Aprile 12, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Tre cubani arrestati in Italia per aver derubato gli anziani

Tre cubani arrestati in Italia per aver derubato gli anziani

Tre cubani sono stati arrestati in Italia per una serie di rapine contro anziani, soprattutto nei supermercati della capitale.

Secondo quanto riportato dalla stampa locale, gli indagati, partiti da Roma, sarebbero stati coinvolti in una rapina a Passo Corse prima di dirigersi ad Anguilara, dove sarebbero stati fermati dalla Polizia di Stato nel parcheggio di un supermercato locale.

Gli investigatori della Questura di Romanina sono già da tempo sulle tracce di diversi soggetti che operano nella loro zona effettuando rapine in questo tipo di esercizi, prendendo di mira soprattutto gli anziani.

Gli agenti hanno tenuto sotto sorveglianza un edificio a Torre Spacata e hanno seguito con discrezione i cubani che viaggiavano su una berlina tedesca presa a noleggio.

“La loro prima fermata è stata una sede delle forze dell'ordine, dove uno dei tre è entrato per ottemperare a un obbligo derivante da un precedente procedimento penale.” Un giornale locale recensisce.

Tuttavia, gli eventi hanno preso una piega diversa quando i sospettati hanno tentato di fuggire dalla polizia, che ha cercato di impedire la fuga dei tre criminali.

Nonostante gli inviti a fermarsi, l'autista non si è fermato per un agente, che è saltato a lato della strada per evitare di essere investito.

In altre notizie: Un cubano in Italia è stato condannato al carcere per rapina

Ne è seguito un inseguimento nel corso del quale, pochi minuti dopo, i sospettati sono stati arrestati ad Anguillara.

Ma gli stessi cubani avrebbero fatto un ultimo tentativo per sfuggire agli agenti, ma era troppo tardi perché, in un batter d'occhio, furono circondati.

READ  La Spagna perde 80 miliardi e 5mila posti di lavoro: Intel sceglie l'Italia

Adesso i tre elementi antisociali dell'isola devono pagare per i loro crimini e attendere la conferma delle autorità italiane.

Editoriale dei cubani nel mondo