Marzo 4, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il futuro dell’India nello spazio: una stazione spaziale nel 2035 e un astronauta sulla Luna nel 2040

Il futuro dell’India nello spazio: una stazione spaziale nel 2035 e un astronauta sulla Luna nel 2040

L’India vuole diventare il quarto paese sulla Terra in grado di mandare in orbita un essere umano con i propri mezzi. Per questo motivo sta sviluppando la navicella spaziale con equipaggio Gajanyan, che effettuerà i suoi primi voli senza equipaggio l’anno prossimo. Ma l’utilità di un veicolo spaziale con equipaggio senza un posto dove andare è chiaramente limitata, come dimostrato dal programma spaziale cinese Shenzhou, che ha effettuato solo tre missioni con equipaggio solista prima di attraccare a una stazione spaziale. Ecco perché l’agenzia spaziale indiana ISRO vuole costruire una stazione spaziale, che sarà pronta nel 2035. Il complesso orbitale è conosciuto come Stazione Bharatiya Antariksha, che letteralmente significa “Stazione Spaziale Indiana”.

Stazione Spaziale Indiana nel 2035 (ISRO).

Sebbene questi piani non siano nuovi, lo è la tempistica per le missioni intermedie per raggiungere questo obiettivo. Mentre la Cina ha scelto di lanciare piccole stazioni spaziali con dimensioni non molto più grandi di quelle della stessa Shenzhou – Tiangong 1 e 2 – prima di costruire la stazione spaziale cinese permanente, l’India testerà prima, tra il 2026 e il 2028, i veicoli di gomma attaccati alla stazione Gaganyan . barca. Si tratta di una buona strategia per un veicolo come Gaganyaan, che non dispone di un modulo orbitale come Shenzhou e Soyuz, poiché consentirà agli astronauti indiani che viaggiano su questa nave di avere più spazio durante le missioni in solitaria.

I piani dell’India nello spazio. In un modo un po’ comico, hanno utilizzato un’immagine della Mir e della navicella spaziale Soyuz per illustrare la loro stazione spaziale (ISRO).

Successivamente, l’ISRO vuole esercitarsi in missioni di attracco tra Gaganyaan e obiettivi passivi (di dimensioni abitabili?) prima di iniziare la costruzione della stazione, che avrà una massa finale di 25 tonnellate e sarà composta da due moduli principali molto simili per forma e dimensioni. Il primo è il modulo di comando e propulsione che, come suggerisce il nome, conterrà i motori necessari per sollevare regolarmente l’orbita del complesso. L’altro è un’unità abitativa con sistemi di supporto vitale dove vivranno i membri dell’equipaggio. Le due unità saranno collegate da un nodo con quattro punti di ancoraggio. A questo nodo verrà attaccata anche un’unità gonfiabile. Le navi Gaganyaan possono essere attraccate al nodo o al porto franco dell’unità abitativa.

READ  Kalimán e Space Pirates: The Incredible Man arriva alla sua quinta stagione su Radio Nacional de Colombia
I piani prevedono l’impiego della navicella spaziale Gaganyaan che culminerà nella stazione spaziale indiana e nell’utilizzo del lanciatore NGLV (ISRO).
Dettagli della navicella spaziale Gaganyaan con il sistema di attracco ISRO.

La stazione Bharatiya Antariksha sarà molto più piccola della stazione spaziale cinese, pesa 25 tonnellate rispetto alle circa 70 tonnellate (la massa dei moduli permanenti della stazione cinese è superiore alle 20 tonnellate). Forse se il programma spaziale cinese avesse avuto meno risorse e non avesse avuto una piattaforma di lancio come la CZ-5, la Cina avrebbe scelto una configurazione simile combinando due o più aerei Tiangong. Il fatto è che le piccole dimensioni della stazione indiana sono condizionate dalla mancanza di un lanciatore pesante, motivo per cui questa è una delle priorità dell’ISRO a medio e lungo termine (qui “pesante” si riferisce al significato del lanciatore pre-apparso aggettivo SLS o Starship, cioè un missile capace di lanciare venti tonnellate o più nell’orbita terrestre bassa). Nello specifico, NGLV (Veicolo di lancio di nuova generazione) sarà una piattaforma di lancio in grado di mettere in orbita bassa una ventina di tonnellate e avrà anche il compito di sostituire l’LMV3 quando la navicella spaziale Gaganyaan verrà messa in orbita. Il NGLV sarà un vettore di cherosene o metano con un primo stadio riutilizzabile.

