Aprile 23, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L'irrefrenabile professione che ossessiona Carlos Rottemberg fin dall'infanzia

L'irrefrenabile professione che ossessiona Carlos Rottemberg fin dall'infanzia

[El podcast”Medio siglo de teatro” puede escucharse clickeando acá]

Aveva appena otto anni quando scoprì la sua vocazione. In quel lontano decennio degli anni Sessanta, il ragazzo insistette per andare a trovarlo, e riuscì ad ottenere il suo consenso 14 volte (quattordici volte!) in un mese il film Tutti insieme appassionatamente.

Lo capì subito quando… Julie Andrews Lei cominciò a cantare e lui non riusciva a smettere di piangere. “Voglio essere quello”Disse eccitato a sua madre mentre indicava lo schermo del film Pullman.

che cos 'era questo I loro genitori (Juana e Miguel) si sono posti la stessa domanda e le risposte sono state diverse: “È possibile che voglia diventare una regista, una cantante o una principiante?” Il ragazzo che amava andare a vedere Tutti insieme appassionatamente compirà 50 anni ininterrotti nel 2024 come imprenditore dello spettacolo: ha iniziato con il cinema, ma il suo nome è ormai strettamente associato al teatro.

Il podcast “Mezzo secolo di teatro” è un viaggio attraverso diverse fasi della vita e del lavoro Carlos Rotemberg che ha iniziato a “proiettare film per bambini” e afferma di aver distribuito più di 1.000 opere e venduto più di 22 milioni di biglietti. Attraverso dodici conversazioni, Rotemberg racconterà – tra le altre cose – com'è stato condividere successi e fallimenti con le stelle che hanno brillato nell'ultimo mezzo secolo.

Afferma di essere “un uomo d'affari teatrale, il che significa che è più un artista che un commerciante”. Si presenta come “teatrale”Che lui definisce uno stile di vita: diverso dai tempi degli altri, con orari strani – solitamente notturni.

Il ragazzo Carlitos Rottemberg che fin da piccolo voleva essere quello che è per 50 anni

Al termine di ogni puntata del podcast “Mezzo secolo di teatro”, Rottemberg offrirà una breve panoramica della persona che lo ha accompagnato in un modo o nell'altro nella sua carriera in questi anni. Parlerà dello psichiatra da cui i suoi genitori lo hanno portato, terrorizzato, quando i suoi inizi di carriera si sono risvegliati. E anche circa Linda PeretzLa madre di suo figlio TommasoE a proposito di Karina Perez MoretoLa sua attuale moglie, dalla quale ha figli Nicola e Matilde. Inoltre, si farà un selfie Moriah Kazan e Louis Brandoni E tra quelli che ricordavano Emilio Desi, Juan Carlos Calabro e Guillermo Brideston, tra le altre cose. Un capitolo è dedicato in particolare al legame di amicizia che lo unì per decenni Mirtha Legrand e il rapporto professionale che hanno mantenuto durante i 20 anni in cui è stato produttore dei pranzi televisivi del cantante.

READ  Da "I Bridgerton" a "Jurassic Word 4". Jonathan Bailey potrebbe recitare in un nuovo film sui dinosauri

Strano uomo d'affari

Nel 1999 Rotemberg ha prodotto uno show televisivo intitolato Martello. Lo hanno condotto Cioè Ventura e Osvaldo Quiroga. Lo schema era semplice: rispondeva un ospite e una giuria di dieci giornalisti che, insieme ai padroni di casa, facevano domande.

In quel periodo, per l'unica volta, lavorai con Rottemberg. Mi ha invitato a essere un produttore per il panel. Ciò significava che dovevo occuparmi di garantire i dieci giornalisti che dovevano sedersi nello showroom per ogni trasmissione. I convocatori sono operatori di rete di telefonia mobile e giornalisti della carta stampata.

In quell'occasione scoprii che Rottemberg era Strano uomo d'affari. Martedì sono stati pagati gli stipendi dei giornalisti che hanno assistito al panel del programma trasmesso la domenica su América TV (1999/2000).

Il mio telefono stava esplodendo. Diversi colleghi, alcuni dei quali non conoscevo, mi chiesero di far parte del comitato El Martillo per due motivi: perché volevano apparire in televisione e perché Rottemberg pagò subito.

In seguito alla loro presenza a Martello, alcuni giornalisti sono stati convocati sugli schermi dei canali televisivi. Ogni volta che potevano, ringraziavano Rottemberg per due cose: l'opportunità di apparire davanti alla telecamera e i 100 pesos per programma (a quei tempi, un peso per dollaro) che pagava loro senza indugio o indugio.

