sabato, Giugno 22, 2024

Top 5 This Week

Related Posts

L’India sperimenta il suo nuovo ruolo globale nel G20 | internazionale

L’India è pronta a mettere alla prova il suo crescente ruolo globale al vertice del G-20 in programma questo fine settimana a Nuova Delhi. La forza della crescita economica, il successo della missione lunare, il primato demografico e la posizione redditizia come partner primario per gli Stati Uniti e l’Europa in tempi di erosione delle relazioni con la Cina, hanno sostenuto la forza della nuova India sulla scena internazionale. Ma il vertice, che appare molto complicato in mezzo a forti tensioni, mostrerà la portata e la portata dell’influenza di Nuova Delhi.

Iscriviti per continuare a leggere

Leggi senza limiti

L’India è pronta a mettere alla prova il suo crescente ruolo globale al vertice del G-20 in programma questo fine settimana a Nuova Delhi. La forza della crescita economica, il successo della missione lunare, il primato demografico e la posizione redditizia come partner primario per gli Stati Uniti e l’Europa in tempi di erosione delle relazioni con la Cina, hanno sostenuto la forza della nuova India sulla scena internazionale. Ma il vertice, che sarà molto complesso in mezzo a forti tensioni, dimostrerà la portata dell’influenza di Nuova Delhi e quanto essa possa giocare con diversi gruppi per difendere i propri interessi.

L’India continua a sostenere il suo tradizionale mantra di non allineamento in politica estera, perseguendo con crescente fiducia l’obiettivo di diventare un polo forte e indipendente in un mondo multipolare. La sfida più immediata e importante che deve affrontare è la lotta con la Cina, una rivalità che comprende questioni come le controversie territoriali, la competizione per l’influenza nella regione, il sostegno di Pechino al Pakistan e altri fattori delicati. È anche in questa prospettiva, e non solo in termini di deterioramento delle relazioni internazionali, che va spiegata l’annunciata assenza di Xi Jinping dal vertice di Nuova Delhi, oltre all’assenza di Vladimir Putin.

Le difficoltà dei precedenti lavori negoziali indicano che non è esclusa la possibilità che il vertice si concluda senza una dichiarazione consensuale. Ciò costituirebbe in primo luogo un fallimento per il gruppo nel suo insieme, ma verrebbe sicuramente messo in discussione il prestigio della presidenza indiana. La tensione tra Nuova Delhi e Pechino non facilita le cose.

READ  Colloqui telefonici tra il presidente siriano e il re di Giordania

La lotta con la Cina – che, come altre nel mondo moderno, va di pari passo con una stretta relazione economica, è così importante per l’India nelle sue infrastrutture e negli obiettivi di sviluppo industriale – può essere vista dietro i principali movimenti sulla scena mondiale del paese. Guidati da Modi: il tentativo di imporsi come portavoce del cosiddetto Sud del mondo, il riavvicinamento di Nuova Delhi agli Stati Uniti, la posizione dell’India nel forum BRICS.

Come hanno affermato Narendra Modi e il suo ministro degli Esteri, l’India è in linea con i propri interessi. Tra questi c’è il desiderio di impedire alla Cina di imporre la propria egemonia nella regione nella misura in cui impedisce all’India di esercitare la propria influenza. “Questa è la chiave, e quando si guarda alla relazione di Nuova Delhi con il Sud del mondo, dovrebbe essere vista in gran parte come un tentativo di essere più influente della Cina in quest’area”, afferma Frédéric Jarrar, membro del Consiglio europeo per le relazioni estere. specializzato in India. . . In questa battaglia, la Cina gode del vantaggio dei suoi maggiori mezzi economici, ma l’India può giocare la sua posizione al di fuori del bilaterale Washington e Pechino, il che può costituire un vantaggio dal punto di vista politico.

Gli sforzi per affermarsi come un grande rappresentante del Sud del mondo sono fondamentali per leggere la presidenza indiana del G20. Nuova Delhi ha cercato di portare avanti un’agenda che, in gran parte, dalla ristrutturazione del debito alla progettazione delle istituzioni finanziarie globali, dal cambiamento climatico ai prezzi alimentari, adotta il punto di vista di quell’ampio gruppo di paesi.

Unisciti a EL PAÍS per seguire tutte le notizie e leggere senza limiti.