Lanciatore NGLV (http://fullafterburner.weebly.com/space-technology).
Studi indiani sui lanciatori pesanti (ISRO).

Può sembrare intuitivo che i piani con equipaggio indiano siano relativamente modesti rispetto a quelli cinesi, ma non lasciamoci ingannare. L’obiettivo dell’ISRO, come indicato dal governo Modi, è quello di effettuare una missione con equipaggio sulla Luna nel 2040 (dieci anni dopo la Cina). Quando questo obiettivo è stato annunciato non molto tempo fa, abbiamo detto qui che l’India è pienamente in grado di intraprendere una missione orbitale sulla Luna entro quella data, ma una missione di atterraggio lunare è completamente al di là delle capacità del Paese a meno che non decida di raddoppiarne il numero. Gli investimenti nel programma spaziale rappresentano un fattore molto importante. L’ISRO ha confermato che i suoi piani lunari con equipaggio prevedono inizialmente una missione orbitale, che, d’altra parte, è tutt’altro che semplice. Queste missioni utilizzeranno una navicella lunare Gaganyaan lanciata dalla NGLV e potrebbero svolgersi contemporaneamente al completamento della stazione spaziale, intorno al 2035. Successivamente, nel 2040, inizierà la missione di atterraggio lunare con equipaggio ordinata da Modi. potrebbe essere sviluppato un lanciatore molto pesante basato sull’NGLV. La base lunare dovrebbe essere pronta nel 2047. Per portare avanti questo progetto, l’ISRO prevede di far attraccare la navicella spaziale lunare Gaganyaan alla stazione Gateway, in modo che l’India possa partecipare direttamente al programma Artemis della NASA. Anche questa architettura è nuova, poiché ricordiamo che la Cina effettuerà missioni con equipaggio sulla superficie lunare nel 2030 senza passare attraverso un programma di missione orbitale (anche se è possibile che la prima missione di questo programma lunare cinese con equipaggio andrà in orbita solo ).

READ  Questa app di Epic Games crea modelli 3D utilizzando la fotocamera dell'iPhone
L’India lunare prevede di culminare con un atterraggio lunare nel 2040 (ISRO).
Il lander LUPEX dell’ISRO. Il veicolo sarà fornito dalla giapponese JAXA (ISRO).
La sonda di ritorno del campione Chanrayaan 4 sarà la prima sonda ad attraccare nell’orbita terrestre dopo essere arrivata dalla Luna. Nella presentazione sono state utilizzate le immagini della sonda cinese Chang’e 5, il che non è privo di umorismo data la rivalità tra i due paesi (ISRO).

In precedenza, l’ISRO voleva potenziare il suo programma di esplorazione lunare a Chandrayaan. Oltre alla missione LUPEX con il Giappone, l’ISRO ha lanciato ufficialmente la missione Chandrayaan 4, che servirà come missione di ritorno modello. Date le limitazioni sui lanciatori indiani sopra menzionate, la missione consisterà in due lanci. Nella prima fase, LVM3 invierà sulla Luna un lander diviso in un orbiter e un lander lunare a due stadi. Dopo l’atterraggio sulla Luna, la fase di ascesa con i campioni si stabilizzerà nell’orbita lunare con l’orbiter e si dirigerà verso la Terra. La novità è che la nave non rientrerà direttamente, ma verrà messa nell’orbita terrestre, una manovra mai tentata prima. Lì attraccherà con un’altra nave lanciata dalla PSLV dotata di una capsula. Dopo che i campioni sono stati inseriti nella capsula, rientreranno nell’atmosfera. Questo schema eviterebbe la necessità di sviluppare una capsula che dovrebbe eseguire rientri a velocità di fuga (è interessante notare che la presentazione di questo progetto da parte dell’ISRO ha utilizzato immagini della sonda cinese di ritorno del campione Chang’e 5). L’ISRO vuole anche sviluppare generatori di radioisotopi (RTG) e riscaldatori RHU per consentire alle sonde lunari di sopravvivere alla notte lunare (Chandrayaan 3 non è sopravvissuto alla sua prima notte, mentre i lander cinesi Chang’e 3 e 4 sono operativi da anni). Come possiamo vedere, l’India sta facendo del suo meglio e ha scelto un’architettura e tempi che si adattino alle sue esigenze e capacità.