Gennaio 17, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

ammassi globulari | Scoprono una struttura stellare per le prime fasi della Via Lattea | Spagna | NNDC | tecnologia

Un team di ricercatori ha scoperto una struttura a stella fin dalle prime fasi di , l’Istituto spagnolo di astrofisica delle Isole Canarie (IAC) ha riferito questo mercoledì, che ha indicato, in una dichiarazione, che si tratta del più antico residuo di ammasso globulare trovato finora.

Discovery pubblicato questo mercoledì sulla rivista temperamento natura, e in tutti i dati del satellite Gaia di colui il quale Con le osservazioni effettuate al Gran Telescopio Canarias, installato presso l’Osservatorio Roque de los Muchachos (isola spagnola di La Palma), insieme ai telescopi CHFT e Gemini-Nord presso l’Osservatorio Mauna Kea (Hawaii).

il gruppi di palline Sono ammassi di stelle, generalmente molto antichi, che si trovano ai margini delle galassie, e nel caso dell’ammasso scoperto in questa indagine, le stelle contengono un contenuto molto basso di elementi pesanti.

questa scoperta Apre una finestra unica e diretta sui primi tempi della formazione stellare nell’universo‘”, afferma Nicholas Martin, ricercatore presso l’Osservatorio di Strasburgo, che sta conducendo questo lavoro, e che aggiunge che ciò che è stato trovato sono i resti dell’epoca in cui furono create le prime strutture stellari.

Fino ad ora, non si conosceva l’esistenza di ammassi globulari che contengono pochissimi elementi, il che rende questa scoperta fondamentale per capire come si sono formate le stelle nell’universo primordiale.

Per studiare le prime strutture stellari formatesi in essendo, gli astronomi possono guardare le galassie più lontane, o studiare in grande dettaglio le strutture più antiche della Via Lattea, una metodologia chiamata Archeologia Galattica.

La maggior parte delle stelleche ci circonda, come il sole, formatosi nella nostra galassia. Tuttavia, una piccola parte delle stelle e degli ammassi della Via Lattea, che si trovano nelle regioni circostanti, è stata portata da galassie più piccole.Spiega Junay Gonzalez, ricercatore presso l’Instituto de Astrofísica de Canarias e coautore dell’articolo.

READ  Lo Switch è nel mezzo del suo ciclo di vita, secondo il capo di Nintendo

L’ammasso scoperto in questo modo potrebbe essere stato inserito, ma stava perdendo le sue stelle in orbita attorno alla galassia a causa delle pressioni di marea, lasciando “L’impronta celeste delle stelle”, Aggiungere.

Questa scoperta è stata resa possibile dai dati ottenuti dalla missione satellitare Gaia dell’Agenzia spaziale europea (ESA) e dall’identificazione di stelle primordiali da parte di scansione originale, che è in corso presso il Canada-France-Hawaii Telescope (CFHT), sul Mauna Kea.

Il team di ricercatori ha esplorato la mappa registrata dal satellite Gaia, utilizzando un nuovo algoritmo per isolare questi rari ammassi di stelle.

Una delle strutture scoperte era un nuovo flusso stellare, che il team ha soprannominato “C-19”.

Parallelamente, lo studio di Pristine, delle Hawaii, ha mappato il cielo per misurare sistematicamente la proporzione di elementi pesanti in milioni di stelle, e la combinazione di questi due studi ha rivelato che C-19 contiene stelle con una percentuale estremamente bassa di elementi pesanti.

Osservazioni di follow-up utilizzando il Gemini North Telescope alle Hawaii e il Gran Telescopio Canarias (GTC o Grantecan) a La Palma hanno confermato la natura a grappolo sferico dell’oggetto turbolento, nonché livelli estremamente bassi di elementi pesanti: 0,04% inferiori a quelli in il Sole e molto più basso di qualsiasi altra struttura conosciuta nell’universo.

note in Grantkan Sono stati fondamentali per confermare questa struttura primitiva, che è stata determinata combinando le mappe della missione Gaia con le osservazioni in altri telescopi sulla Terra, commenta Carlos Allende, ricercatore IAC e coautore dell’articolo.

Il team di ricercatori in questo lavoro ha il contributo del ricercatore Guillaume Thomas, dell’IAC.

di serie

READ  Nvidia preparerà RTX 3050 e RTX 3050 Ti per desktop e queste saranno le loro specifiche

saperne di più

Video consigliato

La NASA lancia un veicolo spaziale per scontrarsi con un asteroide

La NASA lancia un veicolo spaziale per scontrarsi con un asteroide
Martedì la NASA ha lanciato un veicolo spaziale che prevede di colpire deliberatamente un asteroide nell’autunno del 2022 per distorcere la sua orbita, in una missione di prova senza precedenti che fa parte della strategia di difesa planetaria dell’agenzia statunitense. (Fonte: America TV)

Potrebbe interessarti