venerdì, Giugno 14, 2024

Top 5 This Week

Related Posts

Questa è la storia dietro la frase “Dammi il tuo pettine e il pettine della mia anima” dalla canzone “Viento” di Kevanis

L'album di debutto di Kaifanis ha segnato un prima e un dopo nel rock messicano nel 1988

Il primo album di Caifanesuscito il 28 agosto 1988, è stata una pietra miliare nella storia del film Rock messicano, fondendo il rock gotico europeo con i suoni locali del Messico. Conosciuto anche come Primo volumequesto album si è affermato come un riferimento in Musica iberoamericanaSecondo la rivista americana, si colloca al 69° posto tra i migliori album rock spagnoli Sul bordo.

Caifanes È apparso sotto forma di un quartetto composto da Saulo Hernandez (voce e chitarra), Diego Herrera (tastiera), Sapo Romo (basso) e Alfonso André (batteria), caratterizzata dal suo stile e aspetto “dark”. I singoli di spicco dell'album includono: “Mátenme por me muero”, “La negra Tomasa” e “Viento”. Questo lavoro non solo sfidò le aspettative musicali dell'epoca, ma ridefinì anche il ruolo degli artisti messicani in un campo dominato da musicisti spagnoli e argentini.

impatto Caifanes Nella scena musicale non è stato casuale. Dopo il silenzio impostogli Rock messicano A causa di varie circostanze politiche e sociali, come il massacro di Tlatelolco, l'Avandaro Rock Festival e Ruedas, che portarono alla messa al bando del genere nei media e nei luoghi pubblici, la band riuscì a rivitalizzare la scena della musica rock nel paese. Questa rivitalizzazione rifletteva non solo la raffinatezza musicale ma anche la ribellione contro le restrizioni culturali e sociali del tempo.

Caifanes fonde il rock gotico europeo con antiche melodie messicane, creando un suono unico

Durante la produzione dell'album, la band e il suo produttore, Cucciolo di Lopezha scelto uno stile di lavoro in studio meno tradizionale, caratterizzato da spontaneità e sperimentazione, ottenendo un suono distintivo e originale.

READ  "Siamo un bug nel sistema" e ne siamo orgogliosi

Collaborare con Gustavo Serati Suonare la chitarra per “La Bestia Humana” ha aggiunto ulteriore valore al progetto. Al di là degli aspetti tecnici, l'album è una testimonianza del patrimonio culturale della band, che cerca di fondere influenze musicali internazionali con elementi tradizionali messicani, come evidenziato da brani come “La Negra Tomasa”.

Saulo Hernández, Leader della famosa rock band messicana Caivannes, Ha rivelato la storia dietro una delle frasi più emblematiche della band contenuta nella canzone “venti”. Questo brano, che è diventato un classico nella discografia del gruppo e un inno per generazioni, contiene la frase “Prestami il tuo pettine e pettina la mia anima”, una metafora che incarna lo stile di canto distintivo di Kevanis.

Il musicista ha raccontato questa frase, evidenziando un incontro casuale che è diventato fonte di ispirazione. Secondo il cantante, l'origine di questi versi risale a una notte a Città del Messico, prima che Kifanis registrasse il suo primo album.

Tra i singoli dell'album di debutto di Kevanis spiccano “Kill Me Because I'm Dying”, “La negra Tomasa” e “Viento”

Hernandez accompagnato Diego Herrera, Il tastierista e il sassofonista della band stavano mangiando tacos per cena quando furono avvicinati da un uomo più anziano, di circa 70 anni. Inizialmente sembrava uno scontro a causa della sua acconciatura audace, rispetto ad alcuni con la band Il trattamento comunque Hernandez lo chiamava scherzosamente “trocotro”, in riferimento al personaggio interpretato dall'attore messicano Tintin, e si rivelò essere un gesto di apprezzamento per l'audacia dei giovani musicisti.

“Molto tempo fa, io e Diego, quando non stavamo registrando un album, stavamo appena iniziando tutta questa storia… e stavamo mangiando dei tacos a Città del Messico. Poi uscivamo con i capelli ritti. Molte persone dicono che era come The Cure Ma no… era come Trucutrú! (una personalità) L'attore Tintin

Fatto sta che a tavola c'erano una coppia, ed erano già cresciuti; Gli uni dagli altri 70 Anni, immagino. L'uomo ci guardò con un'intensità un po' strana. Si alzò, si diresse verso di noi e disse: “Voglio congratularmi con te per aver avuto il coraggio di uscire in strada con questo look!”

La band sfida le aspettative e ridefinisce il ruolo dei musicisti messicani nella scena musicale latinoamericana

L'uomo, che ha attirato l'attenzione di Hernandez e Herrera, ha regalato loro un fazzoletto con la scritta “Prestami il tuo pettine e pettina la mia anima!”. Questa interazione, caratterizzata dalla spontaneità e dalla generosità di uno sconosciuto, ha ispirato Hernandez a incorporare questo verso in quella che alla fine divenne una delle canzoni più amate di Kevanis.

READ  Manet e Degas, una storia di ammirazione e rivalità, in un'ambiziosa mostra al MET
Chiara Pisano
Chiara Pisano
"Drogato televisivo certificato. Ninja zombi esasperatamente umile. Sostenitore del caffè. Esperto del Web. Risolutore di problemi."

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Popular Articles