Febbraio 27, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Questo strano pesce di 380 milioni di anni fa respira aria

Questo strano pesce di 380 milioni di anni fa respira aria

Questa è una ricostruzione di Harajicadectes zhumini, un pesce con pinne lobate lungo 40 cm.

Immagine: Brian Chu, Flinders University

In Australia, un gruppo di ricercatori ha trovato fossili di un nuovo tipo di pesce del periodo devoniano che sembrava respirare aria. I resti sono stati trovati nel fiume Finke, noto per essere uno dei fiumi più antichi del mondo. (Leggi: L'intelligenza artificiale decodifica la pergamena che era illeggibile 2.000 anni fa)

E i risultati pubblicati sulla rivista Giornale di paleontologia dei vertebratiI ricercatori hanno descritto questa nuova specie, che secondo loro è un pesce predatore con pinne lobate, grandi zanne e scaglie ossee.

La nuova specie, vissuta 380 milioni di anni fa, è stata chiamata Harajicadectes zhumini dal luogo in cui sono stati ritrovati i fossili. Rende anche omaggio a Min Zhou, professore dell'Accademia cinese delle scienze, noto per le sue ricerche sui primi vertebrati.

Brian Chu, professore alla Flinders University e autore principale dello studio, afferma che i fossili di questo pesce fanno parte della stirpe dei tetrapodi. “Alcuni di loro sono diventati antenati dei tetrapodi (e poi degli esseri umani)”, afferma il ricercatore. (Puoi leggere: Scoperta di un nuovo tipo di pterosauro giurassico)

Tuttavia, nella nuova specie (Harajicadectes), che può crescere fino a 40 cm, si riscontra una particolarità: si distingue per le sue grandi aperture nella parte superiore del cranio. Agli occhi dei ricercatori sono proprio queste aperture, tecnicamente note come strutture a spirale, a facilitare la respirazione dell'aria in superficie.

“I basilischi africani moderni hanno strutture simili all'aspirazione dell'aria sulla superficie dell'acqua. Questa caratteristica appare in più lignaggi di tetrapodi di Muddorf all'incirca nello stesso periodo durante il Medio Tardo Devoniano”, affermano nel documento.

READ  La Merkel dà impulso ai socialdemocratici congratulandosi con Schulz

Da parte sua, Flinders John Long, esperto di pesci fossili e coautore della nuova scoperta, afferma: “La comparsa simultanea di questo adattamento alla respirazione atmosferica potrebbe aver coinciso con il periodo di declino dell’ossigeno atmosferico durante il periodo devoniano medio. .” (Leggi anche: La mascella di un cane “cresce” di nuovo dopo che è stata rimossa a causa del cancro)

Il ricercatore ha aggiunto che questa caratteristica potrebbe dimostrare che questa specie ha la capacità di integrare la respirazione branchiale con l'ossigeno, il che potrebbe rappresentare un “vantaggio adattivo”.

👩‍🔬📄 Vuoi conoscere le ultime novità sulla scienza? Ti invitiamo a vederli a El Espectador. 🧪🧬