Novembre 28, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Peggiora siccità in Italia da record: Autorità idrica

Di Cristiano Palmer

Roma23 giugno – Le condizioni di siccità si sono diffuse rapidamente in tutta l’Italia, con il prosciugamento di fiumi e bacini idrici e le previsioni di temperature elevate che peggiorano le cose, ha avvertito giovedì la Commissione per l’irrigazione del paese.

Molte regioni italiane hanno già dichiarato lo stato di emergenza per consentire lo svincolo di fondi per far fronte alla crescente crisi idrica, mentre i sindacati agrari affermano che la produzione nelle aree chiave di coltivazione cadrà quest’anno.

“La combinazione della peggiore siccità degli ultimi anni e della temperatura che ha toccato i 40 gradi Celsius (…) a fine giugno (…) sta spingendo l’Italia verso uno stato ambientale ed economico drammatico”, ha affermato l’azienda di irrigazione. ANBI.

Il Po, il fiume più lungo d’Italia, attraversa il nord principale e rappresenta un terzo della produzione agricola del Paese, registrando la peggiore siccità degli ultimi 70 anni.

“The Poe continua a registrare una caduta storica nel suo corso”, ha detto. ANBI. “In due settimane la portata si è dimezzata a oltre 170 metri cubi al secondo” (mc/s). La velocità dovrebbe essere di 450 mc/s per evitare infiltrazioni di acqua salata dal mare e distruzione dei terreni agricoli.

ANBI Ha detto che i grandi laghi del nord erano già al di sotto o molto bassi e le dimensioni dei bacini naturali nell’Italia centrale stavano diminuendo. Il fiume Tevere è da molti anni a bassa riflusso, mentre il fiume Anein ha dimezzato la sua portata.

Il Lazio centro-romano ha dichiarato questa settimana lo stato di emergenza, imponendo restrizioni ad alcune comunità, vietando l’uso di tubazioni e riempiendo piscine.

READ  L'Ambasciata Italiana lancia la piattaforma tridimensionale "Made in Italy" - Spanish Edition

Giovedì un progetto finanziato dall’Agenzia spaziale europea ha affermato che diverse settimane di clima caldo hanno innalzato la temperatura della superficie del Mediterraneo di circa 4 gradi Celsius al di sopra della media del 1985-2005.

“È importante capire esattamente cosa sta succedendo con il clima attuale perché i cambiamenti stanno iniziando ad avere un impatto preciso sulla vita di tutti i giorni”, ha affermato Gianmaria Sunnino. ENEA Modellazione climatica per partecipare al progetto.

Le previsioni meteorologiche per il resto del mese desta preoccupazione, con temperature che dovrebbero essere comprese tra 10 முதல் C e 12 ° C la prossima settimana e punte di 44 ° C in Sardegna e nelle isole siciliane.