Aprile 24, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il nuovo salario minimo per i lavoratori dei fast food in California inizierà lunedì

Il nuovo salario minimo per i lavoratori dei fast food in California inizierà lunedì

La maggior parte dei lavoratori dei fast food californiani guadagnerà almeno 20 dollari l’ora a partire da lunedì, quando è prevista l’entrata in vigore di una nuova legge per fornire maggiore sicurezza finanziaria alla professione tradizionalmente a basso reddito che è stata in pericolo di collasso. A causa dell’alto costo della vita.

I democratici nella legislatura statale hanno approvato la norma lo scorso anno, in parte riconoscendo che molte delle 500.000 persone che lavorano nei fast food non sono adolescenti che guadagnano una paghetta, ma adulti che lavorano per sostenere le loro famiglie.

Ciò include immigrati come Ingrid Velorio, che ha affermato di aver iniziato a lavorare in un ristorante McDonald's poco dopo essere arrivata negli Stati Uniti nel 2019. Lavorare nel fast food era il suo lavoro a tempo pieno fino allo scorso anno. Ora lavora otto ore settimanali presso Jack in the Box e lo combina con altri lavori.

“L'aumento di 20 dollari è fantastico. Vorrei che fosse arrivato prima”, ha detto Velorio, “perché non avrei cercato così tanti lavori diversi altrove”.

La legge è stata sostenuta dall'associazione che rappresenta gli affiliati dei fast food. Ma da quando è stata approvata, molti affiliati hanno lamentato l'impatto della legge sulle loro attività, soprattutto in considerazione del rallentamento dell'economia della California.

Alex Johnson possiede 10 ristoranti Auntie Anne's Pretzel e Cinnabon nella zona della Baia di San Francisco. Ha detto che le vendite sono diminuite nel 2024, spingendolo a licenziare il suo personale amministrativo e a rivolgersi ai suoi genitori per chiedere aiuto con le buste paga e le risorse umane.

READ  Dollaro: prezzo di chiusura oggi, 4 aprile, in Guatemala

Aumentare gli stipendi dei suoi dipendenti costerà a Johnson circa 470.000 dollari all’anno. Dovrà aumentare i prezzi nei suoi stabilimenti dal 5% al ​​15%, e non ci sono più dipendenti né progetti di aprire nuovi negozi in California, ha detto.

“Cerco di trattare bene i miei dipendenti. Li pago quanto posso. Ma questa legge ha un grande impatto sulle nostre operazioni”, ha affermato Johnson.

Ha aggiunto: “Devo pensare a vendere la mia attività e anche a chiuderla”. “Il margine di profitto è diventato molto piccolo se si prendono in considerazione tutte le altre spese che si presentano.”

Negli ultimi dieci anni, la California ha raddoppiato il salario minimo per la maggior parte dei lavoratori portandolo a 16 dollari l’ora. La preoccupazione principale all'epoca era se l'aumento potesse causare la perdita del posto di lavoro ad alcuni lavoratori aumentando le spese dei datori di lavoro.

Invece, i dati mostrano che i salari sono aumentati e i tassi di occupazione non sono diminuiti, ha affermato Michael Reich, professore di economia del lavoro presso l’Università della California-Berkeley.

“Sono rimasto sorpreso da quanto pochi o quanto difficili abbiamo riscontrato effetti sulla disoccupazione. Abbiamo riscontrato effetti positivi sull'occupazione”, ha affermato Reich.

Inoltre, Reich ha osservato che mentre il salario minimo statale è di 16 dollari l'ora, molte città più grandi hanno i propri standard salariali minimi che fissano un numero più alto. Per molti fast food, ciò significa che un aumento a $ 20 l’ora sarebbe inferiore.

La legge riflette un compromesso attentamente negoziato tra l’industria dei fast food e i sindacati, che sono ai ferri corti da quasi due anni in una disputa su salari, benefici e obblighi legali. Il disegno di legge ha avviato trattative private tra i sindacati e il settore, che includevano la firma insolita di accordi di riservatezza.

READ  Sfide e soluzioni nella gestione portuale

La norma riguarda i ristoranti che offrono un servizio al tavolo limitato o nullo e che fanno parte di una catena nazionale con almeno 60 locali nel Paese. Sono esenti i ristoranti che operano all’interno di un negozio di alimentari, così come quelli che producono e vendono il pane come menu a sé stante.

Inizialmente sembrava che l'esenzione per il pane riguardasse solo i ristoranti Panera Bread. Il rapporto di Bloomberg News ha osservato che il cambiamento andrebbe a vantaggio di Greg Flynn, un ricco donatore della campagna del governatore Gavin Newsom. Ma il governo statale ha sottolineato che l'aumento salariale sta già colpendo quella catena perché non guadagna soldi nei suoi ristoranti. Flynn annunciò anche che avrebbe pagato i suoi lavoratori almeno 20 dollari l'ora.