Aprile 24, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Strane costruzioni costruite nel Sud Italia per ingannare un re – Idealista/News

Strane costruzioni costruite nel Sud Italia per ingannare un re – Idealista/News

Situate negli splendidi paesaggi della Puglia, nel sud Italia, troviamo testimonianze dell'ingegno e della resistenza che hanno fatto di un tipo di architettura il suo segno distintivo. Ci riferiamo ad Alberobello, una piccola cittadina del sud Italia Nacque come semplice comunità agricola nel XVI secolo, in circostanze insolite. La sua esistenza fu causata dal conte Giangirolamo Acquaviva, il cui tentativo di frodare il governo portò al suo particolare lascito architettonico.

Quando il conte Aquaviva fu citato davanti al tribunale del Regno di Napoli, giustificò il mancato pagamento delle tasse sulle case dei suoi possedimenti. Con una mossa coraggiosa, Sostenendo che non esistevano case del genere, inviò la corte a ispezionare la sua terra.. Pertanto, prima che i rappresentanti del tribunale arrivassero sul posto, avevano pianificato di demolire queste case, trasferire i residenti nella foresta e attendere il completamento dell'ispezione.

Quando la corte se ne andò, il popolo, soddisfatto della spiegazione del conte, poté ritornare ad una condizione: Possono costruire solo case che possono essere rapidamente rimosse.. Così nacquero i trulli. Costruite senza malta, queste strutture uniche erano costituite da mattoni impilati e potevano essere rimosse rimuovendo il supporto centrale.

Fare di necessità virtù

Per secoli Alberobello fiorì sotto il dominio feudale e i suoi cittadini padroneggiarono l'arte di costruire e vivere all'interno dei trulli. Tuttavia, nel 1797, i venti del cambiamento spazzarono la regione. Forti di una nuova autonomia, i cittadini di Alberobello presentarono una petizione al re Ferdinando IV di Napoli, figlio del popolare re spagnolo Carlo III. Essere liberati dalla schiavitù. La loro richiesta fu accolta e Alberobello fu dichiarato libero comune fedele alla corona.

READ  L'Italia rende più flessibile l'ingresso dell'Argentina | Cosa dovrebbero pagare i visitatori

Liberati dalle catene del feudalesimo, gli abitanti di Alberobello non temono più la demolizione delle loro case. Tuttavia, Non hanno lasciato lo strano stile architettonico dei trulliOnorare la loro eredità e preservarla come simbolo della loro resilienza contro le avversità.

Anche se possiamo trovare alcuni trulli in tutta la Valle d'Itria, la maggiore concentrazione e gli esempi meglio conservati di questa forma architettonica si trovano nella città di Alberobello. Più di millecinquecento strutture di questo tipo Nei quartieri Rion Monti e Aja Piccola. Grazie all'elevata densità di questo tipo di costruzioni, Alberobello è stata dichiarata Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO nel 1996.

Un esempio della tecnica della pietra a secco

I carrelli sono chiari esempi di costruzione a sbalzo in pietra a secco, una tecnica costruttiva preistorica ancora utilizzata nella zona. Queste strutture sono caratteristiche Tetti piramidali, a volta o conici costruiti con strati di pietra calcarea. Erano costruiti principalmente in pietra calcarea basica, estratta dal sito durante lo scavo di serbatoi sotterranei e ottenuta da campi e rocce vicini.

Le sue pareti imbiancate sono costruite direttamente sulla roccia calcarea, utilizzando la tecnica dei muretti a secco, senza malta né cemento, con doppia pelle e nucleo in macerie. Hanno anche porte e piccole finestre Caminetti interni e nicchie ricavate in spessi muri. I tetti sono a doppia pelle, con una pelle interna a volta in pietra, una pietra di copertura e un cono esterno impermeabile costruito con lastre di pietra calcarea a sbalzo. chiancarelle.

La struttura del tetto si appoggia alle pareti utilizzando angoli semplici, consentendo il passaggio dalla struttura rettangolare delle pareti alle sezioni circolari o ovali dei tetti. Questi tetti sono solitamente Simboli mitologici o religiosi in frassino bianco Un pinnacolo decorativo che cerca di allontanare influenze malvagie o sfortuna. L'acqua piovana viene raccolta tramite grondaia alla base del tetto e deviata in una cisterna sotto casa.

READ  "Introdotto in Italia"