Aprile 17, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La Spagna interverrà domani nelle udienze della Corte internazionale di giustizia sulla politica di Israele nei territori palestinesi

La Spagna interverrà domani nelle udienze della Corte internazionale di giustizia sulla politica di Israele nei territori palestinesi

La Spagna interverrà questo lunedì pomeriggio nelle udienze che si tengono dal 19 febbraio presso la Corte internazionale di giustizia per chiedere di emettere un parere consultivo sulle conseguenze giuridiche delle politiche che ha attuato. attuato da Israele nei territori palestinesi. Come hanno riferito fonti diplomatiche a Europe Press, il governo spagnolo sarà rappresentato dal Consulente Legale Internazionale del Ministero degli Affari Esteri, oltre alla Procura dello Stato e all'Ambasciata spagnola all'Aia. Il governo ha ripetutamente condannato gli insediamenti israeliani, in linea con la risoluzione 2334 adottata dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite nel dicembre 2016. Una dichiarazione rilasciata dal Ministero degli Affari Esteri sulla questione nel novembre 2019 affermava che “La Spagna ritiene che gli insediamenti nei territori occupati da Israele dal 1967 non hanno alcuna validità giuridica e costituiscono una flagrante violazione del diritto internazionale”. Ha aggiunto: “Ciò costituisce un ostacolo ad una soluzione negoziata a due Stati e al raggiungimento di una pace giusta e duratura che soddisfi le legittime aspirazioni di entrambe le parti”. In particolare, dopo l'attacco terroristico lanciato da Hamas contro Israele il 7 ottobre, il governo ha sostenuto che il riconoscimento di uno Stato palestinese è l'unico modo per risolvere il conflitto in Medio Oriente. La Spagna sarà il penultimo paese tra i 52 paesi che hanno chiesto di intervenire in queste udienze, tra cui gran parte dei paesi dell'Unione Europea oltre a Stati Uniti, Cina e Russia. Hanno preso la parola anche tre organizzazioni internazionali: la Lega degli Stati arabi, l'Organizzazione per la cooperazione islamica e l'Unione africana. Risoluzione con l'astensione della Spagna: queste audizioni sono il risultato finale della risoluzione adottata dall'Assemblea generale delle Nazioni Unite il 30 dicembre 2022 con una maggioranza di 87 voti favorevoli, 26 favorevoli – tra cui Stati Uniti e Regno Unito – e 53 astensioni – tra cui Spagna Oltre ad altri paesi europei come Francia, Grecia o Svezia -. Il testo chiede alla Corte internazionale di giustizia di “emettere un parere consultivo” basato su “le regole e i principi del diritto internazionale”, tra cui la Carta delle Nazioni Unite, il diritto umanitario internazionale e il diritto internazionale dei diritti umani, nonché le norme del Consiglio di Sicurezza e delle Nazioni Unite. Risoluzioni del Consiglio di Sicurezza. Assemblea Generale e Consiglio per i Diritti Umani. Più specificamente, vogliono che la magistratura si pronunci sulle “conseguenze legali che derivano dalla continua violazione da parte di Israele del diritto del popolo palestinese all’autodeterminazione, attraverso atti di occupazione, insediamento e annessione dei territori palestinesi occupati dal 1967”. “Sia in Cisgiordania che a Gerusalemme Est. Allo stesso modo, viene richiesta la tua opinione su “come queste politiche e pratiche israeliane” influenzano lo status giuridico dell’occupazione e quali sono le conseguenze legali di questo status per tutti gli stati e le Nazioni Unite. Dopo che il 17 gennaio 2023 il Segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres ha trasmesso alla Corte internazionale di giustizia una richiesta di parere consultivo dell'Assemblea generale, è stata aperta una scadenza per tutti i paesi che lo desideravano, compresa l'Autorità palestinese, che ha lo status di osservatore. , fino al 25 luglio dello stesso anno per presentare memorie scritte. È stato poi aperto un secondo periodo fino al 25 ottobre per presentare commenti scritti sulle dichiarazioni degli altri paesi. Sia le dichiarazioni scritte che i commenti sono documenti riservati, a meno che la Corte internazionale di giustizia non decida in ultima analisi di pubblicarli durante o dopo l'apertura delle udienze. Una volta concluse queste udienze, il tribunale si ritirerà a deliberare e annuncerà poi il suo parere in un'udienza pubblica. Le udienze che si concluderanno lunedì non sono collegate alla causa del Sudafrica contro Israele per possibile genocidio nell'attuale offensiva militare nella Striscia di Gaza, in base alla quale la Corte internazionale di giustizia ha emesso un procedimento preliminare il 26 dicembre.

READ  Luis Arce parla delle sfide dell'America Latina al CILAC