Aprile 24, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La seconda parte è stata filmata con telecamere a infrarossi.  Naturalmente, ha causato problemi.

La seconda parte è stata filmata con telecamere a infrarossi. Naturalmente, ha causato problemi.

La battaglia all'Harkonnen Coliseum aveva un'estetica unica, ma ha sconvolto i piani del costumista

Per gentile concessione dell'impressionante scena di Paul Atreides che cavalca il Verme delle Sabbie, forse la sequenza più sorprendente e stilizzata di “Dune: Parte Due” è il combattimento nell'anfiteatro tra Feyd-Rautha Harkonnen e i pochi sopravvissuti della Casa Atreides. Questa è una sequenza ripresa all'infrarosso in bianco e nero, Con lui, il direttore della fotografia Greg Fraser ha cercato di avvicinarsi a ciò che Denis Villeneuve aveva in mente.

Proprio come dici tu diversificato Questa non era la prima volta che Fraser faceva questo tipo di acrobazia. Lo aveva già fatto in Darkest Night e Rogue One, ma qui lo ha portato a un livello completamente nuovo quando Villeneuve gli ha detto: “Non possiamo fare una scena di gladiatori con la sabbia perché sembrerebbe Arrakis. Che ne dici del nero e bianco nero?” Frazer ha sperimentato la luce infrarossa alla ricerca di questa distinzione del pianeta sabbia e ci è riuscito: lo ha fatto utilizzando una fotocamera Alexa LF modificata per acquisire solo immagini a infrarossi.

Ma, Non tutti erano molto contenti di questa estetica molto distinta.. La costumista Jacqueline West ha dovuto modificare i suoi piani per vestire gli Harkonnen completamente di nero: con gli infrarossi, “alcuni tessuti diventano bianchi all'istante. Quindi potresti avere diversi tessuti nell'abito, alcuni dei quali sarebbero neri, e poi avresti avere una toppa.” Bianco.” I costumi dovevano essere modificati in modo che apparissero ancora tutti neri.

La sequenza è stata una di quelle che hanno costretto tutte le sezioni del team di produzione ad affinare la propria arte. Ad esempio, West si è ispirato per i costumi all'arte HR. Geiger, creatore del mostro “alieno”, come nell'arte medievale. Lo scenografo Patrice Vermette ha seguito la visione di Villeneuve di creare un mondo di “plastica nera” e si è ispirato a una serie di fosse settiche scoperte a Montreal: “Erano nere e di plastica. Mi chiedevo cosa ci fosse dentro, tutta l'ispirazione per questo mondo .” “È venuto da lì.”

READ  Laure Adler: "Night Traveller": vecchiaia, istruzioni per l'uso | Babilonia

testa | Ammonitore

A Chataka | Il protagonista di “Dune 2” è forse il cattivo della storia: come il seguito comprende così perfettamente il tema del romanzo