a regime comunista Cuba.

Lo ha affermato il deputato svedese Marcus Fischel, membro del suddetto comitato, durante un simposio tenutosi mercoledì presso la sede della legislatura svedese, al quale hanno partecipato, tra gli altri, leader cubani in esilio, leader sindacali e parlamentari di vari paesi.

Nelle parole di Fishel, “è incoerente per l’UE sanzionare la Russia e finanziare il regime comunista a Cuba”. “Questo regime non dovrebbe avere l’onore di essere riconosciuto come il legittimo rappresentante del popolo cubano”, ha aggiunto.

La proposta di sospendere gli aiuti alla dittatura dell’Avana, secondo il deputato svedese, sarà inserita nell’elenco annuale delle linee guida stilato dal Parlamento per il governo del primo ministro svedese, Ulf Christerson.

Il forum è stato organizzato dal deputato svedese Bjorn Soder, che due mesi fa ha presentato un rapporto dettagliato sulle carenze dell’Accordo sul dialogo politico e la cooperazione (ADPC) firmato tra il regime castrista e l’Unione europea.

Soder si è chiesto che i soldi che l’Unione Europea invia a Cuba siano usati dal regime per sopprimere i dissidenti e mantenere la popolazione in condizioni di povertà.

I parlamentari citano organizzazioni sotto il controllo della dittatura come la Federazione delle Donne Cubane (FMC) e l’Associazione Nazionale dei Piccoli Agricoltori (ANAP), che ricevono questi contributi e, a differenza della loro destinazione ai piani sociali, sono utilizzati per aumentare la repressione. .

Da parte sua, il deputato lituano Emmanuels Zengiris, vicepresidente dell’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa, ha annunciato una risoluzione che condanna la “repressione a Cuba” e “l’alleanza comunista di Castro con la Russia” e, allo stesso modo, chiederà la cessazione della politica europea finanziamenti per il regime instaurato a Cuba nel 1959.

READ  Il Messico insiste su un modello diverso dagli Stati Uniti nei legami dell'emisfero occidentale - Escambrai

All’evento ha partecipato anche il deputato Hermann Tersch, che nella sua presentazione ha previsto che la prossima settimana il gruppo dei Conservatori e Riformatori europei (ECR) chiederà le dimissioni dell’Alto rappresentante per la politica estera dell’UE, Josep Borrell, dopo la sua “imbarazzante” visita a L’Avana.

“Non possiamo ignorare che abbiamo divergenze su varie questioni”, ha detto Borrell durante Al Jazeera il 26 maggio […]Ma l’Unione Europea non ha né la capacità né la volontà di imporre cambiamenti a Cuba.

Il capo della diplomazia europea ha citato le parole dell’ex presidente Usa Barack Obama, che nel 2016 durante una visita a Cuba sottolineò che “l’embargo [de EEUU] Fa male al popolo cubano e non aiuta a realizzare i cambiamenti politici desiderati”.

“L’ha detto Obama, e lo penso anch’io”, ha detto Borrell.

In una nota correlata, il segretario del Consiglio della resistenza cubana, Orlando Gutierrez Boronat, che ha partecipato al forum, ha descritto come “buona notizia” il “passo compiuto in Svezia” per ritirare i fondi forniti indirettamente dall’Unione Europea per la repressione in un’area caraibica Paese.

Questo è molto importante perché il governo svedese detiene la presidenza dell’Unione europea. Siamo ora giunti alla conclusione che domani la commissione per le relazioni estere chiederà formalmente al governo svedese di rivedere l’accordo di finanziamento tra l’Unione europea e il regime comunista a Cuba.

Ha anche affermato che “la Svezia e l’Unione Europea chiederanno di aderire alle sanzioni contro il regime”, che a suo avviso è “un altro passo importante nella direzione del taglio dei fondi utilizzati da quella dittatura. Repressione contro il popolo di Cuba e aggressione internazionale contro altri popoli, come i popoli del Nicaragua, del Venezuela, della Bolivia e anche dell’Ucraina”.

READ  Più di 7.000 voli sono stati cancellati in tutto il mondo a causa dei progressi di omicron