Da allora ci scambiamo lettere, parliamo al telefono e, di tanto in tanto, ci riuniamo a cena con la famiglia e gli amici. È stato durante uno di quei pasti, dopo che mi aveva detto che nel 2024 avrebbe celebrato il suo cinquantesimo anniversario come imprenditore, che mi è venuta l'idea del podcast, che inizia oggi e sarà disponibile ogni mercoledì alle informazione.

READ  “L’Età dell’Oro mostra l’altro lato del mondo dei capitalisti senza scrupoli”.

In una conversazione rilassata mi disse che non aveva mai pensato di essere altro che un uomo d'affari teatrale. Anche se una notte mi confessò: “A volte penso che mi piacerebbe fare il giornalista”.

Carlos, che viene ancora chiamato “Carlitos” come quando iniziò mezzo secolo fa, ha una memoria straordinaria. Racconta storie e le colloca esattamente: giorno, mese, anno e spesso riesce a ricordare il momento in cui è avvenuto l'evento che racconta.

Carlos Rotemberg è stato il produttore di TV Lunches di Martha LeGrand. Nel podcast parlerà del suo rapporto con il cantante

Nel podcast, l’imprenditore spiegherà come l’economia mutevole e imprevedibile dell’ultimo mezzo secolo ha influenzato il settore dell’intrattenimento. Ha iniziato a lavorare da solo quando il paese era governato dal peronismo nel 1974 e continua fino ad oggi quando Javier Maile è a Casa Rosada. “Abbiamo attraversato di tutto: l’iperinflazione, il piano Bonex, la moneta nazionale, il peso, l’Australia, la legge dei 18.188 pesos, Corralitos, Patacones, Licopes, l’epidemia di influenza, il dollaro ufficiale, il dollaro nero che ora si chiama blu, l’epidemia di Covid e le stagioni in cui” “Non potevo accendere gli ombrelli per mancanza di energia elettrica”Per esempio.

Nella prima puntata del podcast, Rottemberg racconta cosa gli è successo dopo aver visto più volte Tutti insieme appassionatamente (14): “Da quando avevo otto anni, da quel giorno, dico che non ho mai dovuto spendere le mie energie per capire capire cosa voglio fare.” . Lo sarò quando sarò grande.. Quando mi hanno chiesto cosa vuoi essere? Ho detto proiezione di film nei cinema, spettatore di film. Questo era il mio sogno. Abbiamo imparato la parola visualizzatore più tardi a casa. Mio padre, anche quando ero adolescente, continuava a ripetere. “Cos'è uno spettatore?” Cosa significa essere un modello?' L'ho detto più facile. “Voglio guardare film.”

READ  Christie's mette all'asta 150 opere del fondatore di Microsoft per 1 miliardo di dollari

Attraverso il cinema la sua vita si lega al teatro. Oggi conta 16 teatri con poco più di 9.000 posti in due città: Buenos Aires e Mar del Plata.

Padre di tre figli, non firma contratti con gli attori, attrici, produttori e autori che creano le sue opere. “Ho messo il dito”, si precisa. La parola e l'impronta digitale sulla carta sono sufficienti per rispettare gli accordi. Dirà in uno degli episodi del podcast che non ha mai avuto problemi con quasi nessuno. E che non avrebbe mai più lavorato con quella o due persone che aveva incontrato nei suoi primi 50 anni da imprenditore.

Carlos Rotemberg con Enrique Benti. Una cerimonia di “imposizione del dito” che prevede la memorizzazione della parola.

Parla anche del lato oscuro dell’attivismo: “…nel corso di cinquant’anni mi sono stati offerti numerosi lavori legali e illegali. Ha spiegato: Non è legale, perché la nostra attività, oltre al glamour, ha un tema molto attraente per alcune persone che vengono a causa degli incentivi fiscali che ha l'attività teatrale. E poi quello che ho fatto è stato che ogni volta che si avvicinava a me, ovvero cinque o sei volte 50 anni fa, gli dicevo dimmi, gli risponderò oppure faremo denuncia insieme e nessuno mi ha disturbato”.

Carlos Rottemberg si esprime con passione nel mondo del teatro. Dal suo volto e dal suo tono si vede che ama ciò che fa dal 1974. Ecco perché è ancora emozionato come lo era quando ha finito di guardare Tutti insieme appassionatamente per la prima volta.