Settembre 28, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il Brasile supporta una moneta unica nel Mercosur – Prensa Latina

“Anche se ogni Paese ha una sua politica fiscale, dovrebbe convergere, perché chi non va molto d’accordo finisce con tassi di interesse molto alti”, ha commentato Guedes in una riunione della Commissione Esteri del Senato, citando il portale UOL .

Ha spiegato che esistono meccanismi autocorrettivi che impongono disciplina a tutti. Per questo il Brasile deve immaginare una maggiore approssimazione, con una zona di libero scambio.

A discrezione del ministro, tra 15 o 20 anni ci saranno solo “cinque o sei valute collegate” al mondo.

Ha predetto che questi sarebbero il dollaro, l’euro e la valuta cinese, nonché la valuta potenziale che si sarebbe generata dall’integrazione dei paesi del blocco economico sudamericano.

Ha dichiarato di aver persino parlato della questione “con la squadra in Argentina” e ha osservato che la moneta unica sarebbe una manna per il Sudamerica e aiuterebbe ad affrontare i problemi economici della regione.

Ha sottolineato che per Guedes “possiamo avere una piena integrazione, e in questo senso il Brasile giocherà un ruolo come quello della Germania in Europa”.

Quando il governatore Jair Bolsonaro ha assunto la presidenza del Mercosur a luglio, nel suo discorso al 58° vertice dei capi di stato ha promesso progressi verso la modernizzazione del blocco.

Il tentativo del Brasile sarebbe quello di modificare le regole esistenti, con le tariffe più alte del mondo che impediscono a qualsiasi partner di negoziare individualmente accordi di libero scambio con altri Stati membri dell’UE.

Secondo le regole dell’organizzazione intergovernativa, tutte le parti devono negoziare insieme e concordare le decisioni per consenso tra i quattro membri fondatori: Argentina, Brasile, Paraguay e Uruguay.

READ  Furti hanno danneggiato gli impianti della rete sismica in Cile - Prensa Latina

Montevideo ha annunciato che negozierà accordi commerciali al di fuori del Mercosur, aumentando la pressione per l’apertura.

A questo proposito, il governatore dell’Argentina, Alberto Fernandez, ha insistito sul fatto che il consenso è la spina dorsale del blocco, il suo DNA fondatore e la sua ragion d’essere.

Ha osservato che “siamo tutti parte dello stato di diritto e il rispetto della legge è una regola, e non possiamo dimenticare quelle regole in un contesto globale di grande incertezza e controversie commerciali a cui stiamo assistendo in tutto il mondo”.

Fernandez ha sottolineato che “Uniti possiamo consolidare il Mercosur creativo che sta avanzando dalle mani dei nostri popoli… Nessuno sopravvive da solo”, ha avvertito.

In mezzo alle tensioni, poiché il blocco ha appena compiuto 30 anni, la Confederazione nazionale dell’industria del Brasile ha chiesto un maggiore dialogo tra i membri del Mercosur e ha sottolineato la necessità di approfondire l’integrazione.

ifb / ocs