Settembre 23, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Scarpe con plateau dell’Italia rinascimentale

Scarpe con plateau dell’Italia rinascimentale

Siamo in giro da sempre Indossare scarpe alte. Gli antichi romani e greci indossavano sandali spessi. con Kabakipo blocchi di legno, i cui piedi venivano posti sul pavimento bagnato dei bagni nell’impero ottomano.

Ma la scarpa grattacielo è senza dubbio il chapin indossato dalla nobiltà veneziana alla fine del XVI secolo. L’esemplare più alto che conosciamo di questa scarpa con zeppa (a sinistra), conservato oggi al Museo Stefano Bardini di Firenze, misura una torta di 55 centimetri. Un altro non così vertiginoso, ma non per questo meno impressionante (al centro), può essere apprezzato al Museum of Fine Arts di Boston dal 9 settembre al 7 gennaio.

Le pantofole veneziane non sono qualcosa da vedere, dice Elisabeth Semmelhach, direttrice del Bada Shoe Museum di Toronto (che espone anche un sandalo). Erano nascosti sotto la gonna dell’utente. Scarpe alte, gonne lunghe e l’esposizione di tessuti lussuosi annunciavano la ricchezza della famiglia e alimentavano l’economia veneziana.

Le spose che incontrano queste scarpe per la prima volta si rivolgono a un insegnante di danza classica che insegna loro come camminarci dentro. Ma i sandali molto alti richiedevano il supporto di un assistente su ciascun lato della donna, che avanzava “come un carro da parata”, dice Semmelhaag.

Per le donne “alte” circondate da stampelle umane, le pantofole erano un segno di status… proprio come lo sono oggi i tacchi di Manolo Blahnik.

READ  Le spese mediche spingono nella povertà 378.629 famiglie in Italia

Questo articolo è basato sul numero di settembre 2023 Dalla rivista National Geographic.