domenica, Giugno 16, 2024

Top 5 This Week

Related Posts

Il Great Trans Mountain Pipeline inizia a funzionare in Canada

Dopo 12 anni, 34 miliardi di dollari di investimenti e circa 15.000 lavoratori, la Trans Mountain Pipeline ha iniziato ad operare in Canada. Questo oleodotto è vitale per l’economia canadese e, soprattutto, per l’industria petrolifera. Il Canada, pur possedendo alcune delle riserve petrolifere più grandi al mondo, storicamente ha dovuto affrontare due problemi o ostacoli: il primo è la difficoltà di trasportare il petrolio greggio dalle sue aree di produzione (che non hanno accesso al mare) alle aree che consumano di più dell’olio. Petrolio greggio nel mondo, che ne limita notevolmente la produzione. L’altro è il petrolio greggio di bassa qualità, che viene estratto principalmente dalla cosiddetta sabbia bituminosa. È da queste sabbie che si estrae il petrolio greggio, pesante e molto viscoso, che deve essere venduto sul mercato con sconti significativi. Ora, con l’apertura di Trans Mountain, i produttori di sabbie bituminose dovranno affrontare meno ostacoli.

Il Canada produce circa 4,5 milioni di barili di petrolio greggio al giorno e si colloca regolarmente tra i primi cinque produttori di petrolio al mondo. Ora, le aziende che estraggono petrolio dalle sabbie possono trarre vantaggio dall’apertura della Trans Mountain per aumentare la loro produzione e vendere più petrolio negli Stati Uniti: “L’oleodotto ha il potenziale per aumentare significativamente le esportazioni di petrolio, ma la piena spinta che potrebbe ricevere difficilmente sarà possibile realizzarlo prima di qualche tempo”, spiega Capital Economics.


Il progetto aumenta Capacità dell’oleodotto da 300.000 barili al giorno a 890.000. Poiché il Canada ha recentemente esportato quasi 4 milioni di barili al giorno, l’espansione ha il potenziale per aumentare le esportazioni di petrolio del 15%. Secondo i calcoli di Capital Economics, ciò aumenterebbe le esportazioni totali del 2,5%, pari allo 0,7% del PIL.

READ  Il 26 gennaio le azioni ponderate per Taiwan hanno perso lo 0,23%.


Tuttavia, il suo potenziale non sarà visibile prima di alcuni mesi. Gli analisti spiegano che gli ostacoli logistici nei porti (si prevede che l’espansione moltiplicherà per sette il numero di petroliere che viaggiano nelle acque intorno a Vancouver e Victoria) stanno ritardando il suo lancio completo. “Ciò significa che il gasdotto potrà funzionare solo a metà della sua capacità. Inoltre, i costi di spedizione saranno elevati a causa del massiccio superamento dei costi del progetto. La sola tariffa per il gasdotto ammonterebbe a 11 dollari al barileche è già il doppio del tasso di trasporto diretto tramite gasdotto verso l’hub di Cushing negli Stati Uniti”, ha spiegato Capital Economics.


“Tutto ciò rende difficile quantificare il potenziale impatto sul PIL. Nelle nostre previsioni, abbiamo ipotizzato che il progetto sarebbe entrato in funzione alla fine di questo mese e avrebbe raggiunto lentamente la piena capacità entro 12 mesi operativo e sarà messo in servizio un po’ prima”. La capacità potrebbe aumentare fino al 50% più velocemente di quanto ipotizzato. In breve, l’inizio delle operazioni questa settimana significa che c’è qualche rischio al rialzo per le nostre aspettative che il PIL rimanga stabile nel secondo trimestre .


Petrolio: dalla sabbia al mare


In questo modo, le sabbie bituminose (che vengono estratte da quelle che vengono chiamate sabbie bituminose o sabbie continentali) fluiranno dalla regione dell’Alberta (paese centrale) verso i porti della costa occidentale. Il Canada ha la più grande riserva di sabbie bituminose del mondo, il che rende l’industria di questo paese piuttosto speciale.


READ  Le prime esportazioni coreane sono cresciute in segno di elasticità della domanda globale

è previsto che Questo tipo di “minerale sabbioso” Si potrebbero estrarre tra 160.000 e 170.000 barili di petrolio, quindi, se calcolato, il Canada diventerebbe il terzo o quarto paese al mondo con le maggiori riserve petrolifere accertate, vicino ai potenti Iran e Arabia Saudita.


L’olio scorre dalla sabbia


Le sabbie bituminose sono una parte importante della produzione di petrolio in Canada. Nel 2023, circa il 77% della produzione totale del paese proveniva da sabbie bituminoseIl che rappresenta circa 3,79 milioni di barili al giorno. Il restante 23% della produzione canadese, ovvero circa 1,12 milioni di barili al giorno, proveniva da greggio leggero estratto da giacimenti convenzionali, che hanno riserve accertate stimate in circa 4,3 miliardi di barili (l’OPEC alza la stima delle riserve di petrolio convenzionale a 4,7 miliardi di barili), come spiega Jorge. Navarro, vicepresidente dell’AGGEP (Associazione Spagnola dei Geologi e Geofisici del Petrolio), ha dichiarato a elEconomista.es.


Tenendo conto di questo tipo di olio, Il Canada è una vera potenza: “Con riserve accertate stimate in circa 160 miliardi di barili, le sabbie bituminose del Canada si distinguono come uno dei maggiori accumuli di petrolio del mondo, collocando il paese al terzo posto, dietro Venezuela e Arabia Saudita, in termini di riserve accertate di petrolio”. dice Navarro.




Desideria Zullo
Desideria Zullo
"Educatore generale della birra. Pioniere del caffè per tutta la vita. Sostenitore certificato di Twitter. Fanatico di Internet. Professionista dei viaggi."

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Popular Articles