venerdì, Giugno 21, 2024

Top 5 This Week

Related Posts

Le stelle più antiche mai scoperte si trovano nella stessa Via Lattea, quindi come è possibile?

Tre delle stelle più antiche registrate nell’universo visibile si trovano nella Via Lattea, la galassia che ospita il Sistema Solare e la Terra. Il loro comportamento differisce significativamente da quello delle stelle più giovani. Nonostante la loro età avanzata, queste stelle sono agili e si muovono a centinaia di migliaia di chilometri orari, in senso contrario al flusso delle loro compagne. La ricerca su questi tre oggetti celesti è stata condotta da scienziati del Massachusetts Institute of Technology (MIT) e pubblicata sulla rivista Avvisi mensili della Royal Astronomical Society.

La triade di stelle è stata identificata nell’alone della Via Lattea, una struttura sferica di gas e polvere che circonda le galassie a spirale. Ogni oggetto oggetto di questa ricerca si trova a una distanza di 30.000 anni luce dalla Terra, in diverse parti della nube. In base alla sua firma chimica, che mostra un basso indice di metallicità, si stima che la sua età sia compresa tra 12 e 13 miliardi di anni. Per contestualizzarlo, il modello cosmologico standard stima che il Big Bang sia avvenuto circa 13.797 milioni di anni fa. Le stelle nella nostra galassia locale si sono formate vicino all’inizio dell’universo.

L’universo e le prime stelle

La presenza di stelle antiche quanto l’universo stesso nella Via Lattea non è del tutto sorprendente dal punto di vista astronomico. La galassia in cui si trova la Terra esiste e si è evoluta per 13,6 miliardi di anni. Nel corso della sua vita, ha necessariamente ospitato le prime generazioni di stelle che si sarebbero formate nell’universo, producendo allo stesso tempo stelle giovani, come quelle che danno forma al sistema solare.

READ  GOV causa problemi durante l'installazione di Windows 11

L’universo si espande perché divora e viene divorato da altri universi. È stato proposto un nuovo modello

Secondo un nuovo modello matematico, nei suoi primi istanti l’universo si espanse a una velocità vertiginosa perché fu assorbito dall'”universo madre”.


Gli astrofisici sanno che queste antiche stelle tendono a raggrupparsi insieme in aloni galattici. Tuttavia, a causa della loro relativa oscurità rispetto alle stelle giovani, sono spesso oscurate dalla luminosità di altri oggetti o disturbate da gas e polveri spaziali. Lui Il risultato eccezionale del MIT è lo sviluppo delle tecnologie Per monitorare queste stelle, stimare la loro età e distinguerle da altri oggetti simili.

“Queste stelle più antiche devono certamente esistere, dato quello che sappiamo sulla formazione delle galassie. Ora abbiamo un nuovo modo per trovarle. Possiamo cercare controparti più luminose nella Via Lattea e studiarle”, ha spiegato Anna Fripple, professoressa di astronomia fisica al MIT. “La loro evoluzione chimica senza dover inseguire queste stelle molto deboli.”

Ufficialmente, la stella più antica mai trovata è HD 140283 O conosciuto anche come “Matusalemme” dal nome dell’uomo più anziano menzionato nella Bibbia. Si stima che possa avere la stessa età dell’universo stesso e che sia a soli 190 anni luce dalla Terra.



I resti della primordiale Via Lattea

Per i ricercatori, scoprire questa trinità di oggetti stellari è come trovare i resti delle prime strutture che formarono la nostra galassia. La Via Lattea, come la conosciamo oggi, è il risultato graduale della fusione di ammassi stellari nel corso della sua storia. Recentemente sono stati individuati due blocchi fondamentali che hanno contribuito alla sua formazione: Shiva e Shakti. La prossima grande transizione sarà una fusione con la Galassia di Andromeda, un evento che avverrà tra circa 4 miliardi di anni.

READ  Gran Turismo 7 conferma l'arrivo su PS4 e PS5 dopo mesi di incertezza

Questi tre corpi celesti identificati sono chiamati Small Accreted Star System Stars (SASS). Secondo il documento del MIT, ci sono altri 61 oggetti nei database astronomici che mostrano comportamenti simili a quelli del SASS. Con questa conoscenza, gli scienziati possono avventurarsi nell’analisi di maggiori informazioni nella speranza di trovare altre stelle primordiali tra i 400 miliardi di stelle che compongono la Via Lattea.

Nevio Buratti
Nevio Buratti
"Evangelista di zombie dilettante. Creatore incurabile. Orgoglioso pioniere di Twitter. Appassionato di cibo. Internetaholic. Hardcore introverso."

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Popular Articles