Aprile 25, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Notizie, rilascio di ostaggi e altro ancora

Notizie, rilascio di ostaggi e altro ancora

Secondo l’esercito, Israele intende trasferire 1,4 milioni di sfollati di Gaza da Rafah in “enclavi umanitarie”.

Secondo il portavoce dell’esercito israeliano, ammiraglio Daniel Hagari, Israele intende trasferire 1,4 milioni di palestinesi sfollati da Rafah in “enclavi umanitarie” a Gaza prima di qualsiasi attacco dell’esercito israeliano sull’ultima area di Gaza che l’esercito non ha ancora raggiunto. Lo ha dichiarato mercoledì alla stampa.

Ha detto che l'esercito israeliano intende invadere Rafah, descrivendolo come “qualcosa che dobbiamo fare”.

Ma Hagari ha detto che i tempi dell'attacco dipendono “dalle circostanze che lo consentono”.

Ha aggiunto: “Quali sono le condizioni? Dobbiamo garantire che 1,4 milioni di persone vengano trasferite nelle enclavi umanitarie che creeremo con la comunità internazionale. Forniranno loro riparo temporaneo, cibo, acqua e ospedali da campo”.

Ci sono state ampie dichiarazioni su una possibile invasione israeliana di Rafah, la città più meridionale della Striscia di Gaza. Più della metà della popolazione della Striscia si sta rifugiando lì per sfuggire all'avanzata israeliana, iniziata nel nord e spostatasi verso sud in risposta all'attacco di Hamas contro Israele il 7 ottobre, che comprendeva la presa di oltre 250 ostaggi a Gaza, oltre a all'uccisione. Circa 1.200 persone in Israele. Israele ritiene che 130 di questi ostaggi siano ancora detenuti, almeno 32 dei quali sono morti.

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha affermato che è necessario avanzare verso Rafah per distruggere i restanti battaglioni militari appartenenti ad Hamas.

Durante il fine settimana, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha dichiarato che un’invasione di Rafah sarebbe una “linea rossa”, ma si è anche impegnato a sostenere Israele.

READ  Il Brasile ha annunciato la costruzione di un museo commemorativo per la pandemia di Covid-19

Il ministro della Difesa israeliano Benny Gantz ha dichiarato il mese scorso che l'esercito israeliano sarebbe avanzato verso Rafah se Hamas non avesse restituito gli ostaggi rimanenti prima dell'inizio del Ramadan, ma il mese sacro per i musulmani è iniziato il 10 marzo senza alcuna azione di invasione. Funzionari israeliani hanno detto lunedì alla CNN che un’invasione non è imminente e che il governo non ha ancora approvato i piani militari ad essa correlati.

Hajari si è rifiutato di commentare i tempi di un'eventuale invasione della città da parte dell'esercito israeliano, poiché i residenti vivono in condizioni di grave carenza di cibo, acqua, medicine e riparo.

“Stiamo rafforzando i nostri preparativi. Non voglio parlare di tempo. Questo sarà il momento migliore per Israele”, ha detto Hajari.