Marzo 4, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Nel terzo trimestre il patrimonio netto delle famiglie è aumentato dell'8,6% e i loro debiti sono scesi al 48%.

Nel terzo trimestre il patrimonio netto delle famiglie è aumentato dell'8,6% e i loro debiti sono scesi al 48%.

Secondo i conti finanziari pubblicati, la ricchezza finanziaria netta delle famiglie spagnole e delle istituzioni senza scopo di lucro al servizio delle famiglie (Isflsh) ha raggiunto i 2.050 miliardi di euro nel terzo trimestre del 2023, con un aumento dell'8,6% su base annua. Dalla Banca di Spagna questo mercoledì, che riflette a – Moderazione del debito delle famiglie al 48% del PIL (rispetto al 53,7% dell’anno precedente).

Il numero delle attività finanziarie nette delle famiglie alla fine del terzo trimestre è pari al 142,9% del PIL, ovvero tre decimi in meno rispetto all'anno precedente, soprattutto a causa dell'aumento del PIL.

Lo stock totale di attività finanziarie (contante, azioni, depositi e titoli in affitto) delle famiglie e degli investimenti raggiunge i 2.800 miliardi di euro nel terzo trimestre.il 5,5% in più rispetto all'anno precedente.

Questo aumento riflette a Una rivalutazione di 111,3 miliardi di euroOltre ad un'acquisizione netta di attività finanziarie pari a 35,7 miliardi di euro negli ultimi quattro trimestri.

Attraverso gli strumenti finanziari, la rivalutazione degli asset si è concentrata in gran parte sul patrimonio netto. Nelle acquisizioni nette di attività sono emersi investimenti azionari in fondi comuni di investimento e titoli di debito, parzialmente compensati da un calo della liquidità, dei depositi e delle vendite di quote di capitale societario.

Per quanto riguarda il PIL, le attività finanziarie delle famiglie rappresentavano il 194,9% nel terzo trimestre del 2023, 6 punti percentuali in meno rispetto all’anno precedente, calo che si spiega esclusivamente con l’aumento del PIL.

READ  Giornata fiscale: la banca centrale ha acquistato dollari sul mercato nelle ultime 10 sessioni di cambio

Ai livelli del 2002

Da parte sua, nel terzo trimestre dell’anno fiscale 2023 il debito complessivo di aziende, economie domestiche e strutture ammontava a 1,629 miliardi di euro, ovvero il 2,9% in meno rispetto al confronto anno su anno. In termini di PIL, Il rapporto indica una moderazione “significativa”. Il rapporto debito/PIL raggiunge il 113,5%, un tasso che non si vedeva dal marzo 2002.

Solo il debito consolidato delle società non finanziarie è diminuito da 969,8 miliardi di euro nel terzo trimestre 2022 a 939,9 miliardi di settembre 2023. In termini di PIL, il rapporto è sceso dal 73,5% di settembre 2022 al 65,5% nel 2023 (se tra il 2023 e il 2023). – 2023). Includendo i debiti della società, il rapporto a settembre 2023 sarà dell'83,3%, rispetto al 96,1% dell'anno precedente.

Da parte sua, il debito e la spesa delle famiglie si sono ridotti da 708.000 milioni nel settembre 2022 a 689.200 milioni nel terzo trimestre 2023. Il rapporto con il PIL è sceso al 48% nel terzo trimestre 2023, dal 53,7% dell’anno precedente.