domenica, Giugno 16, 2024

Top 5 This Week

Related Posts

Hanno fatto trapelare oltre 2.500 pagine di documenti interni che rivelano come funziona il loro algoritmo

GGoogle è stata colpita da una massiccia fuga di oltre 2.500 pagine di documenti interni. Questi file rivelano dettagli su come funziona il suo algoritmo di ricerca, ma non contraddicono le dichiarazioni pubbliche precedentemente rilasciate dall’azienda.


Google ha ripetutamente sottolineato il suo impegno per la trasparenza e i suoi sforzi continui per combattere la disinformazione e i contenuti di bassa qualità attraverso aggiornamenti regolari dei suoi algoritmi e delle sue politiche.

Rand Fishkin, co-fondatore dello strumento di intelligence SparkToro ed esperto SEO, è stato una figura chiave nello scoprire questa fuga di notizie. Secondo lo specialista, il 5 maggio ha ricevuto un’e-mail che lo avvisava della possibilità di accedere a questi documenti, la cui autenticità è stata confermata da ex dipendenti di Google.

I documenti in questione descrivono in dettaglio aspetti dell’interfaccia di programmazione (API) del motore di ricerca che sembrano contraddire alcune delle dichiarazioni pubbliche di Google su come funzionano i suoi algoritmi.

La fuga di notizie, che Fishkin ha descritto come “solo la punta dell’iceberg”, include una grande quantità di dati tecnici e dati di implementazione dell’interfaccia di programmazione dell’applicazione (API), con 14.014 attributi dettagliati dal cosiddetto archivio API dei contenuti interni di Google. Tuttavia, questi documenti non specificano esattamente come vengono applicati i sistemi di classificazione nelle ricerche, sebbene forniscano informazioni sui tipi di dati raccolti dall’azienda.

Google è stato il bersaglio di una massiccia fuga di notizie in cui sono state rivelate più di 2.500 pagine di documenti che spiegano come funziona l’algoritmo del suo motore di ricerca.

immagine:iStock

Fishkin ha consultato diversi esperti del settore per verificare le informazioni, tra cui Mike King, fondatore di iPullRank e rinomato esperto tecnico SEO. King ha confermato l’autenticità dei documenti nel contesto della sezione di ricerca di Google Ha sottolineato la rivelazione di dettagli precedentemente non confermati sulle operazioni interne della società.

La fuga di notizie sembra aver avuto origine su GitHub e diffondersi attraverso Hexdocs, un portale che indicizza i repository pubblici, nonché altre fonti online tra marzo e maggio di quest’anno. Fishkin ha affermato che alcuni documenti appaiono obsoleti a causa della costante evoluzione dell’algoritmo di ricerca di Google, che cambia in modo significativo di anno in anno, e non affrontano le descrizioni più recenti dell’uso dell’intelligenza artificiale (AI).

Nonostante la densità e il volume delle informazioni trapelate, Fishkin inizialmente ha condiviso solo cinque rivelazioni chiave che fanno luce su alcune delle pratiche presumibilmente portate avanti da Google e suggeriscono discrepanze tra le operazioni interne dell’azienda e i dati pubblici.

Le cinque grandi scoperte

  • Fare clic su Seleziona e filtra: I documenti indicano che Google non registra tutti i clic in modo uniforme; Sceglie invece specificamente quelli che desidera incorporare nei suoi sistemi di rating, analizzando anche la durata di ciascun clic e delle impressioni.
  • Utilizza i clic in Chrome per classificare gli URL: La fuga di notizie indica che Google mantiene un elenco degli URL più importanti, utilizzando i dati di click-through sulle pagine di Chrome per determinarne la popolarità e l’importanza.
  • Manipolazione di ricerche controverse: I documenti rivelano che Google potrebbe favorire determinati domini nelle ricerche relative ad argomenti delicati come la politica e i viaggi, il che potrebbe distorcere i risultati verso informazioni specifiche.
  • L’influenza dei valutatori della qualità nella ricerca: Esistono prove che le valutazioni della qualità condotte dai valutatori della piattaforma EWOK non vengono utilizzate solo per i test, ma sono direttamente correlate al funzionamento del sistema di ricerca.
  • Determina la qualità del collegamento in base ai clic: Alcuni documenti rivelano che Google utilizza i dati sui clic per ponderare i collegamenti nelle sue classifiche di qualità, classificando i collegamenti con pochi clic come di bassa qualità e quelli con un gran numero di clic verificabili come di alta qualità.

Altre novità su EL TIEMPO

*Questo contenuto è stato riscritto con l’aiuto dell’intelligenza artificiale, sulla base delle informazioni di Europa Press e rivisto da un giornalista ed editore.

READ  Due pianeti potenzialmente abitabili sono stati scoperti in orbita attorno a una stella vicino al sole
Nevio Buratti
Nevio Buratti
"Evangelista di zombie dilettante. Creatore incurabile. Orgoglioso pioniere di Twitter. Appassionato di cibo. Internetaholic. Hardcore introverso."

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Popular Articles