Partecipare

D’altro canto, il riavvicinamento tra Nuova Delhi e Washington a causa di una sfiducia condivisa nella prosperità cinese sta guadagnando slancio. Questo movimento non è nuovo, ma ha acquisito particolare slancio con il Primo Ministro Modi, che ha recentemente effettuato una visita all’avanguardia negli Stati Uniti dove ha avuto l’onore di parlare al Parlamento per la seconda volta, una distinzione che pochissimi leader in India hanno raggiunto risultati. l’appuntamento. Modi è tornato a casa con grandi accordi di trasferimento di tecnologia di difesa nella manica.

READ  Il ministro degli Esteri colombiano visita gli ex soldati coinvolti nell'uccisione di Moise in una prigione haitiana

“Ma il riavvicinamento non avviene solo con gli Stati Uniti, ma anche con i suoi alleati, europei o indo-pacifici”, osserva Eva Borrejiero, professoressa di scienze politiche all’Università Complutense di Madrid, specializzata in Asia meridionale.

Il rapporto con la Cina rappresenta anche la posizione dell’India nel gruppo BRICS. Si tratta di un gruppo emerso dalla volontà dei paesi emergenti e non si è allineato con l’Occidente, che richiedeva un maggiore peso politico internazionale. E ora, sotto la pressione di Pechino, ha appena compiuto passi di espansione, mentre nel gruppo si rafforza l’ostilità verso l’Occidente – da parte di Russia e Cina, tra i membri storici, o con l’imminente fusione dell’Iran. “L’India non condivide questo. Le loro mosse in quel gruppo, anche se rispondono alla loro logica, sono in linea con gli interessi occidentali.

Grayer sottolinea che la politica estera dell’India ha subito una svolta dopo la dissoluzione dell’Unione Sovietica, che era il principale fornitore di armi dell’India. Ha continuato a mantenere uno stretto rapporto con la Russia, che è uno dei motivi per cui non ha condannato l’invasione dell’Ucraina alle Nazioni Unite, ma ha assunto sempre meno importanza in una prospettiva globale e non ha impedito a Modi di lanciare messaggi critici. Il Cremlino ha rilasciato o approvato al vertice del G-20 dello scorso anno una dichiarazione scomoda per Mosca. Dopo il crollo dell’Unione Sovietica, il riavvicinamento con gli Stati Uniti ha cominciato a delinearsi e l’esperto vede una linea di continuità, con toni più nazionalistici, con i necessari aggiustamenti dovuti al cambiamento di contesto, ma senza grandi cambiamenti nella sostanza.

Boregeiro sottolinea come il mantenimento ufficiale della politica di non allineamento mascheri i cambiamenti “segreti”. L’India si è resa conto che questo mancato allineamento non ha aiutato a prevenire le guerre con Cina e Pakistan. Nuova Delhi è preoccupata per la propria sicurezza e senza tale sicurezza la sua capacità di affrontare i problemi interni diminuisce. È in questo contesto che va vista la costruzione di questa nuova fitta rete di relazioni con gli Stati Uniti e i suoi numerosi alleati, ad esempio, attraverso la formula quadrupla (che riunisce Stati Uniti, India, Giappone e Australia). non è un’alleanza formale, per non parlare di un’alleanza militare, ma è un membro importante di un forum dedicato che cerca di preservare un Indo-Pacifico “libero e aperto”, un concetto che porta con sé sfumature strategiche di prim’ordine.

READ  Israele - Guerra diretta ad Hamas: la Spagna risponde a Israele | Conflitto tra Ucraina e Russia, ultime notizie

Un’altra questione è se, e in che misura, il nazionalismo indù che Modi sta promuovendo internamente, che evoca un forte rifiuto della minoranza musulmana indiana, sia in grado di deteriorare le relazioni dell’India con un’ampia gamma di paesi musulmani. “Non penso che abbia un effetto enorme”, dice Grayer. Ha aggiunto: “Non sto dicendo che sia irrilevante, ma non è così importante, e non vedo che ciò influenzi le relazioni internazionali”.

Tutti questi fattori convergeranno al vertice di Nuova Delhi, che sottolinea, nella buona e nella cattiva sorte, la capacità della presidenza indiana di lavorare per raggiungere il consenso. Come ha sottolineato un alto funzionario europeo, l’Indonesia, che ha detenuto la precedente presidenza del G20, ha fatto un vero passo avanti al vertice di Bali nel 2022 rilasciando una dichiarazione unanime in una situazione pubblica già tesa. L’evento di quest’anno fornirà importanti spunti sullo stato del sistema globale, nonché sul posto dell’India al suo interno.

Segui tutte le informazioni internazionali su Facebook E Twittero dentro La nostra newsletter settimanale.

Ciriaco Capone
Ciriaco Capone
"Creatore. Amante dei social media hipster. Appassionato di web. Appassionato fanatico dell'alcol."

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Popular Articles