Febbraio 28, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I nuovi partiti politici dell'Uruguay si sfideranno alle elezioni

I nuovi partiti politici dell'Uruguay si sfideranno alle elezioni

Le elezioni si terranno il prossimo 27 ottobre e determineranno il candidato alla presidenza che dovrà ottenere più del 50 più uno percentuale dei voti.

Domenica 24 novembre si svolgerà il secondo turno del duo presidenziale tra i candidati che hanno ricevuto il maggior numero di voti al primo turno.

Prima di ciò, le elezioni interne di domenica 30 giugno determineranno i candidati presidenziali e legislativi.

Secondo Korzyniak ci sono 22 partiti registrati presso la Corte elettorale, di cui 11 partiti autorizzati, e la maggioranza gode di rappresentanza parlamentare.

Il Partito Laburista, il Partito Verde Animale e il Partito Digitale sono stati registrati nonostante non occupassero seggi nella legislatura.

Altre organizzazioni politiche già autorizzate a competere sono Pasta Ya e Identidad Soprana. Il Partito Libertario dell'Uruguay e il Partito Ambientalista Costituzionale.

Ci sono altre richieste in attesa di approvazione da parte del tribunale, inclusa l'ultima richiesta, che proviene dal partito Wisam.

La maggior parte di questi gruppi ambiziosi aspira a seggi parlamentari.

Secondo il ministro delle Elezioni, i partiti autorizzati verranno determinati dal tribunale a maggio.

Gli ultimi sondaggi d'opinione, condotti a dicembre e calcolati sulla media dell'anno precedente, indicano che il partito di opposizione Front Amplio (Alleanza di Sinistra, FA), e i suoi due principali candidati presidenziali, sono i favoriti.

Ma è una lettura anticipata di un conflitto che deve essere chiuso.

Nel 2019, la Federcalcio ha vinto al primo turno e l’attuale coalizione di governo si è conclusa al secondo turno, motivo per cui il presidente Luis Lacalle Pou è al potere dal primo marzo 2020.

A sinistra in Uruguay si lavora affinché la storia non si ripeta. I sondaggi d’opinione finora confermano questi sforzi.

READ  Macron sta cercando di fermare un torrente di movimenti di censura in Francia guidati da Le Pen

L/UL